Sabato 19 Gennaio 2019 | 13:45

NEWS DALLA SEZIONE

VENEZIA
Pil: Cgia, poca crescita,rischio manovra

Pil: Cgia, poca crescita,rischio manovra

 
MILANO
Luxottica: addio alla Borsa di Milano

Luxottica: addio alla Borsa di Milano

 
ROMA
Spread Btp-Bund chiude in calo a 247

Spread Btp-Bund chiude in calo a 247

 
WASHINGTON
Wall Street apre in rialzo, Dj +0,71%

Wall Street apre in rialzo, Dj +0,71%

 
NEW YORK
Petrolio: in rialzo a Ny a 52,63 dollari

Petrolio: in rialzo a Ny a 52,63 dollari

 
ROMA
Bankitalia taglia Pil 2019 da 1% a 0,6%

Bankitalia taglia Pil 2019 da 1% a 0,6%

 
BOLZANO
Energia,turbina hi tech tutta d'un pezzo

Energia,turbina hi tech tutta d'un pezzo

 
MILANO
Nautica, Ferretti acquisisce Wally

Nautica, Ferretti acquisisce Wally

 
MILANO
Borsa: Europa in rialzo guarda a Cina

Borsa: Europa in rialzo guarda a Cina

 
ROMA
Visco, debito ostacola misure crescita

Visco, debito ostacola misure crescita

 
ROMA
Tria, stabilità moneta troppo rigorosa

Tria, stabilità moneta troppo rigorosa

 

Alitalia - Sciopero sui voli: niente servizi

Gli assistenti di volo protestano per sollecitare l'apertura del dialogo con l'azienda per dibattere la piattaforma sindacale per il rinnovo contrattuale
FIUMICINO (ROMA) - E' scattato come da programma dalla mezzanotte di oggi lo sciopero alternativo di 24 ore sui servizi di bordo degli assistenti di volo Alitalia, proclamato dalle organizzazioni sindacali di rappresentanza degli assistenti di volo, Filt-Cgil, Fit-Cisl e Ugl.
Al centro della protesta di hostess e steward, alcuni dei quali non stanno garantendo il servizio di bordo sui voli nazionali, fatta eccezione per l'acqua, c'è la trattativa sul rinnovo contrattuale. «Con questa forma di sciopero, alla quale ne seguiranno altre di 24 ore ad oltranza che interesseranno tutti i voli della compagnia - scrivono in una congiunta nota i sindacati Filt-Cgil, Fit-Cisl e Ugl - si intende dimostrare ad Alitalia, alle istituzioni e al Paese, che si può manifestare la propria rabbia e il proprio dissenso verso i comportamenti dell'azienda, in modo nuovo e paradossalmente più dirompente per l'impatto politico-sindacale e mediatico, che un'azione di questo tipo può avere, pur garantendo il diritto costituzionale alla mobilità delle persone».
Nell'aeroporto di Fiumicino l'agitazione non sta comunque creando particolari disagi ai passeggeri e in ogni caso solo su alcuni voli nazionali della compagnia in arrivo nello scalo romano il servizio a bordo non è stato erogato regolarmente. Come il caso del volo AZ 2021 proveniente da Milano Linate. «Le hostess poco dopo il decollo da Milano ci hanno avvisato che non avrebbero distribuito nulla, spiegandoci poi le motivazioni di questa forma di protesta - ha raccontato una passeggera in procinto di entrare in un taxi fuori dall'aerostazione degli arrivi nazionali a Fiumicino -. Devo ammettere che fino a quando non sono salita a bordo non sapevo nulla. E comunque ritengo che sia giusto che scioperino; hanno i loro validi motivi - aggiunge la passeggera - siamo in un paese democratico e ognuno ha il diritto di dire la sua purché lo si faccia in maniera civile». Diversa l'opinione di un altro viaggiatore appena sbarcato dallo stesso aereo. «E' anche colpa di tutti questi scioperi se questo paese sta andando alla deriva - commenta l'uomo, mentre si dirige verso l'uscita del terminal trascinando il proprio trolley - a bordo avevo una tosse persistente e se non avessi chiamato più volte un assistente, per poco non mi davano nemmeno un bicchiere d'acqua. Siamo proprio arrivati al limite, non so a cosa giovano queste agitazioni senza senso».
Assicurate regolarmente, invece, bevande e snack su molti altri voli giunti a Fiumicino come l'AZ 2029 proveniente da Milano Linate, l'AZ 1578 da Cagliari e l'AZ 1027 da Milano Malpensa.
Clima di rabbia e preoccupazione, invece, tra hostess e steward che stamani, dinanzi al varco equipaggi dello scalo romano, distribuivano volantini e mostravano cartelli di protesta esortando i colleghi ad aderire in massa allo sciopero alternativo sui servizi di bordo. «La situazione ormai è in una fase di stallo - spiega Ermenegildo Rossi, segretario Cisl comparto volo - Non credo si sia mai verificato che un'azienda pubblica abbia compiuto così tante violazioni contrattuali, motivo per il quale dalla scorsa settimana stiamo inviando decine di denunce circostanziali al ministero e all'ispettorato del Lavoro. Si tratta di ripetute violazioni delle norme contrattuali: qui i colleghi stanno effettuando turni di lavoro massacranti; in 12, 13 giorni effettuano 90, 95 ore di servizio, per giunta con gli equipaggi ridotti. Può capitare - prosegue il sindacalista - che alla fine di un turno un assistente abbia effettuato 4-5 tratte e lavorato in media con 500, 600 persone in un solo giorno. Sapete cosa significa? L'azienda però continua a mostrarsi sorda e da settembre non riusciamo a dialogare. Arrivati a questo punto non sappiamo a cosa potrà portare questo muro contro muro - conclude l'esponente della Cisl -. Certo è che il clima tra il personale è davvero di esasperazione. Così non andremo avanti ancora per molto».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400