Martedì 18 Maggio 2021 | 18:51

NEWS DALLA SEZIONE

MILANO
Borsa: l'Europa chiude poco mossa, Londra +0,18%

Borsa: l'Europa chiude poco mossa, Londra +0,18%

 
MILANO
Borsa: Milano chiude in lieve rialzo (+0,07%)

Borsa: Milano chiude in lieve rialzo (+0,07%)

 
MILANO
Mediobanca, Del Vecchio sale al 15,4% del capitale

Mediobanca, Del Vecchio sale al 15,4% del capitale

 
ROMA
Terna, 90 milioni per il nuovo elettrodotto per l'isola d'Elba

Terna, 90 milioni per il nuovo elettrodotto per l'isola d'Elba

 
ROMA
Giorgetti, nel dl Sostegni bis forfait per sale da ballo e gioco

Giorgetti, nel dl Sostegni bis forfait per sale da ballo e gioco

 
MILANO
Borsa: Milano (+0,7%) maglia rosa in Europa, corre Mps

Borsa: Milano (+0,7%) maglia rosa in Europa, corre Mps

 
TORINO
Stellantis e Foxconn, nasce joint venture Mobile Drive

Stellantis e Foxconn, nasce joint venture Mobile Drive

 
MILANO
Borsa: Europa in positivo dopo dati Pil, Milano +0,6%

Borsa: Europa in positivo dopo dati Pil, Milano +0,6%

 
MILANO
Borsa: Europa prosegue in rialzo, avanzano le materie prime

Borsa: Europa prosegue in rialzo, avanzano le materie prime

 
MILANO
Intesa: Sviluppo Filiere sbarca su mercati internazionali

Intesa: Sviluppo Filiere sbarca su mercati internazionali

 
MILANO
Borsa: Milano prosegue in rialzo, sprint di Mps e Amplifon

Borsa: Milano prosegue in rialzo, sprint di Mps e Amplifon

 

Il Biancorosso

Serie C
Calcio, ecco la storia di Bari-Foggia

Calcio, ecco la storia di Bari-Foggia

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariL'iniziativa
Bari riparte da piazza Umberto: il video degli studenti

Bari riparte da piazza Umberto: il video degli studenti

 
Potenzacovid
E anche in Basilicata i contagi continuano a calare

E anche in Basilicata i contagi continuano a calare

 
PotenzaCovid
Basilicata, scuole superiori da domani in presenza al 100%

Basilicata, scuole superiori da domani in presenza al 100%

 
Tarantoambiente
Taranto, sequestrata discarica di  rifiuti pericolosi

Taranto, sequestrata discarica di rifiuti pericolosi - IL VIDEO

 
LecceIl caso
Otranto, il Comune sfratta il sindaco Cariddi

Otranto, il Comune sfratta il sindaco Cariddi

 
BatAd Andria
Arsenale sequestrato a ex gip, De Benedictis ammette: «Mie solo alcune di quelle armi»

Arsenale sequestrato a ex gip, De Benedictis ammette: «Mie solo alcune di quelle armi»

 
BrindisiTerritorio
Torre Guaceto tra le migliori aree protette dell’intero Mediterraneo

Torre Guaceto tra le migliori aree protette dell’intero Mediterraneo

 

i più letti

Lavoro - Italiani tra i più pigri, stakanovisti in Usa

Rispetto i colleghi europei i lavoratori italiani hanno le bustepaga più leggere. Almeno 40 le orelavorative negli Stati Uniti, 38 in Europa, ma la tendenza è all'aumento
ROMA - Lavorano decisamente meno degli statunitensi, ma più di tedeschi, francesi, olandesi e danesi. Ed a risentirne nel confronto con i loro omologhi di oltreoceano è sicuramente la busta paga, decisamente più leggera. I lavoratori full-time italiani trascorrono circa 1.672 ore l'anno seduti dietro la propria scrivania, in media - secondo il rapporto 2005 del CesIfo - 38 ore la settimana. Ma gli europei non devono farsi una colpa del loro lavorare meno: sono gli standard contrattuali a stabilirlo. Solo la Germania si sta progressivamente adattando ai canoni a stelle strisce aumentando l'orario di lavoro per far fronte alla crescente concorrenza internazionale ed alla minaccia di delocalizzazione.

Gli stakanovisti a livello mondiale sono gli americani con 1.904 ore lavorate ogni anno per dipendente, per un ammontare di circa 40 ore la settimana. I giapponesi, invece, trascorrono dietro la scrivania circa 100 ore in meno degli statunitensi (1.803 ore l'anno per lavoratore), mentre a livello europeo i più attaccati al posto di lavoro sono gli abitanti dei nuovi paesi membri a fronte della spiccata pigrizia dei più anziani: Italia, Francia, Germania occidentale e Regno Unito figurano infatti alle ultime posizioni della classifica CesIfo con meno di 1.700 ore lavorate ogni anno.

Ma se queste sono le ore di lavoro stabilite a livello contrattuale, c'è però da dire che sono in molti a lavorare decisamente di più. In Italia, infatti, i dipendenti rimangono in media inchiodati al proprio posto circa 38,5 ore alla settimana, cioè mezzora in più rispetto a quanto stabilito dalla normativa vigente. Ben più pesante il differenziale nel Regno Unito: se da contratto le ore settimanali sono 37,2, gli inglesi tendono a spendere in ufficio circa 43,3 ore la settimana, quindi circa 6,1 ore in più del previsto.

Il rapporto CesIfo mette però in evidenza come anche l'Europa si stia progressivamente adeguando a nuovi ritmi lavorativi, imposti per lo più dalla pressante concorrenza internazionale. E' il caso della Germania, che sta facendo da apripista: molte aziende tedesche alle prese con profonde crisi, come Opel e DaimlerChrysler, hanno raggiunto un accordo con i sindacati per portare l'orario di lavoro a 40 ore settimanali mantenendo immutati gli stipendi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie