Martedì 11 Dicembre 2018 | 14:58

NEWS DALLA SEZIONE

Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

 
Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

 
Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

 
Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

 
Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

 
Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

 
Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

 
Riso: Comitato Ue si spacca su ripristino dazi

Riso: Comitato Ue si spacca su ripristino dazi

 
Raggiunta intesa Ue su norme 'antidumping' autotrasportatori

Raggiunta intesa Ue su norme 'antidumping' autotrasportatori

 
Avvocato Ue, Gran Bretagna può fermare Brexit unilateralmente

Avvocato Ue, Gran Bretagna può fermare Brexit unilateralmente

 
Manovra: ok Eurogruppo a opinione Commissione Ue

Manovra: ok Eurogruppo a opinione Commissione Ue

 

Governo: Gros, 'piano B' Savona conferma timori tedeschi

Governo: Gros, 'piano B' Savona conferma timori tedeschi

ROMA - Il "piano B" di uscita dall'euro attribuito nelle scorse ore a Paolo Savona, possibile ministro dell'Economia e ora responsabile delle Politiche comunitarie del governo, "sembra confermare i peggiori timori dei tedeschi". Lo scrive Daniel Gros, direttore del Center for European Policy Studies (Ceps), in un paper diffuso dall'istituto di ricerca economica tedesco Ifo.

 

Secondo il responsabile del think tank di Bruxelles "quello che è particolarmente sorprendente è l'aperta intenzione di scaricarlo sul resto del mondo, in particolare sui partner dell'Eurozona". Il "piano B", secondo Gros, "non solo mira all'uscita dell'Italia dall'euro, ma anche a una massiccia svalutazione della nuova lira e a un taglio di circa il 50% del debito italiano" che riguarderebbe "non solo il debito pubblico, ma anche "il debito delle riserve ufficiali" nel sistema Target 2", mentre al contempo "gli italiani ricchi avrebbero la possibilità di mantenere i loro euro all'estero senza tasse".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400