Mercoledì 12 Dicembre 2018 | 13:42

NEWS DALLA SEZIONE

Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

 
Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

 
Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

 
Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

 
Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

 
Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

 
Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

 
Riso: Comitato Ue si spacca su ripristino dazi

Riso: Comitato Ue si spacca su ripristino dazi

 
Raggiunta intesa Ue su norme 'antidumping' autotrasportatori

Raggiunta intesa Ue su norme 'antidumping' autotrasportatori

 
Avvocato Ue, Gran Bretagna può fermare Brexit unilateralmente

Avvocato Ue, Gran Bretagna può fermare Brexit unilateralmente

 
Manovra: ok Eurogruppo a opinione Commissione Ue

Manovra: ok Eurogruppo a opinione Commissione Ue

 

i più visti della sezione

Riforma fondi Ue, a Italia 2,4 miliardi in più

Riforma fondi Ue, a Italia 2,4 miliardi in più

BRUXELLES  - La riforma dei fondi strutturali europei proposta dalla Commissione Ue per il 2021-2027 porterà nelle casse dell'Italia 2,4 miliardi di euro in più rispetto al 2014-2020. L'aumento della dotazione italiana, nonostante i tagli alla politica di coesione, deriva dalla modifica dei criteri di assegnazione delle risorse. Oltre al Pil, infatti, conteranno di più fattori come la disoccupazione giovanile. La fetta italiana di Fondo Ue per lo sviluppo regionale salirebbe così da 36,2 mld (2014-2020) a 38,6 (2021-2027).

 

Se per il bilancio 2014-2020 la politica europea di Coesione già favoriva le riforme strutturali e le politiche economiche orientate alla concorrenza, nella proposta della Commissione per il nuovo periodo 2021-2027 "questo collegamento sarà rafforzato". E' quanto riferisce l'esecutivo comunitario, spiegando che le raccomandazioni per Paese saranno alla base di una "revisione di medio termine dei programmi di coesione nel 2024". Gli Stati membri dovranno presentare regolarmente alla Commissione i loro progressi nell'implementazione delle raccomandazioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400