Martedì 28 Gennaio 2020 | 11:53

NEWS DALLA SEZIONE

MILANO
Borsa: Europa galleggia senza direzione

Borsa: Europa galleggia senza direzione

 
ROMA
Pil 2018, Nord Est +1,4%, Sud +0,3%

Pil 2018, Nord Est +1,4%, Sud +0,3%

 
MILANO
Borsa: Europa sale e tenta vincere paura

Borsa: Europa sale e tenta vincere paura

 
MILANO
Borsa: Milano in rialzo, deboli banche

Borsa: Milano in rialzo, deboli banche

 
MILANO
Borsa: Europa apre in rialzo

Borsa: Europa apre in rialzo

 
MILANO
Borsa: Milano apre in rialzo (+0,55%)

Borsa: Milano apre in rialzo (+0,55%)

 
ROMA

Cambi: euro a 1,1016 dollari in avvio

 
ROMA

Spread Btp Bund stabile a 141 punti

 
ROMA
Bce:timori su alcun casi gestione banche

Bce:timori su alcun casi gestione banche

 
ROMA

Oro: stabile a 1.580 dollari l'oncia

 
MILANO
Borsa: Asia ancora in calo, soffre Corea

Borsa: Asia ancora in calo, soffre Corea

 

Il Biancorosso

23ma Giornata serie C
Bari in casa Reggina per riaprire la corsa al primato

Perrotta salva il Bari al Granillo: 1-1 in casa della Reggina. La diretta

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoLa vertenza
Ginosa, Comune sollecita ricollocazione 60 operai ex Miroglio

Ginosa, Comune sollecita ricollocazione 60 operai ex Miroglio

 
BariLo stop nel 2013
Molfetta, dopo 6 anni e un processo con 28 assoluzioni, riprendono i lavori al Porto

Molfetta, dopo 6 anni e un processo con 28 assoluzioni, riprendono i lavori al Porto

 
HomeIl fenomeno
Morbillo, allarme in Salento 40 casi in un mese: anche 4 bimbi, due figli di «no vax»

Morbillo, in Salento 40 casi in un mese: anche 4 bimbi, due sono figli di «no vax»

 
FoggiaUna 37enne
Foggia, ruba a casa del cognato per procurarsi droga: arrestata una donna

Foggia, ruba a casa del cognato per procurarsi droga: arrestata una donna

 
BrindisiOperazione dei Cc
Droga, tre arresti nel Brindisino: preso 18enne vicino a scuola a Ostuni

Droga, tre arresti nel Brindisino: preso 18enne vicino scuola a Ostuni

 
BatL'accusa
«Mio fratello pestato in cella»: la denuncia della sorella dell'andriese Filippo Griner

«Mio fratello pestato in cella»: la denuncia della sorella dell'andriese Filippo Griner

 
Potenzaregione basilicata
Potenza, manca il numero legale, sciolta riunione del consiglio regionale

Potenza, manca il numero legale, sciolta riunione del consiglio regionale

 
MateraIl caso
Matera, hanno tentato di truffare una nonnina: in due agli arresti domiciliari

Matera, hanno tentato di truffare una nonnina: in due agli arresti domiciliari

 

i più letti

Lavoro, nel 2005 a tirare è il Sud

Nell'arco dell'anno saranno oltre 92mila i nuovi posti di lavoro creati dalle imprese italiane è quanto emerge dal sistema informativo Excelsior, realizzata da Unioncamere e ministero del Lavoro. La crescita più elevata dell'occupazione è attesa dalle imprese del Mezzogiorno • Maroni: il Governo è incapace di contenere la spesa
ROMA - Nel 2005 saranno oltre 92mila i nuovi posti di lavoro creati dalle imprese italiane è quanto emerge dal sistema informativo Excelsior, l'indagine annuale realizzata da Unioncamere e ministero del Lavoro sulle previsioni di assunzione e i fabbisogni professionali delle imprese italiane.
La previsione di nuovi posti emerge da un saldo, tra entrate (674mila 740) e uscite (555mila 260) ancora in attivo quest'anno (+0,9%) ma in contrazione di 0,4 punti rispetto al 2004 quando l'aumento previsto fu di oltre 136mila unità.
Anche per il 2005 - spiegano da Unioncamere - come negli anni precedenti, la crescita più elevata dell'occupazione è attesa dalle imprese del mezzogiorno (+1,7%) seguito dal centro (+1%) che supera, anche se di poco il nord-est (+0,85). Nel nord-ovest il tasso di crescita dell'occupazione sarà invece dello 0,4%. Sul podio, per nuovi posti, Lombardia, Campania e Lazio regioni che da sole produrranno oltre 30mila nuovi posti di lavoro.
Ad assumere di più saranno soprattutto le imprese più piccole, quelle con meno di 10 dipendenti che creeranno 81mila nuovi posti, seguite da quelle fino a 50 dipendenti (quasi 20mila posti di lavoro. E' ancora in calo, invece, la base lavorativa delle grandi imprese, quelle con oltre 250 dipendenti, che perderanno quasi 12mila posti di lavoro. Invertono invece la tendenza negativa registrata nel 2004 le medie imprese (50-249 dipendenti) che sono pronte ad assumere nel corso dell'anno 3mila 500 lavoratori in più.
Le figure più ricercate sono come sempre i laureati ma soprattutto, e questa è una novità rispetto all'anno scorso i diplomati: la richiesta di lavoratori in possesso del titolo di studio secondario e post secondario infatti aumenta di 19mila unità rispetto al 2005. Anche i laureati comunque continuano a crescere: saranno 56mila 900 gli assunti nel 2005. Diminuisce invece la richiesta di lavoratori con qualifica professionale mentre il livello della scuola dell'obbligo è richiesto per 242mila 830 assunzioni.

«L'occupazione - commenta il presidente di Unioncamere Carlo Sangalli - cresce in Italia grazie alle piccole e medio-piccole imprese che continuano a svolgere un ruolo sociale che merita rispetto e attenzione. Rispetto al 2004 il bilancio sarà più magro per un totale di 40 mila unità: è il prezzo che le nostre imprese pagano alle difficoltà che sta vivendo l'economia. E' un prezzo salato che comunque non fa che mettere ulteriormente in luce le trasformazioni in corso nel tessuto economico. Infatti a trainare l'occupazione saranno le imprese più innovative e quelle presenti stabilmente sui mercati internazionali».

CONFARTIGIANATO, GOVERNA SOSTENGA RUOLO PMI - «Il governo sostenga il ruolo occupazionale delle Pmi». E' quanto sollecita il presidente della Confartigianato Giorgio Guerrini alla luce dei dati diffusi quest'oggi dall'indagine Excelsior-Unioncamere.
«Ancora una volta l'artigianato e le piccole imprese - spiega il leader della Confartigianato - si confermano serbatoio di vera occupazione e dimostrano di avere le potenzialità per contribuire al superamento del difficile ciclo congiunturale. Di fronte al calo di posti di lavoro nella grande industria e nella Pubblica Amministrazione - osserva ancora Guerrini - la strada obbligata consiste nel sostenere, con politiche coerenti, le potenzialità occupazionali provenienti dalla piccola dimensione produttiva». A questo punto, conclude, «il Dpef è il banco di prova per creare un contesto favorevole alle piccole imprese».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie