Venerdì 18 Gennaio 2019 | 20:34

NEWS DALLA SEZIONE

MILANO
Luxottica: addio alla Borsa di Milano

Luxottica: addio alla Borsa di Milano

 
ROMA
Spread Btp-Bund chiude in calo a 247

Spread Btp-Bund chiude in calo a 247

 
WASHINGTON
Wall Street apre in rialzo, Dj +0,71%

Wall Street apre in rialzo, Dj +0,71%

 
NEW YORK
Petrolio: in rialzo a Ny a 52,63 dollari

Petrolio: in rialzo a Ny a 52,63 dollari

 
ROMA
Bankitalia taglia Pil 2019 da 1% a 0,6%

Bankitalia taglia Pil 2019 da 1% a 0,6%

 
BOLZANO
Energia,turbina hi tech tutta d'un pezzo

Energia,turbina hi tech tutta d'un pezzo

 
MILANO
Nautica, Ferretti acquisisce Wally

Nautica, Ferretti acquisisce Wally

 
MILANO
Borsa: Europa in rialzo guarda a Cina

Borsa: Europa in rialzo guarda a Cina

 
ROMA
Visco, debito ostacola misure crescita

Visco, debito ostacola misure crescita

 
ROMA
Tria, stabilità moneta troppo rigorosa

Tria, stabilità moneta troppo rigorosa

 
MILANO
Borsa: Milano riduce rialzo, giù Tim

Borsa: Milano riduce rialzo, giù Tim

 

Con taglio Irap crescita assicurata

Confindustria stima per il 2006 una maggiore crescita del Pil se supportata da interventi incisivi a sostegno dello sviluppo. Previsto un recupero di competitività del sistema quantificabile in uno 0,2% e ad un miglioramento del clima di fiducia delle imprese e delle famiglie, quantificabile in un altro 0,2-0,3%
ROMA - Confindustria stima per il 2006 una maggiore crescita del Pil se supportata da interventi incisivi a sostegno dello sviluppo, a partire dal taglio dell'Irap.
«Se si attuassero da subito politiche economiche mirate a stimolare lo sviluppo quali la riduzione del carico fiscale sulle imprese (Irap e cuneo fiscale per 4 miliardi di euro) - spiega il Centro studi - il Pil crescerebbe nel 2006 dell'1,2%, con un aumento cioè dello 0,4-0,5% rispetto a al +0,8% dello scenario base. Si assisterebbe infatti ad un recupero di competitività del sistema quantificabile in uno 0,2% e ad un miglioramento del clima di fiducia delle imprese e delle famiglie, quantificabile in un altro 0,2-0,3%».

L'effetto sarebbe quindi positivo sia per gli investimenti che per i consumi. «Si tratta di uno scenario virtuoso - spiega Paolo Garonna, chief economist del Centro studi - possibile a patto che si intervenga subito in modo incisivo». Se invece non verrà intrapresa questa strada Confindustria teme per il Paese uno scenario «vizioso con una economia avvitata in una spirale recessiva. Uno scenario che si realizzerà - spiega ancora Garonna - se continuiamo con l'indecisione di politica economica, se non si interviene sulle spese e se si colpiscono proprio le imprese», come per esempio nella vicenda Tfr.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400