Lunedì 17 Dicembre 2018 | 16:23

NEWS DALLA SEZIONE

Eurozona, l'inflazione annuale a novembre scende a 1,9%

Eurozona, l'inflazione annuale a novembre scende a 1,9%

 
Eurozona: surplus di 14 mld commercio internazionale ad ottobre

Eurozona: surplus di 14 mld commercio internazionale ad ottobre

 
May, l'Ue disponibile ad altri chiarimenti su Brexit

May, l'Ue disponibile ad altri chiarimenti su Brexit

 
Migranti: Belgio, fuori da Schengen chi blocca Dublino

Migranti: Belgio, fuori da Schengen chi blocca Dublino

 
Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

 
Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

 
Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

 
Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

 
Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

 
Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

 
Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

 

Tribunale Ue, Pe recuperi 300mila euro da Le Pen

Tribunale Ue, Pe recuperi 300mila euro da Le Pen

BRUXELLES - Il Tribunale dell'Ue, con la sua sentenza odierna, "conferma la decisione del Parlamento europeo di recuperare dall'eurodeputata Marine Le Pen, circa 300mila euro, per l'impiego di un'assistente parlamentare. Le Pen - scrive il Tribunale - non ha dimostrato che l'assistente abbia effettivamente lavorato. Il Tribunale ha respinto integralmente gli argomenti della leader del Rassemblement National (ex Front National).

 

Con decisione del 5 dicembre 2016, il Parlamento aveva deciso che, per il periodo compreso tra il dicembre 2010 e il febbraio 2016, un importo di 298 497,87 euro era stato indebitamente versato a favore di Le Pen a titolo di assistenza parlamentare, e che doveva essere recuperato. 

 

L'importo corrisponde ai pagamenti effettuati dal Parlamento, per una collaboratrice impiegata da Le Pen quale assistente parlamentare locale dal 2010 al 2016. In particolare, il Parlamento contesta a Le Pen di non aver fornito la prova dell'esistenza di un'attività dell'assistente locale, che fosse effettivamente, direttamente ed esclusivamente connessa al suo mandato.

 

La leader di Rassemblement National si era rivolta al Tribunale dell'Unione europea chiedendo di annullare la decisione che il Parlamento. Ma con la sentenza di oggi, il Tribunale respinge il ricorso di Le Pen e conferma la decisione di recupero del Parlamento, respingendo integralmente gli argomenti della leader politica.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400