Mercoledì 12 Dicembre 2018 | 12:30

NEWS DALLA SEZIONE

Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

 
Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

 
Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

 
Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

 
Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

 
Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

 
Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

 
Riso: Comitato Ue si spacca su ripristino dazi

Riso: Comitato Ue si spacca su ripristino dazi

 
Raggiunta intesa Ue su norme 'antidumping' autotrasportatori

Raggiunta intesa Ue su norme 'antidumping' autotrasportatori

 
Avvocato Ue, Gran Bretagna può fermare Brexit unilateralmente

Avvocato Ue, Gran Bretagna può fermare Brexit unilateralmente

 
Manovra: ok Eurogruppo a opinione Commissione Ue

Manovra: ok Eurogruppo a opinione Commissione Ue

 

i più visti della sezione

Fondi Ue per attuare raccomandazioni Bruxelles, o stop

Fondi Ue per attuare raccomandazioni Bruxelles, o stop

BRUXELLES - Gli Stati europei dovranno usare una parte "appropriata" delle risorse del nuovo Fondo sociale europeo (Fse+) per attuare le riforme strutturali indicate dalla Commissione Ue ogni anno a maggio nelle 'raccomandazioni specifiche' ai Governi. Altrimenti Bruxelles potrebbe sospendergli del tutto l'accesso al fondo. E' quanto propone la Commissione Ue in un regolamento del bilancio 2021-2027, che vuole per il Fse+ una dotazione da 101,2 miliardi di euro.

 

La Commissione europea vuole "stabilire un legame tra l'assegnazione dei fondi strutturali europei e le priorità Ue", ha spiegato il vicepresidente della Commissione Ue Valdis Dombrovskis. In particolare, il legame da ora sarà "con le raccomandazioni specifiche (Csr) e le riforme del 'Semestre europeo'", cioè l'esercizio annuale di monitoraggio dei conti pubblici e delle economie dei 27 Stati Ue. "Quando programmano i fondi Ue, gli Stati membri dovranno prendere in considerazione le raccomandazioni contenute nelle Csr. Se a Bruxelles vediamo che gli Stati, nei loro programmi, non prevedono una assegnazione sufficiente di fondi sulle riforme raccomandate, la Commissione può proporre una riallocazione dei fondi e, solo in casi estremi, sospendere l'erogazione", ha detto Dombrovskis.

 

In questo modo, ha spiegato la commissaria alle politiche sociali Marianne Thyssen, "la programmazione dei fondi Ue avrà come punto di partenza le raccomandazioni e altre sfide politiche chiave" per la Ue. Ci sarà una verifica della spesa a metà programmazione per vedere come gli Stati hanno usato i fondi e "a che punto siamo" con le riforme. "E vediamo quanti soldi sono stati spesi sulle riforme indicate nelle raccomandazioni", ha aggiunto Thyssen. Ribadendo che "solo in casi estremi si sospenderanno i fondi". "Quello che facciamo è incoraggiare a spendere i fondi per le cose giuste, e tutto sarà fatto in dialogo con gli Stati", ha concluso.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400