Martedì 11 Dicembre 2018 | 09:48

NEWS DALLA SEZIONE

Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

 
Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

 
Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

 
Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

 
Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

 
Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

 
Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

 
Riso: Comitato Ue si spacca su ripristino dazi

Riso: Comitato Ue si spacca su ripristino dazi

 
Raggiunta intesa Ue su norme 'antidumping' autotrasportatori

Raggiunta intesa Ue su norme 'antidumping' autotrasportatori

 
Avvocato Ue, Gran Bretagna può fermare Brexit unilateralmente

Avvocato Ue, Gran Bretagna può fermare Brexit unilateralmente

 
Manovra: ok Eurogruppo a opinione Commissione Ue

Manovra: ok Eurogruppo a opinione Commissione Ue

 

Ospedale cattolico non può licenziare medico divorziato

Ospedale cattolico non può licenziare medico divorziato

BRUXELLES - Secondo l'Avvocato generale della Corte di Giustizia della Ue, un medico di un ospedale cattolico non può essere licenziato perché divorziato. L'avvocato generale Melchior Wathelet si è espresso sulla causa di un medico tedesco di religione cattolica, ex primario del reparto di medicina interna di un ospedale cattolico a Dusseldorf, in Germania. Dopo aver divorziato ed essersi risposato civilmente, il medico è stato licenziato dalla struttura su cui vigila l'arcivescovo di Colonia. Ha quindi fatto ricorso alla giustizia tedesca, la quale ha chiesto un parere alla Corte Ue.

 

L'avvocato generale ricorda che, secondo la direttiva Ue sulla parità di trattamento, "una disparità basata sulla religione o convinzioni personali non costituisce discriminazione quando, per la natura delle attività o per il contesto in cui sono esercitate, esse costituiscono un requisito per lo svolgimento dell'attività lavorativa essenziale, legittimo e giustificato alla luce dell'etica dell'organizzazione". Ma nel caso del medico di Dusseldorf, questo non si applica, perché in discussione è "la natura sacra e indissolubile dei legami matrimoniali", una convinzione che "non costituisce un requisito per lo svolgimento dell'attività lavorativa, tanto meno un requisito per lo svolgimento dell'attività lavorativa essenziale e giustificato". le conclusioni dell'avvocato generale sono generalmente riprese nelle sentenze della Corte.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400