Sabato 25 Maggio 2019 | 20:02

NEWS DALLA SEZIONE

ROMA
Demanio, 1.600 immobili sul mercato

Demanio, 1.600 immobili sul mercato

 
MILANO
Tata non vende Jaguar, ma pesa debito

Tata non vende Jaguar, ma pesa debito

 
MILANO
Mercati, futures contrastati con voto Ue

Mercati, futures contrastati con voto Ue

 
BOLOGNA
Mercatone Uno, dichiarato fallimento

Mercatone Uno, dichiarato fallimento

 
VENEZIA
Cgia: ritardi saldi Inps,Inail,ministeri

Cgia: ritardi saldi Inps,Inail,ministeri

 
TORINO
A Ferrero maggioranza gelati spagnoli

A Ferrero maggioranza gelati spagnoli

 
ROMA
Consumi: divario spesa famiglie Nord-Sud

Consumi: divario spesa famiglie Nord-Sud

 
POTENZA
A Melfi prodotta 500millesima Fiat 500X

A Melfi prodotta 500millesima Fiat 500X

 
MILANO
Borsa: Milano chiude in rialzo (+1,19%)

Borsa: Milano chiude in rialzo (+1,19%)

 
ROMA
Cent'anni penne Aurora, c'è francobollo

Cent'anni penne Aurora, c'è francobollo

 
NEW YORK
Borsa: Wall Street apre positiva

Borsa: Wall Street apre positiva

 

Il Biancorosso

L'INTERVISTA
Bellinazzo.: "Il Bari in serie A un affareVarrebbe tra i 70 e gli 80 milioni di euro"

Bellinazzo: «Bari in serie A un affare tra i 70 e gli 80 mln di euro»

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaIn largo Risorgimento
Stornarella, la lite tra parenti sfocia in rissa: arrestati 6 romeni

Stornarella, la lite tra parenti sfocia in rissa: arrestati 6 romeni

 
LecceDopo un raid
Lecce, pestato e ferito da un colpo d'arma da fuoco: arrestato 53enne

Lecce, pestato e ferito da un colpo d'arma da fuoco: arrestato 53enne

 
BrindisiUn 48enne
Brindisi, stalker seriale perseguita la ex: finisce in cella

Brindisi, stalker seriale perseguita la ex: finisce in cella

 
MateraImpianto Intrec
Nucleare, i dati a Rotondella ok ma si teme inquinamento

Nucleare, i dati a Rotondella ok ma si teme inquinamento

 
TarantoDai carabinieri
Marina di Ginosa, abusi edilizi: sequestrato un lido

Marina di Ginosa, abusi edilizi: sequestrato un lido

 
BariL'inchiesta
Bari, pm dissequestra beni a ex dirigente Policlinico

Bari, pm dissequestra beni a ex dirigente Policlinico

 
PotenzaControlli del Noe
Rifiuti, quattro ditte non in regola in Basilicata: multe e denunce

Rifiuti, quattro ditte non in regola in Basilicata: multe e denunce

 
BatNella Bat
Andria: molestie sessuali e foto osé a bimbo di 11 anni, arrestato 22enne

Andria: molestie sessuali e foto osé a bimbo di 11 anni, arrestato 22enne

 

i più letti

In ginocchio agricoltura del Metapontino

E' indispensabile un intervento rapido per tamponare l'emergenza e per procedere ad una bonifica del territorio, che per i prossimi anni rimarrà inservibile
grandine ROMA - L'agricoltura del metapontino è in ginocchio: 11mila ettari di terreno agricolo distrutti in appena 90 minuti di pioggia e grandine. Alberi di pesche e susine in parte squarciati dal ghiaccio. Sessanta milioni di euro di danni, e una produzione compromessa non soltanto per l'anno in corso, ma anche per quelli a venire. Sono centinaia di imprenditori agricoli costretti a rendere i compensi ricevuti come anticipo dai compratori, per i frutti che tra qualche giorno sarebbero finiti sul mercato. E le aziende faticano a reggere il colpo.

