Lunedì 20 Gennaio 2020 | 06:30

NEWS DALLA SEZIONE

MILANO
Aston Martin: cinesi pronti a smarcarsi

Aston Martin: cinesi pronti a smarcarsi

 
ROMA
Rischio tassa su ombra balconi

Rischio tassa su ombra balconi

 
ROMA
60mila imprese bio certificate,52% a Sud

60mila imprese bio certificate,52% a Sud

 
VENEZIA
Lavoro: Cgia, crollate ore di 2,3 mld

Lavoro: Cgia, crollate ore di 2,3 mld

 
NEW YORK
Petrolio: chiude poco mosso a Ny

Petrolio: chiude poco mosso a Ny

 
MILANO
Borsa: nuovo massimo per Piazza Affari

Borsa: nuovo massimo per Piazza Affari

 
MILANO
Borsa: Europa chiude bene, Parigi +1%

Borsa: Europa chiude bene, Parigi +1%

 
MILANO
Borsa: Milano chiude in rialzo (+0,84%)

Borsa: Milano chiude in rialzo (+0,84%)

 
MILANO
Borsa:Europa sale nel finale,Milano+0,7%

Borsa:Europa sale nel finale,Milano+0,7%

 
BARI
Pop.Bari:crediti inesigibili come sicuri

Pop.Bari:crediti inesigibili come sicuri

 
ROMA
Maggino, strategia per governo Benessere

Maggino, strategia per governo Benessere

 

Il Biancorosso

Serie C
Goleada del Bari contro il fanalino di coda Rieti: il videocommento

Goleada del Bari contro il fanalino di coda Rieti: il videocommento

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl 22 gennaio
Bari, al via il convegno «Il senso delle parole» con FNSI e Martella

Bari, al via il convegno «Il senso delle parole» con FNSI e Martella

 
FoggiaL'operazione dei cc
Cerignola, beccati 4 giovanissimi ladri di moto: arrestati

Cerignola, beccati 4 giovanissimi ladri di moto: arrestati

 
TarantoIl caso
Capitale della Cultura italiana 2021: prove di sintesi fra Taranto e Grecìa Salentina

Capitale della Cultura italiana 2021: prove di sintesi fra Taranto e Grecìa Salentina

 
BrindisiNel Brindisino
Fasano, ubriaco alla guida di un camion a zig-zag sulla statale: denunciato

Fasano, ubriaco alla guida di un camion a zig-zag sulla statale: denunciato

 
Materaarte
Matera, boom dei musei: presenze salgono del 28,98%

Matera, boom dei musei: presenze salgono del 28,98%

 
Leccenel Salento
S.M. al Bagno, il campanile cade a pezzi: è allarme

S.M. al Bagno, il campanile cade a pezzi: è allarme

 
Batl'ultimo saluto
Barletta saluta il dottor Dimiccoli: fu anche ex sindaco

Barletta saluta il dottor Dimiccoli: fu anche ex sindaco

 

i più letti

«Si vuotano le casse di Regioni ed enti locali»

Le previsioni dell'Istituto di Studi e Analisi economica parlano di un 2004 che si chiuderà con un peggioramento «non trascurabile» dei bilanci delle amministrazioni
ROMA - Allarme per i conti di Regioni ed enti locali. A lanciarlo è l'Isae, le cui previsioni parlano di un 2004 che si chiuderà con un peggioramento «non trascurabile» dei bilanci delle amministrazioni, con un forte aumento dell'indebitamento netto. Indebitamento che rischia di aggravarsi nel 2005 in seguito alle misure contenute nella Finanziaria approvata oggi invia definitiva dal Parlamento. All'origine di tale «deterioramento» della finanza locale vi sono principalmente due fattori: una forte flessione del gettito fiscale locale (Irpef, Irap e Ici) rispetto agli anni scorsi, e gli ulteriori tagli dei trasferimenti statali agli enti locali.
- PEGGIORA INDEBITAMENTO. Tutt'altro che rosee, dunque, le previsioni Isae per le amministrazioni locali che nei prossimi mesi vedranno accentuarsi lo squilibrio dei propri conti. «Per l'anno in corso - scrivono gli esperti dell'istituto - è da attendersi un peggioramento della posizione debitoria della finanza locale», dopo il lieve miglioramento registrato nel 2003 e nella prima metà del 2004. Ma in linea con l'andamento dell'ultimo triennio, che ha fatto registrare «un significativo deterioramento» del rapporto tra indebitamento netto delle amministrazioni locali e Pil, dopo il «robusto miglioramento» del 2000 in cui fu quasi raggiunto il pareggio.
- BRUSCA FRENATA GETTITO FISCALE. A mettere in crisi i conti di Regioni, Comuni, Province ed enti sanitari - spiega l'Isae - sono soprattutto le previsioni di una frenata del gettito fiscale locale, aggravata dalla «reiterazione del blocco delle aliquote Irap e delle addizionali Irpef», e dalla «programmata restrizione dei trasferimenti statalì.
Dunque, se il prelievo fiscale locale negli ultimi anni è stato caratterizzato da «ritmi significativi di sviluppo», garantendo l'equilibrio dei bilanci di enti e amministrazioni, nel corso del 2004 si registra «una decisa frenata dei ritmi di crescita"; e l'anno potrebbe chiudersi, per la prima volta dopo tanto tempo, con un calo della pressione fiscale. In particolare, il gettito di addizionale Irpef, Irap e Ici è aumentato nei primi otto mesi dell'anno solo dello 0,47%, «ben al di sotto» del tasso di sviluppo del Pil (+3,9%). A preoccupare di più è la flessione dell'Irap (complessivamente -1,01%), soprattutto quella a carico dei privati (-4,77%).
- IRAP E IRPEF PESANO SU 2005. Previsioni nere anche sul fronte del fabbisogno aggiuntivo degli enti locali e del debito delle amministrazioni locali. Il primo ha superato nei primi nove mesi del 2004 i 4 miliardi di euro; il secondo nello stesso periodo è cresciuto di quasi 4,5 miliardi.
Le conclusioni sono presto fatte. «Gli effetti negativi sugli equilibri di bilancio delle amministrazioni locali - spiegano gli esperti Isae - rischiano di emergere in modo evidente nel 2005». In particolare, un «rilevante impatto negativo per la capacità di autofinanziamento degli enti territoriali» sarebbe quello generato dal venir meno «dell'effetto compensativo» garantito ancora per il 2004 dal gettito Irap e dalle addizionali Irpef.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie