Sabato 25 Maggio 2019 | 23:04

NEWS DALLA SEZIONE

NEW YORK
Fca: Ft, tratta per alleanza con Renault

Fca: Ft, tratta per alleanza con Renault

 
ROMA
Demanio, 1.600 immobili sul mercato

Demanio, 1.600 immobili sul mercato

 
MILANO
Tata non vende Jaguar, ma pesa debito

Tata non vende Jaguar, ma pesa debito

 
MILANO
Mercati, futures contrastati con voto Ue

Mercati, futures contrastati con voto Ue

 
BOLOGNA
Mercatone Uno, dichiarato fallimento

Mercatone Uno, dichiarato fallimento

 
VENEZIA
Cgia: ritardi saldi Inps,Inail,ministeri

Cgia: ritardi saldi Inps,Inail,ministeri

 
TORINO
A Ferrero maggioranza gelati spagnoli

A Ferrero maggioranza gelati spagnoli

 
ROMA
Consumi: divario spesa famiglie Nord-Sud

Consumi: divario spesa famiglie Nord-Sud

 
POTENZA
A Melfi prodotta 500millesima Fiat 500X

A Melfi prodotta 500millesima Fiat 500X

 
MILANO
Borsa: Milano chiude in rialzo (+1,19%)

Borsa: Milano chiude in rialzo (+1,19%)

 
ROMA
Cent'anni penne Aurora, c'è francobollo

Cent'anni penne Aurora, c'è francobollo

 

Il Biancorosso

L'INTERVISTA
Bellinazzo.: "Il Bari in serie A un affareVarrebbe tra i 70 e gli 80 milioni di euro"

Bellinazzo: «Bari in serie A un affare tra i 70 e gli 80 mln di euro»

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIl caso
Mangiano funghi velenosi: famiglia intossicata nel Tarantino

Mangiano funghi velenosi: famiglia intossicata nel Tarantino

 
FoggiaIn largo Risorgimento
Stornarella, la lite tra parenti sfocia in rissa: arrestati 6 romeni

Stornarella, la lite tra parenti sfocia in rissa: arrestati 6 romeni

 
LecceDopo un raid
Lecce, pestato e ferito da un colpo d'arma da fuoco: arrestato 53enne

Lecce, pestato e ferito da un colpo d'arma da fuoco: arrestato 53enne

 
BrindisiUn 48enne
Brindisi, stalker seriale perseguita la ex: finisce in cella

Brindisi, stalker seriale perseguita la ex: finisce in cella

 
MateraImpianto Intrec
Nucleare, i dati a Rotondella ok ma si teme inquinamento

Nucleare, i dati a Rotondella ok ma si teme inquinamento

 
BariL'inchiesta
Bari, pm dissequestra beni a ex dirigente Policlinico

Bari, pm dissequestra beni a ex dirigente Policlinico

 
PotenzaControlli del Noe
Rifiuti, quattro ditte non in regola in Basilicata: multe e denunce

Rifiuti, quattro ditte non in regola in Basilicata: multe e denunce

 
BatNella Bat
Andria: molestie sessuali e foto osé a bimbo di 11 anni, arrestato 22enne

Andria: molestie sessuali e foto osé a bimbo di 11 anni, arrestato 22enne

 

i più letti

Lavoro - Italiani tra i più pigri, stakanovisti in Usa

Rispetto i colleghi europei i lavoratori italiani hanno le bustepaga più leggere. Almeno 40 le orelavorative negli Stati Uniti, 38 in Europa, ma la tendenza è all'aumento
ROMA - Lavorano decisamente meno degli statunitensi, ma più di tedeschi, francesi, olandesi e danesi. Ed a risentirne nel confronto con i loro omologhi di oltreoceano è sicuramente la busta paga, decisamente più leggera. I lavoratori full-time italiani trascorrono circa 1.672 ore l'anno seduti dietro la propria scrivania, in media - secondo il rapporto 2005 del CesIfo - 38 ore la settimana. Ma gli europei non devono farsi una colpa del loro lavorare meno: sono gli standard contrattuali a stabilirlo. Solo la Germania si sta progressivamente adattando ai canoni a stelle strisce aumentando l'orario di lavoro per far fronte alla crescente concorrenza internazionale ed alla minaccia di delocalizzazione.

Gli stakanovisti a livello mondiale sono gli americani con 1.904 ore lavorate ogni anno per dipendente, per un ammontare di circa 40 ore la settimana. I giapponesi, invece, trascorrono dietro la scrivania circa 100 ore in meno degli statunitensi (1.803 ore l'anno per lavoratore), mentre a livello europeo i più attaccati al posto di lavoro sono gli abitanti dei nuovi paesi membri a fronte della spiccata pigrizia dei più anziani: Italia, Francia, Germania occidentale e Regno Unito figurano infatti alle ultime posizioni della classifica CesIfo con meno di 1.700 ore lavorate ogni anno.

Ma se queste sono le ore di lavoro stabilite a livello contrattuale, c'è però da dire che sono in molti a lavorare decisamente di più. In Italia, infatti, i dipendenti rimangono in media inchiodati al proprio posto circa 38,5 ore alla settimana, cioè mezzora in più rispetto a quanto stabilito dalla normativa vigente. Ben più pesante il differenziale nel Regno Unito: se da contratto le ore settimanali sono 37,2, gli inglesi tendono a spendere in ufficio circa 43,3 ore la settimana, quindi circa 6,1 ore in più del previsto.

Il rapporto CesIfo mette però in evidenza come anche l'Europa si stia progressivamente adeguando a nuovi ritmi lavorativi, imposti per lo più dalla pressante concorrenza internazionale. E' il caso della Germania, che sta facendo da apripista: molte aziende tedesche alle prese con profonde crisi, come Opel e DaimlerChrysler, hanno raggiunto un accordo con i sindacati per portare l'orario di lavoro a 40 ore settimanali mantenendo immutati gli stipendi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400