Mercoledì 29 Gennaio 2020 | 16:42

NEWS DALLA SEZIONE

WASHINGTON
Boeing, 2019 in rosso,prima volta da '97

Boeing, 2019 in rosso,prima volta da '97

 
ROMA
Whirlpool, conferma addio a Napoli

Whirlpool, conferma addio a Napoli

 
NEW YORK
Wall Street apre in rialzo, +0,74%

Wall Street apre in rialzo, +0,74%

 
NEW YORK
Petrolio in rialzo a Ny a 53,6 dollari

Petrolio in rialzo a Ny a 53,6 dollari

 
ROMA
Hilton: giugno al via La Lama di Fuksas

Hilton: giugno al via La Lama di Fuksas

 
FRASCATI (ROMA)
A.Mittal:Patuanelli,chiudere entro il 31

A.Mittal:Patuanelli,chiudere entro il 31

 
ROMA
Calo vendite giocattoli in 2019, -3,5%

Calo vendite giocattoli in 2019, -3,5%

 
MILANO
Borsa: Milano apre in rialzo (+0,11%)

Borsa: Milano apre in rialzo (+0,11%)

 
ROMA
Oro: prezzo stabile a 1.566 dollari

Oro: prezzo stabile a 1.566 dollari

 
ROMA
Petrolio: Wti sale a 54,20 dollari

Petrolio: Wti sale a 54,20 dollari

 
ROMA
Cambi: euro in calo a 1,1009 dollari

Cambi: euro in calo a 1,1009 dollari

 

Il Biancorosso

Calcio
Bari, acquistato il difensore Ciofani dal Pescara

Bari, acquistato il difensore Ciofani dal Pescara

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariInfrastrutture
Porto Molfetta, ripresi i lavori per opere da 26 mln di euro

Porto Molfetta, ripresi i lavori per opere da 26 mln di euro

 
BatNel Parco
Posta su Facebook foto che lo ritrae con il fucile accanto a cinghiale appena ucciso: denunciato pseudo cacciatore

Posta su Fb foto che lo ritrae con il fucile accanto a cinghiale appena ucciso: denunciato pseudo cacciatore

 
TarantoIl risarcimento
Taranto, operaio morì di mesotelioma per colpa dell'amianto: 500mila euro agli eredi

Taranto, operaio morì di mesotelioma per colpa dell'amianto: 500mila euro agli eredi

 
PotenzaPsicosi
Potenza, «coronavirus»: il questore «Non c'è pericolo per i poliziotti»

Potenza, «Coronavirus»: il questore «Non c'è pericolo per i poliziotti»

 
Materala scoperta
Policoro, incendiano auto: denunciati 2 piromani

Policoro, incendiano auto: denunciati 2 piromani

 
FoggiaLa segnalazione
Foggia, allarme bomba, evacuato il Tribunale

Foggia, falso allarme bomba nel Tribunale

 
Brindisil'operazione
Brindisi, turbativa d'asta nella vendita di beni all'asta: due ai domiciliari

Brindisi, turbavano le aste giudiziarie per aggiudicarsi i beni: due arrestati

 
HomeIl fenomeno
Morbillo, allarme in Salento 40 casi in un mese: anche 4 bimbi, due figli di «no vax»

Morbillo, in Salento due casi al giorno, coinvolti adulti e bimbi: anche figli di «no vax»

 

i più letti

Benzina: in un anno rincari fino al 9,6%

Lo comunica l'Istat nell'ambito di un approfondimento sulla dinamica dei prezzi al consumo a maggio 2005. Per il gasolio si registra una diminuzione dell'1,1% rispetto ad aprile ed un aumento del 18,3% rispetto allo stesso mese dell'anno precedente
Pompa di benzina
ROMA - A maggio il prezzo della benzina verde è salito dello 0,8% rispetto al mese precedente, un incremento che porta il tasso sui 12 mesi, cioè rispetto a maggio 2004, al +9,6%.
Lo comunica l'Istat nell'ambito di un approfondimento sulla dinamica dei prezzi al consumo a maggio 2005. Per il gasolio si registra una diminuzione dell'1,1% rispetto ad aprile ed un aumento del 18,3% rispetto allo stesso mese dell'anno precedente.

