Lunedì 10 Dicembre 2018 | 12:11

NEWS DALLA SEZIONE

Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

 
Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

 
Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

 
Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

 
Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

 
Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

 
Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

 
Riso: Comitato Ue si spacca su ripristino dazi

Riso: Comitato Ue si spacca su ripristino dazi

 
Raggiunta intesa Ue su norme 'antidumping' autotrasportatori

Raggiunta intesa Ue su norme 'antidumping' autotrasportatori

 
Avvocato Ue, Gran Bretagna può fermare Brexit unilateralmente

Avvocato Ue, Gran Bretagna può fermare Brexit unilateralmente

 
Manovra: ok Eurogruppo a opinione Commissione Ue

Manovra: ok Eurogruppo a opinione Commissione Ue

 

Pe apre procedura per Ungheria, rischia sanzioni

Pe apre procedura per Ungheria, rischia sanzioni

BRUXELLES, 25 GIU - La commissione Libertà civili del Parlamento europeo ha approvato una risoluzione che chiede agli stati membri di attivare la procedura di sanzioni prevista dall'articolo 7 del trattato Ue, contro l'Ungheria accusata di violazioni dello stato di diritto. La procedura potrebbe anche portare Budapest a perdere il suo diritto di voto in seno all'Ue. La mozione è passata con 37 sì e 19 no. Il prossimo passo sarà, a settembre, la discussione in assemblea plenaria al Parlamento europeo.

 

La mozione fa suo il rapporto preparato dall'olandese Judith Sargentini, del gruppo dei Verdi. "Il voto - ha commentato Sargentini - è passato con una maggioranza dei due terzi. Sarebbe bastata una maggioranza semplice, è un risultato molto convincente. Certo, non è che sia una bella situazione, con limitazioni dei diritti dei cittadini ungheresi imposte dal proprio stesso governo - ha aggiunto -. Questo rapporto riguarda il diritto degli ungheresi di leggere media indipendenti, di avere giudici indipendenti, di avere una protezione dei dati. Quello che mi preoccupa è che i cittadini ungheresi sono limitati hanno uno stato di diritto limitato".

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400