Sabato 15 Dicembre 2018 | 21:11

NEWS DALLA SEZIONE

May, l'Ue disponibile ad altri chiarimenti su Brexit

May, l'Ue disponibile ad altri chiarimenti su Brexit

 
Migranti: Belgio, fuori da Schengen chi blocca Dublino

Migranti: Belgio, fuori da Schengen chi blocca Dublino

 
Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

 
Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

 
Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

 
Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

 
Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

 
Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

 
Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

 
Riso: Comitato Ue si spacca su ripristino dazi

Riso: Comitato Ue si spacca su ripristino dazi

 
Raggiunta intesa Ue su norme 'antidumping' autotrasportatori

Raggiunta intesa Ue su norme 'antidumping' autotrasportatori

 

Regioni europee, nuovo fondo sociale volta spalle a cittadini

Regioni europee, nuovo fondo sociale volta spalle a cittadini

BRUXELLES - La proposta di riforma del nuovo Fondo sociale europeo presentato dalla Commissione Ue "volta le spalle ai cittadini per dare la priorità ai grandi equilibri macroeconomici negli Stati membri e alla stabilizzazione dei loro mercati". É la denuncia del presidente del Comitato europeo delle Regioni, Karl-Heinz Lambertz, che in una nota ricorda che "la caratteristica della politica di coesione europea é di sviluppare dei piani d'investimento a partire dai bisogni reali dei cittadini".

 

 

"Noi sosteniamo il bisogno di trasformare in realtà il Pilastro sociale europeo, ma questo non può essere fatto che attraverso la mobilitazione delle città e delle regioni, collegate all'Ue e alle istituzioni nazionali - continua Lambertz -, ma il nuovo regolamento ha quasi cancellato ogni riferimento alla coesione e alla dimensione territoriale del Fse, mettendo il semestre europeo al cuore delle politiche sociali europee". "Su questo argomento lavoreremo in stretta collaborazione con il Parlamento europeo per ridiscutere sulla centralizzazione di uno strumento così vitale per la coesione in Europa, e per rimettere i bisogni dei cittadini al centro delle preoccupazioni della politica sociale europea".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400