Martedì 11 Dicembre 2018 | 23:54

NEWS DALLA SEZIONE

Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

 
Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

 
Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

 
Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

 
Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

 
Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

 
Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

 
Riso: Comitato Ue si spacca su ripristino dazi

Riso: Comitato Ue si spacca su ripristino dazi

 
Raggiunta intesa Ue su norme 'antidumping' autotrasportatori

Raggiunta intesa Ue su norme 'antidumping' autotrasportatori

 
Avvocato Ue, Gran Bretagna può fermare Brexit unilateralmente

Avvocato Ue, Gran Bretagna può fermare Brexit unilateralmente

 
Manovra: ok Eurogruppo a opinione Commissione Ue

Manovra: ok Eurogruppo a opinione Commissione Ue

 

Dazi: trilaterale Ue-Usa-Giappone su acciaio a Parigi domani

Dazi: trilaterale Ue-Usa-Giappone su acciaio a Parigi domani

BRUXELLES - Si terrà domani, a margine della ministeriale Ocse a Parigi, un nuovo incontro trilaterale Ue-Usa-Giappone sul nodo della sovraccapacità produttiva nell'acciaio. E' l'ultimo tentativo per cercare di stoppare l'imposizione di dazi americani su acciaio e alluminio, che scatterà anche per l'Ue salvo una poco realistica conferma dell'esenzione venerdì primo giugno.

 

La commissaria al commercio Cecilia Malmstroem ha però già avvertito che anche nell'ipotesi migliore in cui gli Usa evitassero i dazi, "realisticamente mi aspetto che comunque vogliano imporre una qualche sorta di tetto alle esportazioni Ue". Il nodo, ha spiegato la commissaria, "è se questo sia un tetto 'hard', ovvero limiti al volume oltre a cui nessuna ulteriore esportazione sarebbe possibile, oppure 'soft', in base a cui resterebbero possibili export supplementari ma sottoposti a dazi". La seconda opzione "danneggerebbe di meno" la siderurgia europea. La reazione Ue, quindi, "dipenderà dalla natura e dalla gravità dalle misure" Usa, ha ribadito Malmstroem. Se saranno quote, sarà più leggera.

 

Nel caso dei dazi al 25% sull'acciaio, l'Ue ha già pronte le contromisure con tariffe doganali su prodotti simbolo Usa come i jeans Levi's, le moto Harley Davidson, il burro di arachidi e il Bourbon. Se invece saranno quote restrittive alle importazioni europee, la Commissione, ha spiegato Malmstroem, preparerà "un nuovo regolamento di attuazione" che includerebbe "misure di riequilibrio sulle importazioni dagli Usa basate sulla lista" dei prodotti 'simbolo' "ma a un livello significativamente inferiore rispetto a quello che sarebbe se gli Usa imponessero i dazi anziché le quote". La palla, fanno notare a Bruxelles, è in ogni caso nel campo degli Usa e, nonostante i numerosi contatti anche a margine della ministeriale Ocse a Parigi con Wilbur Ross e Robert Lighthizer, "la decisione finale verrà presa dallo stesso presidente Trump", ha sottolineato la stessa commissaria. Il trilaterale di domani a Parigi, in cui sarà coinvolto anche il Giappone, è il terzo in questo formato, dopo quelli di dicembre e di marzo, quest'ultimo tenutosi a Bruxelles.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400