Lunedì 10 Dicembre 2018 | 14:28

NEWS DALLA SEZIONE

Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

 
Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

 
Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

 
Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

 
Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

 
Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

 
Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

 
Riso: Comitato Ue si spacca su ripristino dazi

Riso: Comitato Ue si spacca su ripristino dazi

 
Raggiunta intesa Ue su norme 'antidumping' autotrasportatori

Raggiunta intesa Ue su norme 'antidumping' autotrasportatori

 
Avvocato Ue, Gran Bretagna può fermare Brexit unilateralmente

Avvocato Ue, Gran Bretagna può fermare Brexit unilateralmente

 
Manovra: ok Eurogruppo a opinione Commissione Ue

Manovra: ok Eurogruppo a opinione Commissione Ue

 

Tlc: Ue verso riforma regole settore per investimenti 5G

Tlc: Ue verso riforma regole settore per investimenti 5G

BRUXELLES - L'Ue si avvia verso un'intesa sulla riforma delle regole tlc, per ridisegnare il settore e cercare di aprire la strada agli investimenti in fibra ottica e tecnologie alla base dello sviluppo del 5G. A essere favoriti in base all'accordo che si sta delineando nell'ultimo round di negoziati tra Parlamento, Consiglio e Commissione Ue, saranno gli investimenti sulla base del modello 'wholesale only', ossia operatori che gestiscono solo la rete, come in Italia fa per esempio OpenFiber, ma che non entrano nel mercato residenziale come fa il modello tradizionale degli operatori storici che gestiscono infrastruttura e servizi tipo Telecom. Più deboli, invece, saranno gli incentivi per il co-investimento, una scelta già criticata dall'associazione europea degli operatori tlc storici di Etno, secondo cui questa blocca gli investimenti su larga scala perché ne favorisce solo alcuni tipi.

 

In base alle bozze di intesa, viene persa in parte anche l'ambizione della Commissione Ue sull'assegnazione delle frequenze dello spettro, dove le licenze avranno una durata di massimo 15-20 anni contro i minimo 25 inizialmente proposti. Tra le altre misure su cui vertono i negoziati in corso, che potrebbero proseguire tutta la notte con l'ambizione di chiudere il dossier aperto da ormai 2 anni, c'è anche il taglio dei costi delle chiamate internazionali dentro l'Ue. Misura duramente contestata dagli operatori tlc, in quanto spinge verso un 'dumping' dell'operatore meno caro mentre secondo altri apre a un vero mercato unico europeo senza più 'prefissi' nazionali, metterà un tetto massimo ai costi delle chiamate da Paese Ue a Paese Ue sia da telefono fisso che da cellulare.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400