Mercoledì 20 Gennaio 2021 | 22:53

NEWS DALLA SEZIONE

MILANO
Unicredit: Start Lab per pmi "tech" italiane

Unicredit: Start Lab per pmi "tech" italiane

 
NEW YORK

Usa: Yellen, già prima Covid ripresa a 'K', ora agire (2)

 
MILANO
Intesa Sanpaolo studia il valore dell'arte in Italia

Intesa Sanpaolo studia il valore dell'arte in Italia

 
GENOVA

Carige: supporta lo sviluppo di Circuito Cinema Genova

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari, nella rincorsa alla Ternana c'è il San Nicola da riconquistare

Bari, nella rincorsa alla Ternana c'è il San Nicola da riconquistare

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIndagini lampo della Ps
Taranto, ruba  creme in una farmacia e tenta la fuga: ladro seriale arrestato

Taranto, ruba creme in una farmacia e tenta la fuga: ladro seriale arrestato

 
Bariemergenza coronavirus
Bitonto, focolaio Covid in cento anziani: positivi 3 educatori e una decina di ospiti

Bitonto, focolaio Covid in centro anziani: positivi 3 educatori e una decina di ospiti

 
FoggiaControlli dei CC
Foggia, a spasso con la cocaina nell'auto: arrestato 34enne incensurato

Foggia, a spasso con la cocaina nell'auto: arrestato 34enne incensurato

 
LecceL'ente fallito
Novoli, la Focara affossata dai debiti: i creditori avanzano oltre un milione

Novoli, la Focara affossata dai debiti: i creditori avanzano oltre un milione

 
Batsanità
Trani, muore d’infarto a 200 metri dall’ospedale: «Soccorsi in ritardo»

Trani, muore d’infarto a 200 metri dall’ospedale: «Soccorsi in ritardo»

 
Potenzala richiesta
Fca fa spazio a Stellantis, Confindustria Basilicata: «Stabilimento Melfi sia centrale»

Fca fa spazio a Stellantis, Confindustria Basilicata: «Stabilimento Melfi sia centrale»

 
Covid news h 24L'annuncio
Fasano, emergenza Covid: padiglione centro commerciale diventerà hib vaccinale

Fasano, emergenza Covid: padiglione centro commerciale diventerà hub vaccinale

 
MateraIl caso
Matera, minaccia convivente disabile con una katana, arrestato 70enne

Matera, minaccia convivente disabile con una katana, arrestato 70enne

 

i più letti

L'Industria alla Politica: dateci leggi e credibilità

Il Centro Studi di Confindustria ha illustrato le sue ultime previsioni macroeconomiche per il 2005/2006, ne emerge un Paese in stallo. L'unica cosa che cresce è il deficit pubblico, e - secondo Csc - sarà necessaria una Finanziaria da 13 mld
ROMA - Crescita dello 0,2 % del Pil per il 2005 e dell'1% per il 2006: è quanto atteso dal Centro Studi di Confindustria che questa mattina a Roma, nel corso di un seminario su «Politiche fiscali in Italia e in Europa», ha illustrato le sue ultime previsioni macroeconomiche per il 2005/2006.
Segno positivo per i consumi che dovrebbero avere un aumento dell'1,1 per cento per il 2005 e dell'1% per il 2006. La disoccupazione, secondo i dati Csc, dovrebbe attestarsi all'8% per quest'anno e al 7,9 per l'anno prossimo.
Per quanto riguarda le previsioni sul debito pubblico, nel rapporto del Csc si legge un 107,6% per quest'anno e un 107,5% per l'anno venturo. Secondo gli analisti di Via dell'Astronomia, per rientrare dallo sforamento del deficit servono 13 miliardi di euro, circa un miliardo e mezzo in più rispetto alle stime del governo: «Si dovranno aggiungere le risorse per la copertura degli interventi a favoredello sviluppo preannunciati dal governo - sostiene Confindustria - poichè l'indebitamento tendenziale del 2006 è stimato in 4,7% del pil, risulta necessaria una manovra netta di bilancio dell'ordine di 0,9 punti percentuali di pil, corrispondenti a circa 13 miliardi di euro». Gli industriali prevedono poi un indebitamento netto della pubblica amministrazione al 4,3% nel 2005 e al 4,1%.
In merito ai contratti, secondo Confindustria «anche se non venissero rinnovati per il biennio 2006-2007 la spesa per il costo del lavoro nella Pubblica Amministrazione potrebbe tendenzialmente crescere del 7,5% circa nel biennio 2005-06, a fronte di una previsione, nel Dpef del 4,5%». In tal proposito via dell'astronomia auspica quindi «interventi più incisivi di quelli finora adottati».
Nel suo rapporto il Centro Studi di Confindustria prevede infine una crescita delle retribuzioni del 3,1% quest'anno (+2,8% per l'industria in senso stretto) e del 2,9% nel prossimo anno (3% per l'industria), ben al di sopra dell'inflazione prevista dagli stessi analisti di Confindustia (+2,1% quest'anno e +2% nel 2006).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie