Martedì 28 Gennaio 2020 | 01:04

NEWS DALLA SEZIONE

MILANO
Borsa: virus affossa i mercati europei

Borsa: virus affossa i mercati europei

 
MILANO
Borsa: Europa affonda, bruciati 208 mld

Borsa: Europa affonda, bruciati 208 mld

 
MILANO
Borsa: Milano chiude in calo (-2,31%)

Borsa: Milano chiude in calo (-2,31%)

 
MILANO
Borsa: Europa rallenta dopo Wall Street

Borsa: Europa rallenta dopo Wall Street

 
ROMA
Nuovo gruppo di comunicazione con Boccia

Nuovo gruppo di comunicazione con Boccia

 
ROMA
Pensioni: inizia percorso di riforma

Pensioni: inizia percorso di riforma

 
AMARO (UDINE)
Eurotech: ricavi oltre 100 mln in 2019

Eurotech: ricavi oltre 100 mln in 2019

 
ROMA
Expo2020: Italia con Open Forum Trieste

Expo2020: Italia con Open Forum Trieste

 
MILANO
Borsa: Milano apre in forte ribasso

Borsa: Milano apre in forte ribasso

 
ROMA
Spread Btp-Bund crolla a 141 punti

Spread Btp-Bund crolla a 141 punti

 
ROMA
Petrolio in picchiata,-3% su paura virus

Petrolio in picchiata,-3% su paura virus

 

Il Biancorosso

23ma Giornata serie C
Bari in casa Reggina per riaprire la corsa al primato

Perrotta salva il Bari al Granillo: 1-1 in casa della Reggina. La diretta

 

NEWS DALLE PROVINCE

BatL'accusa
«Mio fratello pestato in cella»: la denuncia della sorella dell'andriese Filippo Griner

«Mio fratello pestato in cella»: la denuncia della sorella dell'andriese Filippo Griner

 
Potenzaregione basilicata
Potenza, manca il numero legale, sciolta riunione del consiglio regionale

Potenza, manca il numero legale, sciolta riunione del consiglio regionale

 
FoggiaL'intervento
San Severo, riprende la raccolta rifuti dopo l'incendio dei mezzi della Buttol

San Severo, riprende la raccolta rifuti dopo l'incendio dei mezzi della Buttol

 
HomeIl giallo
Bari, recuperato in mare il cadavere di una donna: forse un suicidio

Bari, recuperato in mare il cadavere di una donna: forse un suicidio (FOTO)

 
TarantoIl caso
Omicidio in sala giochi: 3 condanne a 30 anni a Taranto

Omicidio in sala giochi: 3 condanne a 30 anni a Taranto

 
BrindisiIl salvataggio
Brindisi, cucciolo di foca spiaggiato a Torre San Gennaro: ha bisogno di cure

Brindisi, cucciolo di foca spiaggiato a Torre San Gennaro: ha bisogno di cure

 
MateraIl caso
Matera, hanno tentato di truffare una nonnina: in due agli arresti domiciliari

Matera, hanno tentato di truffare una nonnina: in due agli arresti domiciliari

 
LecceNel centro storico
Lecce, Ztl: parte la rivolta dei commercianti

Lecce, Ztl: parte la rivolta dei commercianti

 

