Sabato 16 Gennaio 2021 | 07:27

NEWS DALLA SEZIONE

MILANO
Intesa Sanpaolo studia il valore dell'arte in Italia

Intesa Sanpaolo studia il valore dell'arte in Italia

 
GENOVA

Carige: supporta lo sviluppo di Circuito Cinema Genova

 
ROMA

Covid:a Paderno Dugnano un hub tamponi in area ArcelorMittal

 

Il Biancorosso

l'evento
Bari calcio, 113 anni del club. Il presidente: «Dedico il compleanno a tutti i nostri tifosi

Bari calcio, 113 anni del club. Il presidente: «Dedico il compleanno ai nostri tifosi»

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIl processo
Taranto, bimbo morto di tumore: indagati 9 dirigenti ex Ilva

Taranto, bimbo morto di tumore: indagati 9 dirigenti ex Ilva

 
Potenzala «trovata»
Potenza, protesta ristoratori tra bicchieri di prosecco, musica e ironia

Potenza, protesta ristoratori tra bicchieri di prosecco, musica e ironia

 
Barila scorsa notte
Valenzano, ignoti rubano olio prodotto da terre confiscate alla mafia

Valenzano, ignoti rubano olio prodotto da terre confiscate alla mafia

 
Batemergenza Covid
Barletta, attivati 23 posti di terapia intensiva. Lopalco: «Pronti a possibile terza ondata»

Barletta, attivati 23 posti di terapia intensiva. Lopalco: «Pronti a possibile terza ondata»

 
Bari
Tra Bari e Matera accordo di collaborazione su cultura, turismo e ambiente

Tra Bari e Matera accordo di collaborazione su cultura, turismo e ambiente

 
LecceNel Leccese
Otranto, scatola con 20kg di petardi trovata in bidone immondizia

Otranto, scatola con 20kg di petardi trovata in bidone immondizia

 
BrindisiIl caso
Brindisi, muore a 19 anni al Perrino: 2 medici indagati

Brindisi, muore a 19 anni al Perrino: 2 medici indagati

 

i più letti

Sempre più vacanzieri, ma «mordi e fuggi»

Nel 2004, è aumentato il numero dei viaggi (+4% rispetto al 2003) ma è diminuito il numero dei pernottamenti fuori casa (-2%)• Cinque regioni italiane drenano il 46% dei flussi: in testa l'Emilia Romagna. Sud preferito per il mare • Italiani amanti dell'agriturismo • La Puglia alla Bit con 5 itinerari a tema
ROMA - Vacanze sempre più mordi e fuggi per gli italiani. Nel 2004, è aumentato il numero dei viaggi (+4% rispetto al 2003) ma è diminuito il numero dei pernottamenti fuori casa (-2%). Allo stesso tempo, le strutture ricettive del Paese, sempre l'anno scorso, hanno registrato una lieve crescita degli arrivi (+0,3% rispetto al 2003) ma un calo delle presenze (-2,2%), sia per la clientela italiana (-2,5%) sia per quella straniera (-1,7%). E' la fotografia scattata dall'Istat, che ha presentato le stime preliminari dei principali aggregati relativi all'offerta e alla domanda di turismo in Italia nel 2004. Nell'83,8% dei casi si è trattato di spostamenti sul territorio nazionale, all'interno dei quali hanno prevalso i soggiorni trascorsi in alloggi privati (53,9%). Sul totale dei viaggi, l'84,6% è stato per vacanza, il 15,4% per lavoro.

PIU' VIAGGI MA SEMPRE MENO NOTTI FUORI CASA. In generale, l'incremento del numero di viaggi nel 2004, spiega l'Istat, ha riguardato sia le vacanze (+3,9% rispetto al 2003), soprattutto se brevi (+5,7% rispetto al 2003), sia i viaggi di lavoro (+4,2% sul 2003) ed ha interessato sia quelli all'estero (+9,3%) sia quelli in Italia (+3%). Per i viaggi in Italia, in particolare, si è registrata una crescita dei viaggi trascorsi al sud (+9,9%), determinata dall'aumento delle vacanze (+10,3%), anche in questo caso soprattutto di quelle brevi (+29,5%). Aumentati lievemente anche i viaggi al nord (+2,9%), mentre sono diminuiti quelli al centro (-4,5%). All'aumento del numero dei viaggi è però corrisposto un andamento sfavorevole per i pernottamenti. In particolare, mentre è aumentato il numero di pernottamenti per le vacanze brevi (+5,1% rispetto al 2003 con un aumento del 15,1% nel secondo semestre), le notti trascorse fuori casa per vacanze lunghe sono risultate pressoché stabili (-0,9% rispetto al 2003); alta anche la riduzione del numero di pernottamenti per i viaggi di lavoro (-18,2% sul 2003), più per quelli all'estero (in media, da 8,2 notti nel 2003 a 5,7 notti) che per quelli in Italia (in media, da 3,7 notti nel 2003 a 3 notti).

