Sabato 15 Dicembre 2018 | 14:32

NEWS DALLA SEZIONE

May, l'Ue disponibile ad altri chiarimenti su Brexit

May, l'Ue disponibile ad altri chiarimenti su Brexit

 
Migranti: Belgio, fuori da Schengen chi blocca Dublino

Migranti: Belgio, fuori da Schengen chi blocca Dublino

 
Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

 
Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

 
Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

 
Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

 
Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

 
Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

 
Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

 
Riso: Comitato Ue si spacca su ripristino dazi

Riso: Comitato Ue si spacca su ripristino dazi

 
Raggiunta intesa Ue su norme 'antidumping' autotrasportatori

Raggiunta intesa Ue su norme 'antidumping' autotrasportatori

 

Ritardi aerei vanno compensati anche con scalo extra europeo

Ritardi aerei vanno compensati anche con scalo extra europeo

BRUXELLES  - Il diritto alla compensazione per il ritardo di un volo si applica anche se comprende uno scalo al di fuori dell'Ue. Lo ha stabilito la Corte di giustizia europea, chiarendo che "il cambio di aeromobile al momento dello scalo non modifica il fatto che due o più voli oggetto di una prenotazione unica debbano essere considerati come un volo unico in coincidenza". La sentenza riguarda il caso di una cittadina europea, Claudia Wegener, che aveva prenotato un viaggio da Berlino ad Agadir, in Marocco, con scalo a Casablanca.

 

Quando si è presentata all'imbarco a Casablanca per prendere l'aereo diretto ad Agadir, la Royal Air Maroc le aveva negato l'imbarco, spiegandole che il suo posto era stato riassegnato ad un altro passeggero. Wegener si era infine imbarcata su un altro aeromobile della Royal Air Maroc arrivando ad Agadir con un ritardo di quattro ore rispetto all'orario previsto inizialmente.

 

Lei aveva quindi chiesto di essere indennizzata e la compagnia aveva respinto la richiesta, sostenendo che il regolamento Ue sui diritti dei passeggeri non si poteva applicare su una tratta interna al Marocco. La Corte Ue ora ha stabilito che, nel caso di una prenotazione unica, il volo va interpretato come unico viaggio e dunque è soggetto alle norme Ue. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400