i più letti

Boom di lavoratori, ma il Sud fatica

L'occupazione cresce ancora, ma il Mezzogiorno non riesce a tenere il passo: nel secondo trimestre 2005, secondo i dati diffusi dall'Istat, gli occupati in Italia sono cresciuti di 213.000 unità, con un tasso di disoccupazione del 7,5%
• Mercato del lavoro in crescita: per il Governo dati straordinari, per i sindacati numeri irreali
• Montezemolo: «L'Italia spreca la risorsa turismo. Le Regioni del Sud devono lavorare ad un grande progetto turistico comune»
ROMA - L'occupazione cresce ancora ma il Mezzogiorno non riesce a tenere il passo: nel secondo trimestre 2005, secondo i dati diffusi oggi dall'Istat, gli occupati in Italia sono cresciuti di 213.000 unità rispetto a un anno prima (+1%) toccando la quota record di 22.651.000 lavoratori, ma l'aumento si è concentrato nel Nord con 178.000 lavoratori mentre nel Sud l'incremento è stato limitato a 17.000 unità. Sempre su base tendenziale il tasso di disoccupazione è sceso al 7,5% (mantenendosì ai minimi del '92 dopo il 7,4% registrato nel terzo trimestre 2004) con un calo di 0,4 punti rispetto al 7,9% registrato nello stesso periodo del 2004. Ma la fotografia è a due facce: se al Nord la disoccupazione scende sotto la soglia del 4% a quota 3,9, nel Mezzogiorno il fenomeno principale appare quello dello scoraggiamento nella ricerca dell' impiego che spinge molte donne fuori proprio dal mercato del lavoro.
L'Istat ricorda che l'aumento dell'occupazione incorpora il forte aumento della popolazione residente (+1,1%) determinato soprattutto dall'incremento dei cittadini stranieri. Al netto degli effetti demografici comunque il tasso di occupazione tra i 15 e i 64 anni è aumentato di due decimi di punto toccando il 57,7%. In controtendenza l'occupazione femminile nel Mezzogiorno con un calo del 2,1% a fronte di un aumento complessivo dei lavoratori dell'1% e delle lavoratrici donne dello 0,9%.
Ecco in estrema sintesi una fotografia delle forze di lavoro in Italia nel secondo trimestre dell'anno: - OCCUPATI BOOM: su base tendenziale gli occupati sono cresciuti di 213.000 unità (+1%) mentre l'aumento rispetto al primo trimestre del 2005 è stato di 90.000 unità (+0,4%). L'aumento si è concentrato al Nord con 178.000 lavoratori in più rispetto a un anno prima (+1,6%) mentre al Centro si è registrato un +0,4% (+18.000 posti) e al Sud un +0,3% (+17.000 posti).
- CALA DISOCCUPAZIONE MA TANTI AL SUD RINUNCIANO A CERCARE POSTO: Il tasso di disoccupazione (dato non destagionalizzato) scende al 7,5% (-0,4 punti) ma a fronte del 3,9% al Nord (-0,2 punti) il Centro si attesta sul 6,3% (-0,2 punti) e il Mezzogiorno al 14,1% (-0,9 punti). Il calo significativo del Mezzogiorno risente del calo delle forze di lavoro (-63.000 unità pari a una riduzione dello 0,8%) dovuto a una flessione della forza di lavoro femminile (-81.000 unità pari al 3%) non compensato da un lieve aumento di quella maschile (+0,4% pari a 18.000 unità).
- TASSO ATTIVITA' FRENA: il tasso di attività tra i 15 e i 64 anni si attesta sul 62,4% un decimo di punto in meno rispetto a un anno prima soprattutto a causa del calo registrato nel Mezzogiorno (-0,6 punti) dovuto al forte calo della quota di popolazione femminile presente sul mercato del lavoro (-1,2 punti) non compensata dall'aumento di quella maschile (+0,7 punti). - DONNE SUD SEMPRE PIU' A CASA: Nel Mezzogiorno lavorano fuori casa solo tre donne su dieci tra i 15 e i 64 anni, quasi la metà delle percentuali del Nord Est (57,1%). A fronte di un tasso di occupazione complessivo del 57,7% (maschi e femmine) lavora il 45,4% delle donne ma la percentuale crolla al Sud (30,2% con un calo di 0,7 punti rispetto a un anno prima).
- AUMENTA OCCUPAZIONE DIPENDENTE, VOLANO COSTRUZIONI: L'occupazione dipendente cresce del 2,4% (+381.000 unità) mentre cala quella indipendente (-2,7% pari a 168.000 unità in meno). L'agricoltura perde 17.000 unità (-1,8%) mentre l'industria perde 79.000 posti (-1,6%). In difficoltà soprattutto l'occupazione industriale al Centro (-5,1%) e al Sud (-3,7%). Boom per le costruzioni con 103.000 occupati in più (+5,6%) e buona performance per il terziario con 206.000 unità in più (+1,4%).
- CRESCONO CONTRATTI A TERMINE: La maggior parte dell'occupazione dipendente in più (381.000 posti) è permanente (+252.000 posti pari all'1,8% in più) ma crescono le assunzioni a termine (129.000 posti con un aumento del 6,7%). Su 22.651.000 lavoratori risultano a tempo pieno 19.755.000 persone (+0,8% rispetto a un anno prima) e 2.896.000 a tempo parziale (+1,8% rispetto al secondo trimestre 2004). L'incidenza del part time è aumentata soprattutto tra le donne con 126.000 unità in più rispetto al secondo trimestre 2004 (+7,6%).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie