Lunedì 20 Gennaio 2020 | 07:09

NEWS DALLA SEZIONE

MILANO
Aston Martin: cinesi pronti a smarcarsi

Aston Martin: cinesi pronti a smarcarsi

 
ROMA
Rischio tassa su ombra balconi

Rischio tassa su ombra balconi

 
ROMA
60mila imprese bio certificate,52% a Sud

60mila imprese bio certificate,52% a Sud

 
VENEZIA
Lavoro: Cgia, crollate ore di 2,3 mld

Lavoro: Cgia, crollate ore di 2,3 mld

 
NEW YORK
Petrolio: chiude poco mosso a Ny

Petrolio: chiude poco mosso a Ny

 
MILANO
Borsa: nuovo massimo per Piazza Affari

Borsa: nuovo massimo per Piazza Affari

 
MILANO
Borsa: Europa chiude bene, Parigi +1%

Borsa: Europa chiude bene, Parigi +1%

 
MILANO
Borsa: Milano chiude in rialzo (+0,84%)

Borsa: Milano chiude in rialzo (+0,84%)

 
MILANO
Borsa:Europa sale nel finale,Milano+0,7%

Borsa:Europa sale nel finale,Milano+0,7%

 
BARI
Pop.Bari:crediti inesigibili come sicuri

Pop.Bari:crediti inesigibili come sicuri

 
ROMA
Maggino, strategia per governo Benessere

Maggino, strategia per governo Benessere

 

Il Biancorosso

Serie C
Goleada del Bari contro il fanalino di coda Rieti: il videocommento

Goleada del Bari contro il fanalino di coda Rieti: il videocommento

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl 22 gennaio
Bari, al via il convegno «Il senso delle parole» con FNSI e Martella

Bari, al via il convegno «Il senso delle parole» con FNSI e Martella

 
FoggiaL'operazione dei cc
Cerignola, beccati 4 giovanissimi ladri di moto: arrestati

Cerignola, beccati 4 giovanissimi ladri di moto: arrestati

 
TarantoIl caso
Capitale della Cultura italiana 2021: prove di sintesi fra Taranto e Grecìa Salentina

Capitale della Cultura italiana 2021: prove di sintesi fra Taranto e Grecìa Salentina

 
BrindisiNel Brindisino
Fasano, ubriaco alla guida di un camion a zig-zag sulla statale: denunciato

Fasano, ubriaco alla guida di un camion a zig-zag sulla statale: denunciato

 
Materaarte
Matera, boom dei musei: presenze salgono del 28,98%

Matera, boom dei musei: presenze salgono del 28,98%

 
Leccenel Salento
S.M. al Bagno, il campanile cade a pezzi: è allarme

S.M. al Bagno, il campanile cade a pezzi: è allarme

 
Batl'ultimo saluto
Barletta saluta il dottor Dimiccoli: fu anche ex sindaco

Barletta saluta il dottor Dimiccoli: fu anche ex sindaco

 

i più letti

Puglia leader in export agricolo

I dati di Federalimentare nell'ambito di Cibus Med, salone dell'alimentazione mediterranea in corso a Bari • Rallenta export alimentare in regioni del Sud
BARI - Le esportazioni agricole pugliesi superano di gran lunga quelle dell'industria alimentare nazionale: il ruolo di regione leader dell'export primario appartiene, infatti, da sempre alla Puglia, anche se questo ruolo si è fortemente indebolito nel 2004. Sul fronte dell'industria alimentare regione leader nel Sud è la Campania. I dati sono stati forniti da Federalimentare nell'ambito di Cibus Med, salone dell'alimentazione mediterranea in corso a Bari dal 3 al 5 maggio.

L'export primario della Puglia, con quasi 430 milioni di euro, ha subito una brusca battuta d'arresto nel 2004, con un taglio del -20,6% rispetto all'anno precedente. La quota raggiunta ha rappresentato comunque il 37,4% dell'export primario meridionale: una fetta di gran lunga superiore a tutte le altre regioni. Ma il taglio subito è stato forte. Ed è stato il principale responsabile dell'arretramento complessivo dell'export primario meridionale.

L'export della Puglia, secondo Federalimentare, reca una caratterista strutturale anomala. Le sue esportazioni agricole sono largamente superiori a quelle dell'industria alimentare locale. Nell'ultimo anno, infatti, l'export agricolo ha sorpassato di oltre 100 milioni quello dell'industria alimentare, che si è fermato a quota 323 milioni di euro. Il fenomeno sottolinea la forte vocazione agricola della regione, e ne evidenzia le potenzialità. Una filiera regionale più equilibrata - sottolinea Federalimentare - permetterebbe infatti una maggiore valorizzazione dei prodotti dell'agricoltura locale. E la trasformazione arricchirebbe certamente il tessuto economico della regione rendendo inoltre più articolati i flussi di esportazione.
In Puglia, una regione in cui prevale l'export primario, le esportazioni dell'Industria alimentare hanno tenuto arrivando a 323,2 milioni di euro (+1,0%). Un aumento legato in gran parte al buon andamento del settore oleario, che ha sfiorato i 109 milioni con un incremento del +33,9% sull'anno precedente. Il comparto oleario rappresenta oltre 1/3 dell'intero export alimentare pugliese. Questa performance ha consentito di riequilibrare la caduta dell'export molitorio pugliese, sceso a quasi 8 milioni di euro, con un taglio del -80%.

Le due regioni comprimarie della Puglia hanno fatto meglio. La Sicilia, soprattutto, ha raggiunto un export primario di oltre 323 milioni di euro (+9,5%). Mentre la Campania, la regione del Sud con la maggiore 'vocazione industrialè, ha tenuto: il suo export primario, con una quota di 274 milioni di euro, è cresciuto del 2,7%.

La situazione del Sud, comunque, non è omogenea e - secondo i dati di Federalimentare - la distanza tra l'export delle prime tre regioni (Puglia, Campania e Sicilia) e le altre regioni del sud è molto marcata, anche se la Calabria, col suo quarto posto, è stata brillante: le esportazioni primarie della regione hanno sfiorato infatti quota 66 milioni (+44%). Questo salto ha consentito all'export primario calabrese di sorpassare quello dell'industria alimentare locale, che è arretrato sull'anno precedente (-3,3%) e si è fermato a quota 50 milioni di euro. Segue l'export abruzzese, con una quota di 31,5 milioni di euro e una discesa del -9,2%. E segue ancora l'export primario lucano, con 18,5 milioni di euro e un calo del -2,1%.

Da notare, infine, secondo Federalimentare, l'esiguità dell'export primario sardo. Esso ha raggiunto la quota di 5 milioni di euro circa, con un calo del -39,3% sull'anno precedente. Considerando l'estensione della regione, è un livello - per Federalimentare - «davvero simbolico, che riesce a precedere solo il Molise (che si è fermato a una quota export di 1 milione di euro): ma l'export molisano ha, quanto meno, l'alibi di una superficie agricola e di una tradizione zootecnica nettamente inferiori».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie