Giovedì 28 Gennaio 2021 | 10:06

NEWS DALLA SEZIONE

MILANO
Borsa: Milano peggiora (-1,2%)

Borsa: Milano peggiora (-1,2%)

 
NEW YORK

Clima: Kerry, fallimento non è opzione a Glasgow

 
MILANO
Unicredit: Start Lab per pmi "tech" italiane

Unicredit: Start Lab per pmi "tech" italiane

 
NEW YORK

Usa: Yellen, già prima Covid ripresa a 'K', ora agire (2)

 
MILANO
Intesa Sanpaolo studia il valore dell'arte in Italia

Intesa Sanpaolo studia il valore dell'arte in Italia

 
GENOVA

Carige: supporta lo sviluppo di Circuito Cinema Genova

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari calcio, pressing su Cianci per sostituire Montalto

Bari calcio, pressing su Cianci per sostituire Montalto

 

i più visti della sezione

NEWS DALLE PROVINCE

Homela scomprasa
Morto a Santa Domingo Francesco Cavallari: aveva 84 anni il re delle cliniche di Bari

Morto a Santo Domingo Francesco Cavallari: aveva 84 anni il re delle cliniche di Bari

 
Brindisil'operazione
Brindisi, mazzette in Tribunale: 6 arresti. Coinvolti anche 2 magistrati

Brindisi, mazzette in Tribunale: 6 arresti. Coinvolti anche 2 magistrati

 
Potenzatragedia
Potenza, precipita da parete rocciosa: muore guida escursionistica di 49 anni

Potenza, precipita da parete rocciosa: muore guida escursionistica di 49 anni

 
TarantoL'iniziativa
Giornata della Memoria, musica dal teatro chiuso di Taranto: l'omaggio degli artisti

Giornata della Memoria, musica dal teatro chiuso di Taranto: l'omaggio degli artisti

 
FoggiaIl caso
Femminicidio a Orta Nova, 46enne indagato non risponde a pm: aveva tracce di sangue sui vestiti

Femminicidio a Orta Nova, 46enne indagato non risponde a pm: aveva tracce di sangue sui vestiti

 
BatIl caso
Scontro treni, la pm in foto con l'avvocato di un indagato, Csm la boccia ma si spacca

Scontro treni, la pm in foto con l'avvocato di un indagato, Csm la boccia ma si spacca

 
MateraIl caso
Tricarico, rubati 12 quintali di rame: 4 arresti

Tricarico, rubati 12 quintali di rame: 4 arresti

 
LecceIl caso
Lecce, litiga con il cugino e gli spara: arrestato

Lecce, litiga con il cugino e gli spara: arrestato

 

i più letti

A cena fuori? No, grazie

Crisi economica, ma anche meno voglia di divertirsi. E' un'Italia che va sempre meno al ristorante, quella descritta da un'indagine della Fipe su un campione di locali
ROMA - Tovaglioli che rimangono piegati, piatti che restano impilati nelle credenze, fornelli che si accendono a intermittenza. E' un'Italia che va sempre meno al ristorante, quella descritta da un'indagine della Fipe su un campione di locali. Perchè c'è la crisi economica ma anche perchè cambiano gli stili di vita, con sempre minor spazio per gli incontri conviviali fuori casa e, forse, troppo tempo dedicato al lavoro.
La Federazione dei pubblici esercizi aderente a Confcommercio ha svolto un sondaggio che fotografa la situazione nel primo quadrimestre di quest'anno da cui emerge che l'andamento della ristorazione è «decisamente in calo». Per il 75% degli intervistati, infatti, il trend del fatturato del settore è negativo, per il 33% molto negativo (con una riduzione di oltre il 5%), per il 16% è sui livelli dell'ultimo scorcio del 2004 e solo per l'8% l'andamento è stato positivo. Il quadro migliora solo leggermente passando dalla valutazione del mercato generale a quello della propria azienda: in questo caso la percentuale dei ristoratori che lamenta un peggioramento degli affari è pari al 60%. Le cose sono andate meglio per il 13% e più o meno allo stesso modo per circa il 25%. La contrazione, oltre tutto, riguarda sia la spesa per singolo cliente che il numero assoluto di clienti. Il numero di coperti è calato per il 40% degli intervistati e per il 21% è fortemente diminuito.

«E' un segnale - spiega il direttore generale della Fipe, Edi Sommariva - oltre che della difficoltà economica in cui versa il settore anche dei probabili cambiamenti degli stili di vita dei consumatori, che stanno andando sempre meno fuori casa». E, assicura, il problema non sono i prezzi, cresciuti considerevolmente con il changeover dalla lira all'euro: «Gli aumenti - sottolinea - sono stati sostenuti solo fino al 2004: con il 2005 si sono stabilizzati e questo studio è relativo proprio a quest'anno». L'ostacolo, allora, dev'essere da un'altra parte: «Si gioisce di meno - afferma Sommariva - viene meno la convivialità e questo è un peccato».

Ad aggravare i conti dei ristoratori, aggiunge la ricerca, c'è anche l'aumento dei costi delle materie prime (nonostante il calo dei prezzi al consumo dei generi alimentari), lamentato dal 78% degli intervistati. Mentre i prezzi dei menù, per l'appunto, sono rimasti invariati per l'86% e sono addirittura diminuiti per il 5,4%.
La fuga dalla cena fuori, tuttavia, potrebbe frenare nei prossimi mesi, complice anche la stagione estiva. In questo quadrimestre, infatti, la percentuale di coloro che registra un giudizio negativo sul mercato scende al 45% e sale quella dei gestori che si aspettano un miglioramento (25%). Per di più il pessimismo si ridimensiona ulteriormente nella valutazione delle prospettive per il proprio locale: solo un imprenditore su tre, infatti, vede nero.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie