Martedì 18 Dicembre 2018 | 22:13

NEWS DALLA SEZIONE

Eurozona, l'inflazione annuale a novembre scende a 1,9%

Eurozona, l'inflazione annuale a novembre scende a 1,9%

 
Eurozona: surplus di 14 mld commercio internazionale ad ottobre

Eurozona: surplus di 14 mld commercio internazionale ad ottobre

 
May, l'Ue disponibile ad altri chiarimenti su Brexit

May, l'Ue disponibile ad altri chiarimenti su Brexit

 
Migranti: Belgio, fuori da Schengen chi blocca Dublino

Migranti: Belgio, fuori da Schengen chi blocca Dublino

 
Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

 
Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

 
Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

 
Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

 
Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

 
Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

 
Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

 

L'Ue celebra il mezzo secolo di Unione doganale

L'Ue celebra il mezzo secolo di Unione doganale

BRUXELLES  - L'Unione doganale europea compie mezzo secolo:  il primo luglio è stato l'anniversario della sua istituzione (primo luglio 1968) tra gli allora sei Paesi fondatori della Cee: Francia, Germania, Italia, Olanda, Belgio e Lussemburgo. "L'unione doganale - ha sottolineato per l'occasione Pierre Moscovici, commissario per gli affari economici, la fiscalità e le dogane - è una realizzazione unica ed eccezionale, che consente agli europei di cogliere appieno i benefici del mercato interno, con scambi commerciali fluidi e consumatori sicuri. Sono riconoscente alle migliaia di persone che negli ultimi 50 anni hanno contribuito e continuano a contribuire a questa realizzazione europea".

 

Con l'abolizione dei dazi doganali sul commercio di beni in quella che ora è l'Ue, l'unione doganale ha segnato il primo passo decisivo verso la trasformazione dell'Ue nel principale blocco commerciale del mondo - con il 16% degli scambi per un valore di oltre 3,5 miliardi di euro - in cui le 28 amministrazioni doganali dell'Ue agiscono come un'unica entità. In una nota, la Commissione europea ricorda che "l'unione doganale si è trasformata in una pilastro del nostro mercato unico, tutelando le frontiere dell'Ue e proteggendo i nostri cittadini da merci vietate e pericolose, come armi e stupefacenti, e favorendo inoltre una costante crescita della quota del commercio mondiale". L'unione doganale, inizialmente prevista dal trattato di Roma, nel 1968 ha abolito i dazi doganali riscossi alle frontiere fra gli Stati membri della Comunità europea.

 

 

Oggi è diventata un'area commerciale unica in cui tutte le merci possono circolare liberamente, siano esse prodotte nell'Ue o al di fuori delle sue frontiere. Il dazio sui beni provenienti dall'esterno dell'UE è di norma pagato all'entrata nell'Ue. In tal modo le dogane garantiscono il pagamento di tali dazi e la protezione degli interessi finanziari dell'Unione e dei suoi Stati membri.

 

 

Le dogane impediscono inoltre l'ingresso nell'Unione di prodotti che rappresentano un rischio per la sicurezza o la salute dei cittadini dell'UE, bloccano merci oggetto di traffico e di contrabbando o che presentano un pericolo per l'ambiente e il patrimonio culturale europeo oppure merci che pregiudicano gli interessi finanziari dell'Ue e dei suoi Stati membri. Le autorità doganali nazionali di tutti i paesi dell'Ue - ricorda ancora Bruxelles - sono principalmente responsabili della gestione del complesso funzionamento quotidiano dell'unione doganale e a tal fine collaborano fra loro e con la Commissione. Allo stesso tempo è fondamentale una più ampia cooperazione internazionale per proteggere gli interessi delle imprese e dei cittadini europei a livello mondiale.

 

 

A tal fine l'Ue ha firmato oltre 50 accordi internazionali che disciplinano la cooperazione doganale e la reciproca assistenza amministrativa con 80 paesi al di fuori dell'UE per potenziare i controlli e l'applicazione nonché per semplificare e armonizzare le procedure doganali, riducendo così gli oneri e i costi amministrativi per le imprese europee.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400