CODACONS, IN UN ANNO STANGATA 220 EURO A FAMIGLIAIn un anno le famiglie italiane hanno speso «220 euro in più per il caro-benzina». E' quanto sottolineano i consumatori del Codacons commentando i dati Istat che mostrano nei dodici mesi un aumento del 9,6% della verde e del 18,3% per quanto riguarda il gasolio. Chiedendo al Governo «interventi urgenti nel settore dei carburanti», il Codacons ricorda - in una nota - che «il caro-carburanti incide pesantemente sull'inflazione: l'80% dei beni di largo consumo sono beni trasportati, il cui prezzo cresce all'aumentare dei prezzi alla pompa, con un'incidenza tra lo 0,3-0,4%».
Gli aumenti dei prezzi dei carburanti, in un anno, incideranno così - ribadisce - «sui bilanci delle famiglie, tra costi diretti e indiretti, per almeno 220 euro. Per questo chiediamo l'intervento urgente del Governo», aggiunge spiegando le richieste del Codacons: istituzione di «una cabina di monitoraggio per verificare l'andamento dei prezzi dei carburanti e la famosa doppia velocità, con sanzioni severe che puniscano gli speculatori e fungano da deterrente; una commissione parlamentare di inchiesta per monitorare il settore e colpire la speculazione dei petrolieri; la defiscalizzazione del prezzo dei carburanti attraverso l'eliminazione delle accise; l'apertura della vendita dei carburanti alla grande distribuzione, seguendo l'esempio francese, dove viene venduto il 60% dell'erogato a prezzi inferiori del 15% rispetto a quelli praticati dai grossi marchi petroliferi; la previsione di Benzacartellonì sulle autostrade, su cui segnalare i prezzi delle diverse compagnie e la distanza chilometrica delle rispettive stazioni di servizio». Va inoltre - conclude il Codacons - «accelerato il processo di modernizzazione della rete distributiva dei carburanti sullo stile di Francia e Germania, che determinerebbe un risparmio di 5-6 centesimi di euro al litro».

A NEW YORK PREZZI SOPRA I 55 DOLLARI IN ATTESA DEL VERTICE OPEC OPERATORI CONVINTI CHE UN RIALZO DELLA PRODUZIONE NON RAFFREDDERA' MERCATO
L'oro nero veleggia sul fronte dei rialzi sui mercati internazionali in attesa del meeting dei produttori Opec che si terrà oggi a Vienna. Gli investitori temono che la probabile decisione del cartello di aumentare il tetto produttivo ufficiale non riuscirà comunque a raffreddare il mercato, preoccupato per le scarse scorte di diesel e petrolio da riscaldamento.

Il contratto per le consegne di luglio, quotato al New York Mercantile Exchange (Nymex), veleggia in questo momento a 55,63 dollari al barile durante gli scambi elettronici. Stando alle previsioni, l'Opec dovrebbe alzare la quota produttiva nel meeting di oggi, ma molti analisti sono convinti che non verrà fatto nulla per aumentare le scorte di distillati in vista dell'inverno.

L'Opec dovrebbe alzare la produzione di 500.000 barili al giorno, o il 2%, portando così il suo tetto produttivo ufficiale a 28 milioni di barili al giorno, un livello che in realtà già già rispecchia la produzione reale. Il cartello potrebbe comunque lasciare aperta la porta ad un secondo rialzo se i prezzi rimarranno alti. Il presidente Opec, lo sceicco Ahmad al-Fahd al-Sabah, ha detto oggi che un buon numero di produttori è a favore di un secondo rialzo, a patto che i prezzi restino alti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie