Domenica 16 Giugno 2019 | 22:30

NEWS DALLA SEZIONE

GENOVA
Malacalza,Carige senza piano industriale

Malacalza,Carige senza piano industriale

 
GENOVA
Toti e Bucci, premesse candidatura Expo

Toti e Bucci, premesse candidatura Expo

 
VENEZIA
Cgia, lunedì primo 'tax day' da 32,6 mld

Cgia, lunedì primo 'tax day' da 32,6 mld

 
NEW YORK
Petrolio: chiude in rialzo a Ny 52,5 dlr

Petrolio: chiude in rialzo a Ny 52,5 dlr

 
MILANO
Tim: prepara delisting da Borsa New York

Tim: prepara delisting da Borsa New York

 
NEW YORK
Oro ai massimi, fuga verso beni rifugio

Oro ai massimi, fuga verso beni rifugio

 
NEW YORK
Bayer: 5 mld per diserbante alternativo

Bayer: 5 mld per diserbante alternativo

 
LUSSEMBURGO
Ue:a Italia una settimana per nuovi dati

Ue:a Italia una settimana per nuovi dati

 
ROMA
Mit, stop caro-pedaggi A24/A25 fino 31/8

Mit, stop caro-pedaggi A24/A25 fino 31/8

 
MILANO
Borsa: Europa debole, Londra -0,3%

Borsa: Europa debole, Londra -0,3%

 
L'AQUILA
Pedaggi A24/A25, congelato maxiaumento

Pedaggi A24/A25, congelato maxiaumento

 

Il Biancorosso

CALCIO MERCATO
Il Monopoli sulle tracce di Barretoriparte dalla Puglia l'avventura ?

Il Monopoli sulle tracce di Barreto, riparte dalla Puglia l'avventura ?

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceL'incidente
Cavallino, ragazze travolte da auto pirata: una 22enne è in comaE a Putignano investiti 3 ciclisti

Cavallino, due ragazze in scooter travolte da auto pirata: 22enne in coma
E a Putignano investiti 3 ciclisti Vd

 
BariIncidente stradale
Putignano, tre ciclisti travolti sulla statale 172: uno è grave + VIDEO +

Putignano, tre ciclisti travolti sulla statale 172: uno è grave

 
TarantoL'annuncio
Taranto, pompiere morto in servizio: il distaccamento sarà a suo nome

Taranto, pompiere morto in servizio: il distaccamento sarà a suo nome

 
HomeSport
Vela, regata Brindisi-Corfù: il vento sposta traguardo a Merlera

Vela, regata Brindisi-Corfù: il vento sposta traguardo a Merlera

 
MateraL'annuncio dell'ANAS
Viabilità, arriva lo spartitraffico sulla Basentana

Viabilità, arriva lo spartitraffico sulla Basentana

 
PotenzaLa richiesta
S. Carlo di Potenza, l’ira degli esclusi al concorso per infermieri

S. Carlo di Potenza, l’ira degli esclusi al concorso per infermieri

 
FoggiaL'atto di accusa
Foggia, case a luci rosse: 50 euro al giorno d'affitto per prostituirsi

Foggia, case a luci rosse: 50 euro al giorno d'affitto per prostituirsi

 
BatTragedia sfiorata
Sedicenne cade a Trani dal muro della Villa sul mare: paura e fratture

Sedicenne cade a Trani dal muro della Villa sul mare: paura e fratture

 

i più letti

Al Sud un'economia «segmentata»

Secondo Eurispes l'economia del Mezzogiorno corre, talvolta più di quella dell'intero Paese, ma non in modo uniforme, e ancora non riesce a colmare il gap Nord-Sud
ROMA - L'economia del Mezzogiorno corre, talvolta più di quella dell'intero Paese, ma non in modo uniforme, e ancora non riesce a colmare il gap con il resto dell'Italia. E' quanto rivela l'Eurispes, sottolineando la necessità di «un progetto forte» per il rilancio del Sud, di «una politica che unisca», nella consapevolezza che ormai, con il moltiplicarsi delle aree di crisi, in Italia ci sono «tanti Sud e tanti Nord». Dopo un periodo con tassi di espansione più vivaci di quelli del Centro Nord, nel 2004 e 2005 le stime di crescita per il Mezzogiorno sono in linea con quelle nazionali (rispettivamente +1,3% e +2%), ma inferiori a quelle del Centro (+1,5% e +2,1%).
E la forbice resta aperta anche per i consumi, con un valore medio pro-capite al Sud pari al 68,3% della media del Centro Nord. Si riduce invece il divario in termini di Pil pro-capite, che si stima potrà attestarsi nel 2005 al 58,8% (dal 58,5% del 2003), a causa della variazione demografica, della convergenza nella produttività e dei trend dell'occupazione: nel Mezzogiorno, infatti, la popolazione è diminuita di 70.000 unità rispetto all'aumento di 960.000 abitanti dell'Italia; il gap di produttività si è ridotto di 2,4 punti a causa del calo del Centro Nord, e l'occupazione mostra una dinamica (+0,9%) superiore alla media nazionale.

Proprio riguardo al lavoro, l'Eurispes stima una ulteriore contrazione del tasso di disoccupazione al Sud, che dovrebbe scendere al 17,2% nel 2004 e al 16,8% nel 2005 (4,6% e 4,4% le previsioni per il Centro-Nord).
Cè però da segnalare una forte differenziazione regionale, con l'Abruzzo che va ad una velocità convergente con il resto del Paese (5,6%) mentre Campania, Calabria e Sicilia superano il 20%.

Dove il Mezzogiorno mostra una netta rimonta è invece l'export, passato dall'8,7% del 92 al 10,7% del 2003. Per il biennio 2004 e 2005, inoltre, è prevista un'ulteriore ripresa con tassi di crescita stimati al 3,7% e al 6,6%, i più alti a livello nazionale.
Il Sud batte il Nord anche per le presenze turistiche (+1% contro un -1,6% del Centro Nord), che gli consente di raggiungere il 20,7% del totale nazionale, dato peraltro - sottolinea l'Eurispes - ancora insufficiente rispetto al potenziale di attrattive territoriali del Mezzogiorno, e che in qualche misura risente della differenza di ricettività tra le due ripartizioni: infatti, soltanto il 17,2% degli alberghi nazionali e il 5,8% delle strutture complementari è localizzato al Sud.

Nel Mezzogiorno, poi, e nonostante la stagnazione economica, cresce anche il terziario, soprattutto per la vivacità del comparto commerciale, che denota però una crescente polverizzazione e una crescita lenta della grande distribuzione. Resta invece aperta la sfida dell'internazionalizzazione: se infatti al Centro-Nord l'incidenza degli investimenti esteri diretti sul pil è inferiore a quasi tutti i Paesi della Ue (12,8% nel 2002), nel Meridione, scrive l'Eurispes, «le difficoltà si amplificano», e il peso delle partecipazioni estere detenute da imprese locali nel 2003 era pari al 3,6% del totale nazionale. Anche la capacità di attrarre investimenti produttivi risulta di gran lunga inferiore al resto del Paese, così che nel Sud è localizzato solo il 4,7% delle partecipate estere in Italia, a conferma di una marginalizzazione economica del Sud, dove si aprono stabilimenti per usufruire di eventuali benefici legislativi o fiscali, mantenendo però la sede legale nel Centro Nord.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE