Venerdì 14 Dicembre 2018 | 23:40

NEWS DALLA SEZIONE

May, l'Ue disponibile ad altri chiarimenti su Brexit

May, l'Ue disponibile ad altri chiarimenti su Brexit

 
Migranti: Belgio, fuori da Schengen chi blocca Dublino

Migranti: Belgio, fuori da Schengen chi blocca Dublino

 
Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

 
Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

 
Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

 
Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

 
Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

 
Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

 
Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

 
Riso: Comitato Ue si spacca su ripristino dazi

Riso: Comitato Ue si spacca su ripristino dazi

 
Raggiunta intesa Ue su norme 'antidumping' autotrasportatori

Raggiunta intesa Ue su norme 'antidumping' autotrasportatori

 

Cocaina nei fiumi, interrogazione Borghezio a Commissione Ue

Cocaina nei fiumi, interrogazione Borghezio a Commissione Ue

BRUXELLES - "C'è un pericolo in Europea, a causa della troppa cocaina nelle acque". Lo rileva l'europarlamentare della Lega Mario Borghezio a margine della sua interrogazione presentata alla Commissione Europea.

 

"Una ricerca dell'Università di Napoli rivela la presenza di tracce di cocaina nei fiumi europei, soprattutto vicino alle grandi città - scrive Borghezio -. Per questo, le anguille sono a rischio estinzione. Infatti, in pochi giorni la droga si accumula nel cervello, nei muscoli, nella pelle e in altri tessuti mettendo la fauna ittica in serio pericolo compromettendone anche le migrazioni".

 

Borghezio aggiunge che "gli studiosi pensano che i danni potrebbero riguardare anche altri animali marini, soprattutto i pesci stanziali rivelando anche che potrebbe esserci una conseguenza negativa lungo tutta la catena alimentare".

 

L'europarlamentare chiede quindi alla Commissione europea "come intende intervenire per tutelare la salute dei cittadini europei nonché preservare i fiumi europei e la loro fauna marina dalla contaminazione di cocaina".

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400