E' indispensabile un intervento rapido e straordinario per tamponare l'emergenza e per procedere ad una bonifica del territorio, che, con ogni probabilità, per i prossimi due o tre anni rimarrà inservibile. Per quest'anno, intanto, è stata annullata la messa in vendita delle primizie. Azzerata la produzione di albicocche. E ci sono danni alle coltivazioni di pomodori, angurie e meloni. Danneggiati anche gli agrumeti. Perduta parte della produzione di frutta e ortaggi coltivati in serra.

Nel giro di poco più di un'ora il nubifragio che lo scorso 24 maggio si è abbattuto nella zona a cavallo tra i comuni di Policoro, Tursi, Rotondella e Novasiri, ha messo al tappeto l'economia di una grossa fetta della Basilicata, aprendo ferite enormi negli arbusti e mettendo in serio pericolo la salute delle piante, che rischiano di essere attaccate da agenti patogeni e da batteri.

«E' stata un'apocalisse. Nel giro di mezz'ora i terreni sono stati completamente devastati», racconta chi c'era. Dal cielo sono precipitati giù chicchi di ghiaccio grandi come pugni. Una sassaiola di grandine, che ha spaccato a metà albicocche, pesche e susine. Anche i vigneti non sono stati risparmiati, ed è a rischio la vendemmia del prossimo settembre. Il giorno successivo al nubifragio, nonostante le temperature altissime, il ghiaccio è rimasto ancora lì. Ci sono volute 24 ore per scioglierlo tutto.

«Non ricordiamo una pioggia di questa portata da almeno vent'anni», dicono gli imprenditori agricoli. Ed hanno perfettamente ragione: «E' stato un evento straordinario e imprevedibile, ma legato sicuramente ai cambiamenti climatici di questi ultimi anni». «Nell'ultimo decennio - ha spiegato Michele Perniola, professore ordinario di agrometeorologia all'università di Basilicata - le temperature si sono alzate notevolmente ed eventi di questo tipo sono diventati via via sempre più probabili».
«Ma la straordinarietà di quest'evento - continua - è legata, oltre che alla quantità di grandine caduta al suolo, soprattutto all'estensione della precipitazione - dice - sono stati 11mila i chilometri di terreno interessati dal nubifragio. Le conseguenze per il comparto agricolo sono davvero enormi».
E spiega: « il danno diretto è stato sulle culture arboree, come pesche e albicocche. Adesso le ferite aperte nelle strutture degli alberi facilitano l'attacco da parte di agenti patogeni. E' indispensabile, a questo punto, un trattamento di profilassi contro l'attacco di eventuali batteri». Ma il problema, in Basilicata, è che buona parte delle coltivazioni è di tipo biologico, e «non consente pertanto - prosegue Perniola - l'utilizzo di nessun tipo di agente chimico».

Nei giorni scorsi le associazioni di catogoria hanno consigliato agli agricoltori di approntare trattamenti a base di rame, «ma bisognerà vedere di volta in volta - ha aggiunto Perniola - quali tipologie di batteri attaccheranno le piantagioni». E' necassario, insomma, fare i conti con l'emergenza, e cercare di far fronte subito alle esigenze del momento, per ridurre, per quanto possibile, almeno i danni di breve periodo.

D'altra parte la Basilicata non è abituata ad eventi di questo tipo. «Ciò che che colpisce della precipitazione del 24 maggio - ha detto Franco Prodi, direttore dell'Istituto di Scienze Climatiche del Cnr e professore ordinario di fisica dell'atmosfera all'Università di Ferrara - è stato non tanto la quantità di grandine finita al suolo, quanto la posizione in cui è venuta a cadere la colonna d'acqua. Un fenomeno del genere ce lo possiamo aspettiare in altre parti d'Italia, in Pianura Padana, nell'astigiano o nel veronese. Nel sud fenomeni di questo tipo sono molto più rari, ma non impossibili».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400