Venerdì 24 Gennaio 2020 | 23:43

NEWS DALLA SEZIONE

MILANO
Borsa: Milano chiude in rialzo (+1,1%)

Borsa: Milano chiude in rialzo (+1,1%)

 
NEW YORK
Wall Street apre in rialzo, Dj +0,36%

Wall Street apre in rialzo, Dj +0,36%

 
NEW YORK
Petrolio in calo a Ny a 55,2 dollari

Petrolio in calo a Ny a 55,2 dollari

 
MILANO
Aeroporti: record 35 mln Linate Malpensa

Aeroporti: record 35 mln Linate Malpensa

 
MILANO
Expo 2020 porterà a Italia 1,67 miliardi

Expo 2020 porterà a Italia 1,67 miliardi

 
TRIESTE
Fincantieri: intesa con Qatar per flotta

Fincantieri: intesa con Qatar per flotta

 
MILANO
Borsa: Europa brillante, Milano +1,3%

Borsa: Europa brillante, Milano +1,3%

 
DAVOS
Gentiloni: a Ilva fondi Ue per clima

Gentiloni: a Ilva fondi Ue per clima

 
MILANO
Borsa:Milano in rialzo (+1,1%), bene Cnh

Borsa:Milano in rialzo (+1,1%), bene Cnh

 
GENOVA
A.Mittal: operai Genova fischiano l'ad

A.Mittal: operai Genova fischiano l'ad

 
ROMA
Carta identità elettronica per l'Inps

Carta identità elettronica per l'Inps

 

Il Biancorosso

serie c
Bari, metamorfosi Simeri: ora segna e fa segnare

Bari, metamorfosi Simeri: ora segna e fa segnare

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariLa Terra vista dal Carnevale
Putignano, il Carnevale diventa green: il tema scelto per i carri è l'ambiente

Putignano, il Carnevale diventa green: il tema scelto per i carri è l'ambiente VD

 
LecceLa decisione
La senatrice Liliana Segre sarà cittadina onoraria di Lecce

La senatrice Liliana Segre sarà cittadina onoraria di Lecce

 
FoggiaL'incidente
Orta Nova, auto tampona mezzo pesante: un morto e un ferito

Orta Nova, auto tampona mezzo pesante: un morto e un ferito

 
TarantoIl siderurgico
Arcelor Mittal, ancora 7 giorni per il pre-accordo, ma resta il nodo esuberi

Arcelor Mittal, ancora 7 giorni per il pre-accordo, ma resta il nodo esuberi

 
PotenzaProduzione
Fca Melfi, da febbraio stop per 20 turni: ma si riprende con Jeep Compass

Fca Melfi, da febbraio stop per 20 turni: ma si riprende con Jeep Compass

 
MateraSolidarietà
«Matera cibus», raccolti 350 quintali di eccedenze alimentari

«Matera cibus», raccolti 350 quintali di eccedenze alimentari

 
BrindisiL'iniziativa
Sos influenza, parte domani da Brindisi il «Vitamina Day»

Sos influenza, parte domani da Brindisi il «Vitamina Day»

 
Batnel nordbarese
Andria, sorpresi mentre cannibalizzano un Suv rubato poco prima: arrestati in 2

Andria, sorpresi mentre cannibalizzano un Suv rubato poco prima: arrestati in 2

 

i più letti

Sei italiani su 10 ora risparmiano anche sul cibo

Allarmante indagine di Censis e Confcommercio sull'andamento dei consumi dopo gli ultimi due anni. Il 96,3% della popolazione teme per il futuro spinte inflazionistiche • Il confronto con Francia, Spagna, Inghilterra e Germania
Alberto Sordi (film Un americano a Roma) ROMA - Gli italiani restano pessimisti sul futuro: solo il 7,9% prevede un aumento della capacità di spesa e in cima alla lista ormai restano soprattutto gli acquisti necessari, dai medicinali alla scuola. Il carovita, dai prezzi di largo consumo alle tariffe, preoccupa oltre il 96% degli italiani e 6 su 10 hanno addirittura cambiato abitudini alimentari per risparmiare. E se la paura dell'inflazione è comune anche ad altri Pesi d'Europa, in Italia la «prudenza» dei consumatori sembra più accentuata che altrove. Ma non si rinuncia nel Belpaese a stare bene a cercare quel «vivere altrimenti», che spinge a comprare prodotti naturali e di qualità e a ricercare finanche piatti etnici. E' quanto emerge da una ricerca Censis-Confcommercio su «Scenari, simboli e luoghi del consumo: Italia, Francia, Spagna, Inghilterra e Germania a confronto», anticipata in parte oggi ma che sarà diffusa integralmente al Forum di Cernobbio il 18 marzo.

- PAURA PREZZI, CAMBIANO ABITUDINI ALIMENTARI. La quasi totalità degli italiani, il 96,3%, teme per il futuro spinte inflazionistiche. Non si placa dunque la preoccupazione per una crescita sostenuta dei prezzi, «paura comune nei diversi Paesi europei». Il carovita spinge al risparmio e «gli effetti di questo fenomeno assumono caratteri più dirompenti che altrove": in Italia - rileva l'indagine - «ben il 61,7% delle persone intervistate ha dichiarato di avere negli ultimi anni modificato le proprie spese alimentari al fine di risparmiare».
A preoccupare è l'aumento non solo dei prezzi ma anche il caro-tariffe, dalle utenze domestiche ai trasporti pubblici.

- SOL0 7,9% ITALIANI VEDE AUMENTO REDDITO CONTRO 50% FRANCESI. Gli italiani non vedono nel breve termine la possibilità di aumentare la loro capacità di spesa. Solo il 7,9% degli italiani prevede infatti un incremento dei propri redditi nel corso del 2005, a differenza del 50% dei francesi e del 51,8% dei tedeschi. In Italia prevale la «prudenza» (come rilevano gli analisti dell'inchiesta Censis-Confcommercio), e anche in altri Paesi europei, come Regno Unito e Spagna, che sembrano mostrare un più contenuta possibilità di crescita rispetto a Francia e Germania, comunque «le performances appaiono migliori di ciò che si riscontra in Italia».

- ITALIANI PREVEDONO PIU'SPESE, MA SOLO PER NECESSITA'. Il 37,2% degli italiani prevede di incrementare le proprie spese nel corso del 2005. Si tratta della percentuale più elevata in Europa dopo quella della Francia (44,8%), ma i maggiori esborsi previsti dagli italiani riguardano «le spese incomprimibili», come quelle per medicine o scuola. Il 30% degli intervistati in Italia prevede di incrementare nel 2005 le proprie spese per medicinali e cure mediche, «la percentuale più elevata» tra i Paesi europei coinvolti nell'indagine sui consumi. Elevata anche la percentuale di italiani che prevede di aumentare le spese per istruzione (25%). «Viceversa - evidenzia l'indagine - in Italia meno persone prevedono di incrementare le spese per il benessere personale, per il tempo libero e la cultura e per i viaggi, rispetto a ciò che si riscontra in Spagna, Germania, Francia e Inghilterra».

- MA NON SI RINUNCIA A VIVER BENE. Le difficoltà economiche non impediscono però agli italiani di coltivare «il desiderio di vivere altrimenti», di perseguire «stili di vita improntati al salutismo e all'idea del benessere». Si spiega così il fatto che il 43% degli intervistati acquista frutta da agricoltura biologica, il 41% compra prodotti eno-gastronomici tipici e di qualità, il 31% ricorre a prodotti cosmetici naturali. Non manca poi un 21% che ama e mangia cibi etnici.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie