Sabato 18 Gennaio 2020 | 04:59

NEWS DALLA SEZIONE

NEW YORK
Petrolio: chiude poco mosso a Ny

Petrolio: chiude poco mosso a Ny

 
MILANO
Borsa: nuovo massimo per Piazza Affari

Borsa: nuovo massimo per Piazza Affari

 
MILANO
Borsa: Europa chiude bene, Parigi +1%

Borsa: Europa chiude bene, Parigi +1%

 
MILANO
Borsa: Milano chiude in rialzo (+0,84%)

Borsa: Milano chiude in rialzo (+0,84%)

 
MILANO
Borsa:Europa sale nel finale,Milano+0,7%

Borsa:Europa sale nel finale,Milano+0,7%

 
BARI
Pop.Bari:crediti inesigibili come sicuri

Pop.Bari:crediti inesigibili come sicuri

 
ROMA
Maggino, strategia per governo Benessere

Maggino, strategia per governo Benessere

 
MILANO
Borsa: Europa accelera, Milano +0,85%

Borsa: Europa accelera, Milano +0,85%

 
MILANO
Borsa: Milano sale (+0,9%), spread a 159

Borsa: Milano sale (+0,9%), spread a 159

 
ROMA
Bankitalia conferma stime,Pil 2020 +0,5%

Bankitalia conferma stime,Pil 2020 +0,5%

 
ROMA
Leonardo, primo volo del Falco Xplorer

Leonardo, primo volo del Falco Xplorer

 

Il Biancorosso

mercato
Ancora nessun botto: il Bari col freno tirato

Ancora nessun botto: il Bari col freno tirato

 

NEWS DALLE PROVINCE

BrindisiLa tragedia
Ostuni, si ribalta il trattore in un canale di scolo: muore 56enne

Ostuni, si ribalta il trattore in un canale di scolo: muore 56enne

 
TarantoA Taranto
«ArcelorMittal», monta la protesta degli autotrasportatori

«ArcelorMittal», monta la protesta degli autotrasportatori

 
PotenzaLa relazione Dia
In Basilicata aumentano i tentativi di «infiltrare» l’economia legale

In Basilicata aumentano i tentativi di «infiltrare» l’economia legale

 
Leccenel Leccese
Infiltrazioni mafiose: in Salento sciolto comune di Scorrano

Infiltrazioni mafiose: in Salento sciolto comune di Scorrano

 
Barila procura
Bari, chiesto processo per ex giudice Bellomo: accusato anche di calunnia a Conte

Bari, chiesto processo per Bellomo: accusato anche di calunnia a Conte

 
Batnel nordbarese
Bisceglie, petardo esplode davanti farmacia ex europarlamentare Silvestris: si indaga

Bisceglie, petardo esplode davanti farmacia ex europarlamentare: si indaga

 
MateraIl caso
Metaponto, nel portafogli aveva 53 pasticche «da stupro»: denunciato

Metaponto, nel portafogli aveva 53 pasticche «da stupro»: denunciato

 

i più letti

Italia ultima per cultura d'impresa

E' uno dei principali risultati della ricerca promossa da Siemens e realizzata dallo studio Ambrosetti, presentata a Cernobbio da Gian Maria Gros-Pietro
CERNOBBIO (COMO) - L'Italia è all'ultimo posto per capacità di promuovere la cultura a favore dell' impresa. E' questo uno dei principali risultati della ricerca promossa da Siemens e realizzata dallo studio Ambrosetti, presentata oggi a Cernobbio da Gian Maria Gros-Pietro.
Lo studio ha consentito di misurare uno dei fattori più rilevanti per l'attività e la competitività di un Paese: la cultura pro-business, ovvero l'insieme di atteggiamenti e comportamenti delle persone nei confronti della vita di impresa. L'indagine ha coinvolto sei Paesi: Italia, Germania, Spagna, Stati Uniti, Cina e Giappone. L'Italia divide l'ultimo posto con la Spagna mentre gli Stati Uniti si confermano al primo posto in assoluto. In Europa è, invece, la Germania a conquistare il primato.

Uno dei risultati più significativi emersi è stato l'atteggiamento degli italiani verso l'osservanza delle regole: più del 50% degli intervistati le attribuisce scarsa importanza, il 22% addirittura non lo ritiene importante. Anche i giovani tra i 18 e i 24 anni confermano questa attitudine. Il 19% degli italiani contro il 2% degli statunitensi ritengono addirittura lecito non rispettare le norme.
Il 58% degli italiani, secondo i dati dell'indagine, ritiene il merito il fattore principale per il raggiungimento del risultato contro l'84% degli Stati Uniti. Uguale atteggiamento italiano è quello della Cina (61%). In ritardo anche rispetto alla competenze, al lavoro in team e alla proattività. In controtendenza, invece, per quanto riguarda l'orientamento al risultato, il cambiamento e l'innovazione. L'Italia è in linea con gli altri Paesi europei anche se è ancora arretrata rispetto a Cina e Giappone.

«Dal confronto tra le dimensioni riguardanti comportamenti e attitudini individuali e quelle di contesto, relative al sistema Paese - ha spiegato Vittorio Rossi, amministratore delegato di Siemens Italia - risulta che i mali più profondi dell'Italia sono legati alla cultura del Paese. Come dire che gli italiani sono migliori della cultura dominante della nazione in cui vivono».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie