Mercoledì 22 Maggio 2019 | 07:05

NEWS DALLA SEZIONE

PECHINO
Borsa: Shanghai debole in avvio

Borsa: Shanghai debole in avvio

 
TOKYO
Borsa: Tokyo, apertura in rialzo

Borsa: Tokyo, apertura in rialzo

 
NEW YORK
Petrolio: chiude in calo

Petrolio: chiude in calo

 
TORINO
Acri: Profumo, cose in atto vanno avanti

Acri: Profumo, cose in atto vanno avanti

 
ROMA
Spread chiude in calo a 271 punti base

Spread chiude in calo a 271 punti base

 
MILANO
Borsa: Milano chiude positiva (+0,77%)

Borsa: Milano chiude positiva (+0,77%)

 
MILANO
A inizio 2019 cresce fatturato industria

A inizio 2019 cresce fatturato industria

 
GIOIA TAURO (REGGIO CALABRIA)
Toninelli, legalità in Porto Gioia Tauro

Toninelli, legalità in Porto Gioia Tauro

 
ROMA
Acri: Francesco Profumo nuovo presidente

Acri: Francesco Profumo nuovo presidente

 
MILANO
Borsa:Europa in rialzo con tecnologici

Borsa:Europa in rialzo con tecnologici

 
PARIGI
Ocse: Pil Italia fermo 2019, +0,6% 2020

Ocse: Pil Italia fermo 2019, +0,6% 2020

 

Il Biancorosso

IL PAGELLONE
Di Cesare e Floriano campionato topPiovanello l'under più in palla

Di Cesare e Floriano campionato top
Piovanello l'under più in palla

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceIngenti danni
Lecce, a fuoco villa di candidato Lega gestore di una spiaggia

Lecce, a fuoco villa di candidato Lega gestore di una spiaggia

 
MateraL'incidente
Montescaglioso, contro tra auto e moto: un morto

Montescaglioso, scontro tra auto e moto: muore un 30enne

 
HomeLa decisione
Bari, figlio di 2 donne: giudice dà l'ok alla trascrizione dell'atto di nascita

Bari, figlio di 2 donne, i giudici: «Ok a trascrizione atto di nascita»

 
TarantoI tubi scambiati
Morirono in 8 per scambio tubi in ospedale: reato va in prescrizione

Castellaneta, 8 morti in ospedale: il reato va in prescrizione

 
BrindisiIl comizio
Ostuni, botta e risposta tra Salvini e i contestatori: «Torna a casa» «Voi fischiate noi lavoriamo»

Ostuni, botta e risposta tra Salvini e contestatori: «Torna a casa» «Voi fischiate noi lavoriamo»

 
PotenzaComando provinciale
Controlli dei Carabinieri, sei denunciati nel Potentino

Controlli dei Carabinieri, sei denunciati nel Potentino

 
HomeLa visita
Cagnano Varano, Trenta balla la tarantella con le ballerine del Gargano

Cagnano Varano, Trenta balla la tarantella con le ballerine del Gargano

 

i più letti

Forzati del lavoro nero, al Sud sfruttato 1 su 4

Il notiziario economico-statistico di Svimez: nel Mezzogiorno «va rilevata una chiara tendenza all'ampliamento del fenomeno del sommerso che, dopo alcuni segnali di contenimento nel 2003, sembra riprendere nel 2004»
ROMA - Un lavoratore su quattro nel Mezzogiorno è in nero, il doppio che nel Centro-Nord. Pur mantenendosi stabile negli ultimi anni a livello nazionale, il fenomeno del sommerso è tornato a crescere al Sud, raggiungendo picchi decisamente elevati: in Calabria il 32% della forza lavoro è irregolare, mentre in Campania ed in Sicilia la percentuale scende rispettivamente al 23,6% ed al 25,3%. L'esercito dei lavoratori in nero italiani conta 3,3 milioni di persone (1,5 milioni al sud e 1,8 al Centro-Nord) - osserva il notiziario economico-statistico di Svimez -, concentrate particolarmente nel settore dei servizi, con 2,3 milioni di lavoratori irregolari, ed in quello agricolo. Comparto, quest'ultimo, che vanta il tasso di irregolarità più alto (32,8%).
Nel 2004 il 13,5% dei lavoratori italiani risultava irregolare, in linea con quanto registrato nel 2003. Una nota negativa comunque esiste: lo scorso anno il trend di contrazione del sommerso in atto dal 2000 si è interrotto. «L'interruzione di tale trend nel 2004 - evidenzia Svimez - costituisce un importante campanello di allarme se si considera la sfavorevole congiuntura economica che sta attraversando il paese».
A consentire al sommerso di rialzare la testa è proprio il Mezzogiorno. Se, infatti, fra il 2001 ed il 2003 nel Centro-Nord il tasso di irregolarità si è ridotto del 2%, nel Sud è rimasto sostanzialmente invariato. «Il dualismo del mercato del lavoro italiano» è ancor più evidente se si osservano le rilevazioni degli ultimi otto anni: al Sud, già tradizionalmente interessato da tassi di irregolarità assai più elevati che nel centro-nord, fra il 1996 ed il 2004 le unità di lavoro irregolari sono cresciute del 17,9%, con un incremento in valore assoluto di 233.000 unita. Nello stesso periodo al Centro-Nord, invece, si è assistito ad un calo del 9,9%, pari a 194.000 unità. «Dunque, in un contesto di crescita complessiva dell'occupazione meridionale di 428.000 unità, il 50% di tale crescita si è concentrata nella componente irregolare, determinando - precisa la Svimez - un incremento del tasso di irregolarità di oltre 2 punti percentuali: dal 20,7% del 1995 al 22,8% del 2004».
Dall'osservazione di questi dati emerge chiaramente come nel Mezzogiorno «va rilevata una chiara tendenza all'ampliamento del fenomeno del sommerso che, dopo alcuni segnali di contenimento nel 2003, sembra riprendere nel 2004».
Il tasso di irregolarità risulta più alto nelle regioni meridionali in tutti i settori produttivi. La differenza con il Centro-Nord è particolarmente elevata nel settore industriale, 20% nel Mezzogiorno contro il 3,5% al Nord. Questo elevato divario è conseguenza - spiega Svimez - di un peso più elevato degli irregolari nel Mezzogiorno sia nell'industria in senso stretto (17% contro il 2,8%) che nelle costruzioni.
Lo scarto minore fra Nord e Sud, sebbene «ancora piuttosto significativo», si registra nei servizi: 21,2% nel Mezzogiorno contro il 12,2% del Nord. Il comparto dei servizi in Italia è quello in cui il lavoro irregolare è particolarmente impiegato, contando su 2,3 milioni di unità di lavoro in nero, cioè il 72% del totale. Nel 2004, il tasso di irregolarità nel terziario è risultato pari al 13,5%, «valore immutato rispetto al 2003, ma decisamente inferiore ai valori medi, intorno al 15%, rilevabili ad inizio 2000».
Il valore più elevato, e sostanzialmente stabile, del tasso di irregolarità si registra in agricoltura (32,8%), seguito, dopo i servizi, dalle costruzioni (11,8%). Meno rilevante risulta, invece, la quota di irregolarità nell'industria in senso stretto (5,3%).
Ecco di seguito una tabella che riporta i tassi di irregolarità (dati percentuali) per le singole regioni meridionali, nei tre principali settori di attività.

=============================================================
REGIONE --- AGRICOLTURA --- INDUSTRIA --- SERVIZI --- TOTALE
----------------------------------------------------------------
ABRUZZO --- 25,8% --- 7,5% --- 12,5% --- 11,8%
MOLISE --- 29,5% --- 15,6% --- 17,6% --- 18,0%
CAMPANIA --- 42,4% --- 18,6% --- 23,4% --- 23,6%
PUGLIA --- 40,6% --- 17,6% --- 19,2% --- 21,2%
BASILICATA --- 35,3% --- 24,1% --- 17,2% --- 21,0%
CALABRIA --- 52,9% --- 37,9% --- 25,1% --- 32,0%
SICILIA --- 41,0% --- 26,1% --- 23,1% --- 25,3%
SARDEGNA --- 26,3% --- 12,0% --- 18,1% --- 17,6%
----------------------------------------------------------------
MEZZOGIORNO --- 41,1% --- 20,0% --- 21,2% --- 22,8%
CENTRO-NORD --- 25,0% --- 3,5% --- 12,2% --- 10,0%
ITALIA --- 32,8% --- 7,0% --- 14,8% --- 13,5%

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400