Giovedì 13 Dicembre 2018 | 18:37

NEWS DALLA SEZIONE

Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

 
Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

 
Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

 
Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

 
Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

 
Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

 
Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

 
Riso: Comitato Ue si spacca su ripristino dazi

Riso: Comitato Ue si spacca su ripristino dazi

 
Raggiunta intesa Ue su norme 'antidumping' autotrasportatori

Raggiunta intesa Ue su norme 'antidumping' autotrasportatori

 
Avvocato Ue, Gran Bretagna può fermare Brexit unilateralmente

Avvocato Ue, Gran Bretagna può fermare Brexit unilateralmente

 
Manovra: ok Eurogruppo a opinione Commissione Ue

Manovra: ok Eurogruppo a opinione Commissione Ue

 

Bce: HB, tre italiani in pole per Vigilanza bancaria

Bce: HB, tre italiani in pole per Vigilanza bancaria

BERLINO - Potrebbe essere italiano il prossimo numero uno alla vigilanza bancaria della Bce, secondo quanto riporta Handelsblatt di oggi che titola il suo articolo: "Italia ante portas". Il prossimo candidato "potrebbe appartenere ad un Paese dell'Europa del Sud", dopo la francese Danièle Nouy, e "l'Italia ha segnalato il suo interesse", si legge sul quotidiano economico.

 

Tre sono i candidati papabili secondo le fonti brussellesi di HB, tutti con esperienze nelle istituzioni europee: Andrea Enria, dal 2011 alla presidenza dell'Eba, Ignazio Angeloni, dal 2014 nel consiglio della Vigilanza bancaria e Fabio Panetta, nel board di Banca d'Italia.

 

"L'Italia è ben posizionata per la successione della Nouy perchè dal prossimo anno perderà in un colpo tre posti importanti alla guida delle istituzioni comunitarie", continua Handelsblatt. "A fine 2019 termina l'incarico di Mario Draghi alla Bce, a fine ottobre l'incarico di Federica Mogherini come Alto Rappresentante dell'Unione per gli Affari Esteri, e il presidente del parlamento europeo, Antonio Tajani, dovrà lasciare già in luglio 2019", riporta il giornale economico. Dunque l'Italia "il terzo grande Stato della Ue può contare di occupare uno degli incarichi di maggior rilievo nella Ue" si legge sul quotidiano di oggi.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400