Lunedì 10 Dicembre 2018 | 20:20

NEWS DALLA SEZIONE

Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

 
Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

 
Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

 
Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

 
Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

 
Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

 
Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

 
Riso: Comitato Ue si spacca su ripristino dazi

Riso: Comitato Ue si spacca su ripristino dazi

 
Raggiunta intesa Ue su norme 'antidumping' autotrasportatori

Raggiunta intesa Ue su norme 'antidumping' autotrasportatori

 
Avvocato Ue, Gran Bretagna può fermare Brexit unilateralmente

Avvocato Ue, Gran Bretagna può fermare Brexit unilateralmente

 
Manovra: ok Eurogruppo a opinione Commissione Ue

Manovra: ok Eurogruppo a opinione Commissione Ue

 

Pulire il mare grazie ai pescatori, Toscana presenta progetto a Bruxelles

Pulire il mare grazie ai pescatori, Toscana presenta progetto a Bruxelles

BRUXELLES - Ripulire il mare grazie al lavoro dei pescatori. E' l'obiettivo del progetto sperimentale "Arcipelago pulito" lanciato dalla Regione Toscana a Livorno, dove da due mesi sei pescherecci riportano a terra la plastica che resta impigliata nelle reti al largo. Attualmente, secondo la legge, "non possono metterla in stiva ma la devono ributtare in mare, altrimenti diventano produttori di rifiuti speciali", spiega Vittorio Bugli, assessore alla presidenza della Toscana.

 

 

Con la sperimentazione, i pescatori in due mesi hanno raccolto 850 chilogrammi di rifiuti, in gran parte plastica, 5 chili al giorno per imbarcazione. Ora si tratta di superare la fase sperimentale. Per questo la Toscana sta lavorando a una proposta di legge per superare il vuoto normativo. La Regione ha presentato il progetto questo pomeriggio al Parlamento europeo insieme a Simona Bonafé.

 

L'eurodeputata Pd ha preparato infatti un emendamento alla direttiva europea dedicata alle "strutture portuali per la consegna dei rifiuti dalle navi", proposta dalla Commissione Ue, per disporre che gli oneri dello smaltimento della plastica pescata non ricadano sui pescatori.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400