Giovedì 13 Dicembre 2018 | 19:03

NEWS DALLA SEZIONE

Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

 
Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

 
Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

 
Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

 
Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

 
Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

 
Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

 
Riso: Comitato Ue si spacca su ripristino dazi

Riso: Comitato Ue si spacca su ripristino dazi

 
Raggiunta intesa Ue su norme 'antidumping' autotrasportatori

Raggiunta intesa Ue su norme 'antidumping' autotrasportatori

 
Avvocato Ue, Gran Bretagna può fermare Brexit unilateralmente

Avvocato Ue, Gran Bretagna può fermare Brexit unilateralmente

 
Manovra: ok Eurogruppo a opinione Commissione Ue

Manovra: ok Eurogruppo a opinione Commissione Ue

 

Castaldo (M5s), reddito cittadinanza con i fondi Ue

Castaldo (M5s), reddito cittadinanza con i fondi Ue

ROMA  - Utilizzare il 20% dello stanziamento del Fondo sociale europeo per finanziare il reddito di cittadinanza in Italia. E' la proposta su cui insiste il vicepresidente pentastellato del Parlamento europeo Fabio Massimo Castaldo. A riguardo, sottolinea in un'intervista a Formiche, "lo scorso 6 ottobre il Parlamento europeo ha approvato il rapporto della mia collega Laura Agea. Metteremo sui tavoli che contano questa proposta, avanzata dall'unica istituzione europea democraticamente eletta".

 

Anche Castaldo, primo esponente del M5s a ricoprire una carica di peso in Europa dallo scorso novembre, si unisce al coro delle rassicurazioni sull'euro: "l'uscita dalla moneta unica è un'arma nucleare che nessuno ha intenzione di utilizzare", precisa, anche se esiste una "necessità impellente di riformare l'eurozona, tanto in riferimento alla governance, quanto alle politiche perseguite. Perfino il Fondo Monetario Internazionale ha riconosciuto i danni causati dal paradigma dell'austerity ai cittadini e alle economie europee".

 

Più in generale Castaldo chiede per l'Italia "il credito che è dovuto a tutti i governi" e sottolinea che la politica estera del Paese sarà "gettare ponti con tutti i partner che possano aiutare a utilizzare il metodo del dialogo". In tal senso, il ministro degli Esteri Enzo Moavero Milanesi "possiede tutte le competenze per fare un ottimo lavoro".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400