Martedì 22 Gennaio 2019 | 01:52

NEWS DALLA SEZIONE

ROMA
Tria, sbagliato dire manovra correttiva

Tria, sbagliato dire manovra correttiva

 
MILANO
Borsa Milano fiacca con Europa, male Tim

Borsa Milano fiacca con Europa, male Tim

 
MILANO
Esselunga,vendite 2018 a 7,9 mld (+2,1%)

Esselunga,vendite 2018 a 7,9 mld (+2,1%)

 
MILANO
Borsa Europa chiude debole, tiene Londra

Borsa Europa chiude debole, tiene Londra

 
ROMA
Spread Btp chiude in rialzo a 250 punti

Spread Btp chiude in rialzo a 250 punti

 
MILANO
Tim cede ancora in Borsa, -2,6% finale

Tim cede ancora in Borsa, -2,6% finale

 
MILANO
Borsa Milano chiude in calo, -0,35%

Borsa Milano chiude in calo, -0,35%

 
DAVOS
Fmi, taglia a 0,6% crescita Italia 2019

Fmi, taglia a 0,6% crescita Italia 2019

 
BOLZANO
Morto Armin Loacker, il re dei wafer

Morto Armin Loacker, il re dei wafer

 
MILANO
Tim: Elliott vuole cessione quota rete

Tim: Elliott vuole cessione quota rete

 
ROMA
Trasporti:oggi sciopero Tpl di 4 ore

Trasporti:oggi sciopero Tpl di 4 ore

 

Nuovi importi dei contributi per le colf

Dal primo gennaio scorso sono in vigore i nuovi importi dei contributi assicurativi per i lavoratori domestici e familiari (colf, badanti, bambinaie, custodi, autisti...), per rapporti inferiori e superiori alle 24 ore
Dal primo gennaio scorso sono in vigore i nuovi importi dei contributi assicurativi per i lavoratori domestici e familiari (colf, badanti, bambinaie, custodi, autisti, ecc.).
In particolare, per rapporti di lavoro di durata non superiore alle 24 ore settimanali, la contribuzione da versare all'INPS per il 2005 è la seguente: se la retribuzione effettiva percepita dal lavoratore non supera l'importo di 6,59 Euro l'ora, il contributo dovuto per ogni ora retribuita è di € 1,27 (di cui € 0,28 è dovuto dal dipendente); per retribuzioni orarie comprese tra € 6,59 ed € 8,04, l'importo del contributo orario sale ad euro 1,43 (di cui € 0,31 sono a carico del domestico), ed infine, per retribuzioni che superano gli € 8,04 l'ora, il contributo dovuto è di € 1,74 (di cui € 0,30 devono essere corrisposti dal dipendente).
Per i rapporti di lavoro che superano le 24 ora settimanali, è invece dovuta una contribuzione ridotta di € 0,92 l'ora, (di cui € 0,20 sono dovuti dal lavoratore o dalla lavoratrice) quale che sia l'importo della retribuzione oraria effettiva percepita dal lavoratore domestico.
Se, infine, tra datore di lavoro e lavoratore vi sono rapporti di parentela entro il 3° grado e tra i due vi è anche convivenza, la contribuzione dovuta si riduce ulteriormente ed è pertanto pari ad Euro 1,14, per retribuzioni orarie che non superano la prima "fascia" retributiva di € 6,59; ad Euro 1,29, per quelle della seconda fascia (non superiori ad € 8,04 l'ora) e ad € 1,57, per quelle della terza fascia.
Per i rapporti di lavoro che superano le 24 ore settimanali, la contribuzione fissa si riduce ad € 0,83. In tutti i casi restano invariate le quote dovute dal lavoratore o dalla lavoratrice.

Adolfo de Mattia

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400