Martedì 18 Dicembre 2018 | 18:45

NEWS DALLA SEZIONE

Eurozona, l'inflazione annuale a novembre scende a 1,9%

Eurozona, l'inflazione annuale a novembre scende a 1,9%

 
Eurozona: surplus di 14 mld commercio internazionale ad ottobre

Eurozona: surplus di 14 mld commercio internazionale ad ottobre

 
May, l'Ue disponibile ad altri chiarimenti su Brexit

May, l'Ue disponibile ad altri chiarimenti su Brexit

 
Migranti: Belgio, fuori da Schengen chi blocca Dublino

Migranti: Belgio, fuori da Schengen chi blocca Dublino

 
Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

 
Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

 
Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

 
Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

 
Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

 
Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

 
Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

 

Esperti Ue, Paesi ad alto debito creino 'cuscinetto' bilancio

Esperti Ue, Paesi ad alto debito creino 'cuscinetto' bilancio

BRUXELLES  - La ripresa della zona euro, all'inizio fragile, si è trasformata in una solida espansione, ma i Governi non ne stanno approfittando per preparare le loro finanze per il futuro. Specialmente i Paesi ad alto debito devono fare di più per costruirsi un buffer (cuscinetto) di bilancio perché nel 2007, quando scoppiò la crisi, non ne avevano abbastanza. La raccomandazione arriva dallo European Fiscal Board, il gruppo di esperti che 'consiglia' la Commissione Ue e i Governi sulle politiche di bilancio e sull'applicazione del Patto di stabilità.

 

Secondo gli esperti, che lo scorso anno misero in guardia da un'applicazione troppo flessibile del Patto perché rendeva le regole incerte e meno trasparenti, non bisognerebbe stralciare del tutto la flessibilità. Ma bisogna prendere atto che "non siamo più" nella fase in cui c'era bisogno di dare sostegno ai Governi che volevano incentivare la domanda perché l'economia era ancora fragile.

 

 

"L'espansione attuale offre un'opportunità chiara per creare buffer di bilancio", scrivono gli esperti, che suggeriscono di incorporare "l'espansione solida" nei requisiti di aggiustamento di bilancio. Ovvero, renderli più restrittivi e quindi trasformare l'attuale 'fiscal stance' neutrale dell'Eurozona in una maggiormente e apertamente restrittiva.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400