Martedì 31 Marzo 2020 | 09:01

NEWS DALLA SEZIONE

ROMA
Spread Btp/Bund apre in rialzo a 199

Spread Btp/Bund apre in rialzo a 199

 
MILANO
Borse Asia incerte con Pmi Cina, ok Seul

Borse Asia incerte con Pmi Cina, ok Seul

 
ROMA
Cambi:euro apre in calo a 1,1017 dollari

Cambi:euro apre in calo a 1,1017 dollari

 
ROMA
Oro:prezzo in lieve calo a 1614 dollari

Oro:prezzo in lieve calo a 1614 dollari

 
ROMA
Petrolio: prova rimblazo a 21,2 dollari

Petrolio: prova rimblazo a 21,2 dollari

 
ROMA
Cura Italia: accordo per anticipo cig

Cura Italia: accordo per anticipo cig

 
MILANO
Essilux: lascia altro manager francese

Essilux: lascia altro manager francese

 
MILANO
Borsa: Milano tiene, male banche

Borsa: Milano tiene, male banche

 
MILANO
Borsa Europa chiude positiva, giù Madrid

Borsa Europa chiude positiva, giù Madrid

 
MILANO
Borsa Milano chiude in rialzo, +0,3%

Borsa Milano chiude in rialzo, +0,3%

 
ROMA
Banzato, solo Italia ferma nell'acciaio

Banzato, solo Italia ferma nell'acciaio

 

Il Biancorosso

Serie c
Bari calcio, il portiere Marfella «La quarantena tra allenamenti e play, state a casa»

Bari calcio, il portiere Marfella «La quarantena tra allenamenti e play, state a casa»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl virus
Covid 19, focolaio in casa di riposo «Nuova Fenice» di Noicattaro: 25 contagi

Covid 19, focolaio in casa di riposo «Nuova Fenice» di Noicattaro: 25 contagiati 

 
TarantoIl caso
Arcelor Mittal, Usb denuncia: «A Taranto alto rischio contagio, azienda sorda»

Arcelor Mittal, Usb denuncia: «A Taranto alto rischio contagio, azienda sorda»

 
BrindisiIl focolaio
Coronavirus, contagi record a Carovigno: 21 positivi e 6 morti. «Fate più tamponi»

Coronavirus, contagi record a Carovigno: 21 positivi e 6 morti. «Fate più tamponi». 25 contagi anche a Noicattaro

 
PotenzaLieto fine
Potenza, trovata anziana che si era allontana da casa di riposo

Potenza, trovata anziana che si era allontana da casa di riposo

 
Homeemergenza coronavirus
Soleto, focolaio contagio in casa di riposo: altri 2 anziani morti

Soleto, focolaio in casa di riposo: altri 2 anziani contagiati morti

 
Materaspeculazione
Emergenza Coronavirus, a Matera sindacati denunciano aumento prezzo beni di prima necessità

Emergenza Coronavirus, a Matera sindacati denunciano aumento prezzo beni di prima necessità

 
Foggiala decisione
Sequestro conti Tirrenia, stop collegamenti con le Tremiti

Sequestro conti Tirrenia, stop collegamenti con le Tremiti

 
Batemergenza coronavirus
Trani, Ordine avvocati: «Pieno sostegno al mondo della Sanità»

Trani, Ordine avvocati: «Pieno sostegno al mondo della Sanità»

 

i più letti

Sei italiani su 10 ora risparmiano anche sul cibo

Allarmante indagine di Censis e Confcommercio sull'andamento dei consumi dopo gli ultimi due anni. Il 96,3% della popolazione teme per il futuro spinte inflazionistiche • Il confronto con Francia, Spagna, Inghilterra e Germania
Alberto Sordi (film Un americano a Roma) ROMA - Gli italiani restano pessimisti sul futuro: solo il 7,9% prevede un aumento della capacità di spesa e in cima alla lista ormai restano soprattutto gli acquisti necessari, dai medicinali alla scuola. Il carovita, dai prezzi di largo consumo alle tariffe, preoccupa oltre il 96% degli italiani e 6 su 10 hanno addirittura cambiato abitudini alimentari per risparmiare. E se la paura dell'inflazione è comune anche ad altri Pesi d'Europa, in Italia la «prudenza» dei consumatori sembra più accentuata che altrove. Ma non si rinuncia nel Belpaese a stare bene a cercare quel «vivere altrimenti», che spinge a comprare prodotti naturali e di qualità e a ricercare finanche piatti etnici. E' quanto emerge da una ricerca Censis-Confcommercio su «Scenari, simboli e luoghi del consumo: Italia, Francia, Spagna, Inghilterra e Germania a confronto», anticipata in parte oggi ma che sarà diffusa integralmente al Forum di Cernobbio il 18 marzo.

- PAURA PREZZI, CAMBIANO ABITUDINI ALIMENTARI. La quasi totalità degli italiani, il 96,3%, teme per il futuro spinte inflazionistiche. Non si placa dunque la preoccupazione per una crescita sostenuta dei prezzi, «paura comune nei diversi Paesi europei». Il carovita spinge al risparmio e «gli effetti di questo fenomeno assumono caratteri più dirompenti che altrove": in Italia - rileva l'indagine - «ben il 61,7% delle persone intervistate ha dichiarato di avere negli ultimi anni modificato le proprie spese alimentari al fine di risparmiare».
A preoccupare è l'aumento non solo dei prezzi ma anche il caro-tariffe, dalle utenze domestiche ai trasporti pubblici.

- SOL0 7,9% ITALIANI VEDE AUMENTO REDDITO CONTRO 50% FRANCESI. Gli italiani non vedono nel breve termine la possibilità di aumentare la loro capacità di spesa. Solo il 7,9% degli italiani prevede infatti un incremento dei propri redditi nel corso del 2005, a differenza del 50% dei francesi e del 51,8% dei tedeschi. In Italia prevale la «prudenza» (come rilevano gli analisti dell'inchiesta Censis-Confcommercio), e anche in altri Paesi europei, come Regno Unito e Spagna, che sembrano mostrare un più contenuta possibilità di crescita rispetto a Francia e Germania, comunque «le performances appaiono migliori di ciò che si riscontra in Italia».

- ITALIANI PREVEDONO PIU'SPESE, MA SOLO PER NECESSITA'. Il 37,2% degli italiani prevede di incrementare le proprie spese nel corso del 2005. Si tratta della percentuale più elevata in Europa dopo quella della Francia (44,8%), ma i maggiori esborsi previsti dagli italiani riguardano «le spese incomprimibili», come quelle per medicine o scuola. Il 30% degli intervistati in Italia prevede di incrementare nel 2005 le proprie spese per medicinali e cure mediche, «la percentuale più elevata» tra i Paesi europei coinvolti nell'indagine sui consumi. Elevata anche la percentuale di italiani che prevede di aumentare le spese per istruzione (25%). «Viceversa - evidenzia l'indagine - in Italia meno persone prevedono di incrementare le spese per il benessere personale, per il tempo libero e la cultura e per i viaggi, rispetto a ciò che si riscontra in Spagna, Germania, Francia e Inghilterra».

- MA NON SI RINUNCIA A VIVER BENE. Le difficoltà economiche non impediscono però agli italiani di coltivare «il desiderio di vivere altrimenti», di perseguire «stili di vita improntati al salutismo e all'idea del benessere». Si spiega così il fatto che il 43% degli intervistati acquista frutta da agricoltura biologica, il 41% compra prodotti eno-gastronomici tipici e di qualità, il 31% ricorre a prodotti cosmetici naturali. Non manca poi un 21% che ama e mangia cibi etnici.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie