Mercoledì 19 Dicembre 2018 | 16:15

NEWS DALLA SEZIONE

Plastica: c'è l'accordo Ue, restrizioni su monouso dal 2021

Plastica: c'è l'accordo Ue, restrizioni su monouso dal 2021

 
Eurozona, l'inflazione annuale a novembre scende a 1,9%

Eurozona, l'inflazione annuale a novembre scende a 1,9%

 
Eurozona: surplus di 14 mld commercio internazionale ad ottobre

Eurozona: surplus di 14 mld commercio internazionale ad ottobre

 
May, l'Ue disponibile ad altri chiarimenti su Brexit

May, l'Ue disponibile ad altri chiarimenti su Brexit

 
Migranti: Belgio, fuori da Schengen chi blocca Dublino

Migranti: Belgio, fuori da Schengen chi blocca Dublino

 
Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

 
Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

 
Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

 
Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

 
Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

 
Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

 

Lavoro: Ue, offerta sale a 2,1% nel primo trimestre 2018

Lavoro: Ue, offerta sale a 2,1% nel primo trimestre 2018

BRUXELLES - L'offerta di posti di lavoro nella zona euro nel primo trimestre 2018 è salita a 2,1%, dal 2% del trimestre precedente e dall'1,9% del primo trimestre 2017. Lo comunica Eurostat. Nella Ue-28 è stata 2,2% nel primo trimestre 2018, dal 2% dei tre mesi precedenti. Tra gli Stati membri i cui dati sono comparabili, il numero più alto di posti vacanti è stato registrato in Repubblica Ceca (4,8%), Belgio (3,5%), Germania e Svezia (2,9%), Olanda e Austria (2,8%). Al contrario, il numero più basso è stato registrato in Grecia (0,7%), Spagna e Portogallo (0,9%), Bulgaria e Irlanda (1%). I dati italiani, non comparabili con gli altri per la diversa metodologia di calcolo, segnalano un aumento: da 0,8% degli ultimi tre mesi del 2017, sono saliti a 1,2% nei primi tre del 2018.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400