PRESENZE IN CALO SOPRATTUTTO AL CENTRO ITALIA. Anche per quanto riguarda le presenze, il calo maggiore si è registrato al centro Italia. In particolare, a livello territoriale, le regioni del nord-ovest hanno registrato un calo del 5,5% per gli italiani ed un incremento dello 0,1% per gli stranieri; nel nord-est c'è invece stata una diminuzione degli italiani dell'1,6% ed una variazione nulla per gli stranieri; nel centro sono diminuite sia le presenze di italiani (-2,3%), sia quelle degli stranieri (-7,5%); infine, nel mezzogiorno si è osservato un calo delle presenze di italiani (-2,2%), contrapposto a una crescita di quelle degli stranieri (+0,9%). Sempre per le presenze, il calo è stato registrato nelle strutture di tutto il Paese (dal totale di -4,6% del centro al -0,9 del nord-est).

RITORNANO AMERICANI, MA FLESSIONE PER EUROPEI E GIAPPONESI. Per quanto riguarda le presenze degli stranieri registrate in Italia nel 2004, se da un lato si osserva un forte aumento dei cittadini statunitensi (+12,1%, dopo il calo del 3,3% registrato nel 2003), per i giapponesi invece si rileva una nuova flessione (-1% rispetto al -8,8% nel 2003). Variazioni negative anche per i flussi provenienti dai principali paesi europei: i cali più marcati hanno riguardato i turisti provenienti dai Paesi Bassi (-6,6%) e dalla Germania (-4,6%), mentre le diminuzioni più contenute si sono registrate per le presenze dei cittadini della Francia (-3,8%) e dell'Austria (-3,7%). Negli alberghi, il calo delle presenze è stato più ampio per gli italiani (-1,9%) che per la clientela straniera (-0,7%).

MARE IN TESTA, 41% VIAGGI TRA LUGLIO E SETTEMBRE. Anche nel 2004, sia gli italiani sia gli stranieri hanno scelto in prevalenza le località al mare o al lago (rispettivamente il 41,4% e il 37,8% delle presenze). Seguono le località montane, collinari e termali per gli italiani (21%), le città d'arte e i capoluoghi per gli stranieri (32%). Allo stesso modo, tra luglio e settembre si è registrata la maggior quota di viaggi (41,2%), di cui il 92,2% per vacanza. In generale, tra le partenze all' insegna di riposo e svago, nel 2004, il 47,1% è stato trascorso al mare; il 6,2% tra agriturismo e laghi; l'8,7% in visita alle città, anche d'arte; il 14,3% ha scelto giri turistici. A viaggiare di più è la fascia d'età 25-44 anni: in estate sono stati il 53,1%. Sempre nel trimestre luglio-settembre, è andato in vacanza soprattutto chi vive al nord (55,5%), seguito da chi vive al centro (45,3%) e, ultimi, gli abitanti del sud (32,3%).

SEMPRE PIU' OSPITI DI PARENTI E AMICI. E' aumentata nel 2004 la propensione degli italiani a fruire dell'ospitalità di amici e parenti (pari al 30,4% dei viaggi rispetto al 29,4% del 2003) mentre si è registrata una lieve flessione nell'affittare case (dall'8,2% del 2003 al 7,5%). L'albergo è stato scelto nel 41% dei casi.

52,2% ITALIANI PARTE ALL'AVVENTURA. Nel 2004, solo il 14% dei viaggi è stato organizzato tramite un'agenzia di viaggio; nel 32,7% dei casi la prenotazione è stata invece diretta; ma oltre la metà degli italiani (52,2%) è partito senza prenotare.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie