Martedì 22 Gennaio 2019 | 06:53

NEWS DALLA SEZIONE

PECHINO
Borsa Shanghai poco mossa, apre a -0,03%

Borsa Shanghai poco mossa, apre a -0,03%

 
TOKYO
Borsa Tokyo,apertura poco variata +0,19%

Borsa Tokyo,apertura poco variata +0,19%

 
ROMA
Tria, sbagliato dire manovra correttiva

Tria, sbagliato dire manovra correttiva

 
MILANO
Borsa Milano fiacca con Europa, male Tim

Borsa Milano fiacca con Europa, male Tim

 
MILANO
Esselunga,vendite 2018 a 7,9 mld (+2,1%)

Esselunga,vendite 2018 a 7,9 mld (+2,1%)

 
MILANO
Borsa Europa chiude debole, tiene Londra

Borsa Europa chiude debole, tiene Londra

 
ROMA
Spread Btp chiude in rialzo a 250 punti

Spread Btp chiude in rialzo a 250 punti

 
MILANO
Tim cede ancora in Borsa, -2,6% finale

Tim cede ancora in Borsa, -2,6% finale

 
MILANO
Borsa Milano chiude in calo, -0,35%

Borsa Milano chiude in calo, -0,35%

 
DAVOS
Fmi, taglia a 0,6% crescita Italia 2019

Fmi, taglia a 0,6% crescita Italia 2019

 
BOLZANO
Morto Armin Loacker, il re dei wafer

Morto Armin Loacker, il re dei wafer

 

L'inflazione s'è desta

Al netto dei tabacchi l'indice nazionale dei prezzi al consumo è aumentato su base congiunturale dello 0,3% e su base tendenziale dell'1,6%. Il Foi, cioè l'indice per le famiglie di operai e impiegati, è invece cresciuto dello 0,3% rispetto a gennaio. L'Istat precisa che la variazione congiunturale dello 0,3% dei prezzi è la più significativa da marzo dello scorso anno. Ad incidere sono stati in particolare gli incrementi dei capitoli altri beni e servizi (+0,7%), dei trasporti (+0,5%), dei mobili e dei servizi ricettivi e di ristorazione (+0,4% per entrambi)
L'inflazione s'è desta
ROMA - Al netto dei tabacchi l'indice nazionale dei prezzi al consumo è aumentato su base congiunturale dello 0,3% e su base tendenziale dell' 1,6%.
Il Foi, cioè l'indice per le famiglie di operai e impiegati, è invece cresciuto dello 0,3% rispetto a gennaio e dell' 1,8% rispetto a febbraio 2004 (+0,3% congiunturale e +1,6% tendenziale al netto dei tabacchi).
L'indice armonizzato, infine, ha registrato una variazione negativa dello 0,1% rispetto a gennaio e un aumento del 2,1% rispetto a febbraio 2004.
L'Istat precisa che la variazione congiunturale dello 0,3% dei prezzi è la più significativa da marzo dello scorso anno. Ad incidere sono stati in particolare gli incrementi dei capitoli altri beni e servizi (+0,7%), dei trasporti (+0,5%), dei mobili e dei servizi ricettivi e di ristorazione (+0,4% per entrambi). A livello congiunturale in particolare i servizi bancari sono aumentati del 4,8%, un aumento, spiega l'Istat, che risente dell'aumento dell'imposta di bollo.
Guardando invece al dato tendenziale, stabile rispetto a gennaio, l'Istat spiega che alla stabilizzazione ha contribuito soprattutto il favorevole andamento dei prezzi degli alimentari, che hanno registrato anche a febbraio un tasso tendenziale negativo (-0,4%). All' interno degli alimentari, va comunque notata una ripresa congiunturale dei prezzi degli ortaggi, aumentati del 2,7% rispetto a gennaio, anche se a livello annuale il tasso di variazione rimane ampiamente negativo (-8,2%).
Un effetto di accelerazione sull' indice hanno invece avuto i capitoli dei trasporti e quello dell' abitazione, che insieme spiegano poco meno della metà del tasso d'inflazione. In particolare per i trasporti, l'aumento sul 2004 è stato del 4,3%, dovuto in parte all' accelerazione dei prezzi dei carburanti e alla ripresa del prezzo della benzina.
Per quanto riguarda invece il capitolo abitazione, acqua, elettricità e combustibili, l'aumento su base tendenziale è stato del 3,6%: in particolare, l'Istat rileva una crescita mensile dei prezzi dei combustibili liquidi (+0,8%) che determina una ulteriore accelerazione del tasso annuale, salito al 14,7%.
L'aumento tendenziale in assoluto più elevato è stato quello di bevande alcoliche e tabacchi (+10,6%) e a crescere sono stati anche i prezzi del settore istruzione (+3,6%).
In diminuzione, invece, oltre agli alimentari, il capitolo comunicazioni (-6,2%) e i servizi sanitari e spese per la salute (-1,2%).
Tra i 20 capoluoghi di regione, comunica infine l'Istat, gli aumenti più significativi sono stati quelli di Aosta (+2,5%), Napoli (+2,4%) e Torino (+2,3%). Gli aumenti più moderati sono stati invece quelli di Ancona (+1%) e Palermo (+1,2%).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400