Mercoledì 16 Gennaio 2019 | 05:26

NEWS DALLA SEZIONE

PECHINO
Borsa, Shanghai apre a -0,05%

Borsa, Shanghai apre a -0,05%

 
TOKYO
Borsa: Tokyo, apertura in lieve rialzo

Borsa: Tokyo, apertura in lieve rialzo

 
MOSCA
Tria, stagnazione spero temporanea

Tria, stagnazione spero temporanea

 
MILANO
Tesoro: colloca 10 mld Btp a 15 anni

Tesoro: colloca 10 mld Btp a 15 anni

 
ROMA
Entro febbraio decreto attuativo Pir

Entro febbraio decreto attuativo Pir

 
TRIESTE
Fincantieri: appalto da Regent Seven Sea

Fincantieri: appalto da Regent Seven Sea

 
MILANO
Casa: nel 2018 aste a quota 245mila, +4%

Casa: nel 2018 aste a quota 245mila, +4%

 
ROMA
Certificazione anticorruzione per Poste

Certificazione anticorruzione per Poste

 
REGGIO CALABRIA
Boccia, rallentamento è indice negativo

Boccia, rallentamento è indice negativo

 
ROMA
Banche:approccio Bce già comunicato 2018

Banche:approccio Bce già comunicato 2018

 
MILANO
Borsa:Europa gira in calo, Jpm delude

Borsa:Europa gira in calo, Jpm delude

 

Epifani: senza risposte penso a sciopero generale

Il leader della Cgil: «Dobbiamo chiudere i rinnovi contrattuali, alcuni aspettano da quattro anni. La risposta del Governo deve arrivare entro sette giorni»
ROMA - Senza una risposta del Governo che deve arrivare entro sette giorni, sarà necessario mettere in campo uno sciopero generale. E' questa l'opinione del leader della Cgil, Guglielmo Epifani, secondo il quale, in ogni caso, andrà discussa insieme alle altre confederazioni.
«Qualora il governo non dovesse o non potesse rendersi disponibile alla conclusione del contratto - ha affermato Epifani, a margine dell'assemblea dei delegati del pubblico impiego - è evidente che si assume la responsabilità della risposta del sindacato, che, ovviamente, non potrà che essere generale».

Epifani ha spiegato il messaggio che esce oggi dall'assemblea: «dobbiamo chiudere i rinnovi contrattuali, fermi da quasi due mesi e alcuni addirittura da quattro anni - ha detto Epifani -. Ci vuole uno sforzo di risorse supplementari per chiudere in maniera equilibrata tutti i contratti. Rimandare ancora non sarebbe tollerabile, anche dopo il discorso fatto in parlamento dal Presidente del Consiglio».
Per Epifani «se fossimo in presenza di un tentativo di blocco contrattuale, è evidente che la risposta non potrà che essere molto ferma».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400