Lunedì 27 Gennaio 2020 | 11:32

NEWS DALLA SEZIONE

MILANO
Borsa: Milano apre in forte ribasso

Borsa: Milano apre in forte ribasso

 
ROMA
Spread Btp-Bund crolla a 141 punti

Spread Btp-Bund crolla a 141 punti

 
ROMA
Petrolio in picchiata,-3% su paura virus

Petrolio in picchiata,-3% su paura virus

 
ROMA
Cambi: euro a 1,1034 dollari in avvio

Cambi: euro a 1,1034 dollari in avvio

 
ROMA
In arrivo nomine, Ruffini ad Ag.Entrate

In arrivo nomine, Ruffini ad Ag.Entrate

 
MILANO
Catalfo, dopo cuneo ora salario minimo

Catalfo, dopo cuneo ora salario minimo

 
ROMA
P.a: Pisano, pagamenti online o sanzioni

P.a: Pisano, pagamenti online o sanzioni

 
ROMA
Brexit: pressing banche per meno tasse

Brexit: pressing banche per meno tasse

 
ROMA
Pop Bari, a studio newco con banche Sud

Pop Bari, a studio newco con banche Sud

 
MILANO
Borsa: Milano chiude in rialzo (+1,1%)

Borsa: Milano chiude in rialzo (+1,1%)

 
NEW YORK
Wall Street apre in rialzo, Dj +0,36%

Wall Street apre in rialzo, Dj +0,36%

 

Il Biancorosso

23ma Giornata serie C
Bari in casa Reggina per riaprire la corsa al primato

Perrotta salva il Bari al Granillo: 1-1 in casa della Reggina. La diretta

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariLotta alla droga
Bitonto, gettano dal balcone 3 etti di cocaina: 4 arresti

Bitonto, gettano dal balcone 3 etti di cocaina: 4 arresti

 
FoggiaL'operazione dei cc
Evasione, furti e rapine: arrestate 6 persone tra Cerignola, Trinitapoli e Ascoli Satriano

Evasione, furti e rapine: arrestate 6 persone tra Cerignola, Trinitapoli e Ascoli Satriano

 
PotenzaPost elezioni
Regionali in Calabria, governatore lucano Bardi: «Al Sud FI è la casa dei moderati»

Regionali in Calabria, governatore lucano Bardi: «Al Sud FI è la casa dei moderati»

 
MateraIl caso
A Policoro 5 colpi di pistola contro studio di un notaio

A Policoro 5 colpi di pistola contro studio di un notaio

 
LecceNel centro storico
Lecce, Ztl: parte la rivolta dei commercianti

Lecce, Ztl: parte la rivolta dei commercianti

 
TarantoLa perquisizione dei cc
Cellulari e dosi di droga nel carcere di Taranto: 17 indagati

Cellulari e dosi di droga nel carcere di Taranto: 17 indagati

 
BrindisiShoah
Giorno della Memoria, il messaggio di Liliana Segre a studenti di Fasano: «Siate vigili»

Giorno della Memoria, il messaggio di Liliana Segre a studenti di Fasano: «Siate vigili»

 
BatCultura
Andria, Castel del Monte nella top 30 dei monumenti più visitati d'Italia

Andria, Castel del Monte nella top 30 dei monumenti più visitati d'Italia

 

i più letti

«Il Nord s'indebita, in Basilicata pagano cash»

Lo rileva l'Ufficio Studi dell'Associazione degli Artigiani Cgia di Mestre in una indagine che descrive la complessa relazione tra le famiglie italiane e gli istituti di credito
VENEZIA - Hanno livelli di reddito maggiori ma si indebitano di più: sono le famiglie del Nord ad avere più sospesi con le banche. Primo in classifica, contro una media nazionale di 11.537,35 euro, è il Trentino Alto Adige con una media di 16.598,50 euro. Seguono le famiglie lombarde con 15.037,55 euro, mentre al terzo posto del podio si classifica il Lazio con 14.316,57 euro. Chiude la classifica la Basilicata con un indebitamento medio familiare che si attesta sui 6.186,29 euro. Lo rileva l'Ufficio Studi dell' Associazione degli Artigiani Cgia di Mestre in una indagine che descrive la complessa relazione tra le famiglie italiane e gli istituti di credito.
Da un punto di vista metodologico, è detto in una nota della Cgia, per calcolare l'indebitamento medio si sono presi come parametri di riferimento i prestiti al consumo (per l'acquisto di automobili, elettrodomestici, etc.) i finanziamenti a termine (leasing) e i mutui casa richiesti dalle famiglie alle banche e alle finanziarie italiane.
L'indagine, osserva ancora la Cgia di Mestre, diventa ancora più interessante quando si osservano le variazioni di indebitamento tra il 2001 e il 2004: se il dato medio italiano si è attestato su il +33,5%, la regione che ha registrato l'incremento più elevato è stata la Lombardia (+ 45,4%). Al secondo posto si trova la Campania (+ 36,2%) e al terzo il Lazio (+ 35,6%). All'ultimo posto sempre la Basilicata con un + 15,6%.
«Di fronte alla stagnazione dei consumi in atto - commenta Giuseppe Bortolussi, segretario della Cgia di Mestre - l'aumento dell'indebitamento medio delle famiglie italiane è sicuramente imputabile alla situazione di difficoltà economica che sta vivendo in questi ultimi anni il paese. Tuttavia, visto che i valori medi più elevati si registrano soprattutto nelle aree più dinamiche del paese, non va nemmeno dimenticato che negli ultimi anni, dopo la crisi del mercato borsistico italiano, i risparmi sono stati dirottati per l' acquisto di immobili che mai come in questo momento sono stati così convenienti visti i tassi di interesse così bassi. Un segnale, forse, che la tanto agognata ripresa potrebbe trovare una spinta anche da questi ultimi».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie