Martedì 31 Marzo 2020 | 08:08

NEWS DALLA SEZIONE

ROMA
Cambi:euro apre in calo a 1,1017 dollari

Cambi:euro apre in calo a 1,1017 dollari

 
ROMA
Oro:prezzo in lieve calo a 1614 dollari

Oro:prezzo in lieve calo a 1614 dollari

 
ROMA
Petrolio: prova rimblazo a 21,2 dollari

Petrolio: prova rimblazo a 21,2 dollari

 
ROMA
Cura Italia: accordo per anticipo cig

Cura Italia: accordo per anticipo cig

 
MILANO
Essilux: lascia altro manager francese

Essilux: lascia altro manager francese

 
MILANO
Borsa: Milano tiene, male banche

Borsa: Milano tiene, male banche

 
MILANO
Borsa Europa chiude positiva, giù Madrid

Borsa Europa chiude positiva, giù Madrid

 
MILANO
Borsa Milano chiude in rialzo, +0,3%

Borsa Milano chiude in rialzo, +0,3%

 
ROMA
Banzato, solo Italia ferma nell'acciaio

Banzato, solo Italia ferma nell'acciaio

 
MILANO
Borse Europa deboli, giù Milano e Madrid

Borse Europa deboli, giù Milano e Madrid

 
MILANO
Borsa: Europa peggiora, Milano -1,5%

Borsa: Europa peggiora, Milano -1,5%

 

Il Biancorosso

Serie c
Bari calcio, il portiere Marfella «La quarantena tra allenamenti e play, state a casa»

Bari calcio, il portiere Marfella «La quarantena tra allenamenti e play, state a casa»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl virus
Covid 19, focolaio in casa di riposo «Nuova Fenice» di Noicattaro: 25 contagi

Covid 19, focolaio in casa di riposo «Nuova Fenice» di Noicattaro: 25 contagiati 

 
TarantoIl caso
Arcelor Mittal, Usb denuncia: «A Taranto alto rischio contagio, azienda sorda»

Arcelor Mittal, Usb denuncia: «A Taranto alto rischio contagio, azienda sorda»

 
BrindisiIl focolaio
Coronavirus, contagi record a Carovigno: 21 positivi e 6 morti. «Fate più tamponi»

Coronavirus, contagi record a Carovigno: 21 positivi e 6 morti. «Fate più tamponi». 25 contagi anche a Noicattaro

 
PotenzaLieto fine
Potenza, trovata anziana che si era allontana da casa di riposo

Potenza, trovata anziana che si era allontana da casa di riposo

 
Homeemergenza coronavirus
Soleto, focolaio contagio in casa di riposo: altri 2 anziani morti

Soleto, focolaio in casa di riposo: altri 2 anziani contagiati morti

 
Materaspeculazione
Emergenza Coronavirus, a Matera sindacati denunciano aumento prezzo beni di prima necessità

Emergenza Coronavirus, a Matera sindacati denunciano aumento prezzo beni di prima necessità

 
Foggiala decisione
Sequestro conti Tirrenia, stop collegamenti con le Tremiti

Sequestro conti Tirrenia, stop collegamenti con le Tremiti

 
Batemergenza coronavirus
Trani, Ordine avvocati: «Pieno sostegno al mondo della Sanità»

Trani, Ordine avvocati: «Pieno sostegno al mondo della Sanità»

 

i più letti

«Straniero un frutto su quattro»

Basilico e salvia dal Marocco, clementine e ciliegie dall'Argentina, meloni dal Brasile finiscono col confondersi con le produzioni italiane. Cia: in declino l'Italia agricola
ROMA - Frutta e verdura "parlano", sempre più spesso, straniero. Sugli scaffali «un prodotto su quattro proviene dall'estero» e spesso, come nel caso dei pompelmi (uno su diecì è irregolare), non rispettano i limiti di legge. Ad evidenziarlo è la Coldiretti sulla base del "Programma nazionale 2004 di controllo ufficiale sui residui di prodotti fitosanitari" e in riferimento all'attività di controllo dell'Ispettorato Repressioni Frodi. Basilico e salvia dal Marocco, clementine e ciliegie dall' Argentina, meloni dal Brasile finiscono col confondersi, sempre più spesso, con le produzioni made in Italy anche perchè «una volta su dieci i prodotti esposti non risultano in regola con le norme sull'etichettatura». Un pericolo che può essere superato - spiega la Coldiretti - dal «primato sanitario» di cui gode la frutta italiana: è infatti «più sicura di quella importata come dimostrano i dati del Ministero della Sanità secondo il quale oltre il 98% è privo di pesticidi o presenta residui entro i limiti di legge». Secondo l'organizzazione agricola, quindi, «la maggiore presenza di prodotti alimentari made in Italy sugli scaffali dei supermercati è un contributo alla salute e alla ripresa economica del Paese e bisogna evitare il rischio che la grande distribuzione estera, presente in Italia, abbia rapporti commerciali privilegiati con fornitori stranieri a danno delle produzioni locali. Per questo - conclude - servono più controlli» e anche «l'ampliamento o l'apertura di nuovi supermercati» che forniscano «spazi adeguati alla commercializzazione di frutta e verdura locale».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie