Sabato 23 Febbraio 2019 | 19:52

NEWS DALLA SEZIONE

UDINE
Bono,riconferma? Scelgono azionista e io

Bono,riconferma? Scelgono azionista e io

 
BARI
Di Maio incontra Gilet arancioni il 26/3

Di Maio incontra Gilet arancioni il 26/3

 
MILANO
Luxottica lancia lo 'smart shopper'

Luxottica lancia lo 'smart shopper'

 
PECHINO
Dazi, Cina estende negoziati con Usa

Dazi, Cina estende negoziati con Usa

 
ROMA
Spread chiude in rialzo a 275 punti base

Spread chiude in rialzo a 275 punti base

 
VERONA
Rixi ad Alis, importante sbloccare opere

Rixi ad Alis, importante sbloccare opere

 
MILANO
Borsa: Milano chiude a +0,26%

Borsa: Milano chiude a +0,26%

 
NEW YORK
Borsa: Wall Street apre in rialzo

Borsa: Wall Street apre in rialzo

 
NEW YORK
Petrolio: in rialzo a New York

Petrolio: in rialzo a New York

 
MILANO
Trussardi: QuattroR, a breve nuovo A.d.

Trussardi: QuattroR, a breve nuovo A.d.

 
BRUXELLES
Via libera Ue 25 mln aiuti per Aerdorica

Via libera Ue 25 mln aiuti per Aerdorica

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariL'episodio
Black out durante la prima della Madama Butterfly a Bari, il cast rimane in scena senza luce

Black out durante la prima della Madama Butterfly a Bari, il cast rimane in scena senza luce

 
FoggiaPrimarie
Foggia, il centrodestra si misura per scegliere il candidato sindaco

Foggia, il centrodestra si misura per scegliere il candidato sindaco

 
PotenzaVoto il 24 marzo
Basilicata al voto, in corsa 5 aspiranti Governatori: centrosinistra a rischio

Basilicata al voto, in corsa 5 aspiranti Governatori: centrosinistra a rischio

 
BrindisiSan Pietro Vernotico
Scontro frontale nel Brindisino: muoiono 3 persone

Scontro frontale nel Brindisino:
muoiono 3 persone

 
LecceNel Salento
Perde il controllo dell'auto sulla Taviano-Matino: muore una 28enne

Perde il controllo dell'auto sulla Taviano-Matino: muore una 27enne

 
MateraA Tokyo
Matera 2019, il debutto in Giappone: «Investire sulla cultura»

Matera 2019, il debutto in Giappone: «Investire sulla cultura»

 
BatDavanti alla stazione
Barletta, rumeni ubriachi aggrediscono agenti: uno va in carcere

Barletta, rumeni ubriachi aggrediscono agenti: uno va in carcere

 

Natale di austerity: meno qualità sulla tavola

Secondo rilevazioni della Confederazione italiana agricoltori gli italiani ridurranno i consumi di molti prodotti ortofrutticoli e di quelli tipici e tradizionali (in particolare Dop e Igp). Berranno anche di meno e brinderanno con molta più parsimonia
ROMA - Meno frutta, verdure, prodotti tipici, vino e spumanti. Il Natale 2004 e le altre feste di fine anno saranno, per l'alimentazione, all' insegna dell'austerity e di consumi ridotti. A rilevarlo è la Confederazione italiana agricoltori (Cia) la quale, attraverso un' analisi condotta sull' intero territorio nazionale, mette in risalto una tendenza che ormai si è andata consolidando negli ultimi mesi e che con il prossimo periodo festivo sembra accentuarsi. Insomma, secondo la Cia, gli italiani, rispetto allo scorso anno, nelle festività natalizie tireranno la cinghia e, visti i prezzi che si registrano al dettaglio, ridurranno i consumi di molti prodotti ortofrutticoli e di quelli tipici e tradizionali (in particolare Dop e Igp). Berranno anche di meno e brinderanno con molta più parsimonia.
Nel dettaglio, per frutta e verdura, nei giorni che vanno da Natale all' Epifania si spenderanno poco più di 1,3 miliardi euro, il 15% in meno nei confronti dell' analogo periodo del 2003. Per i prodotti tipici la spesa (-12%) si aggirerà attorno a 1,8 miliardi (di cui 700 milioni per Dop ed Igp), mentre per vini e spumanti il giro d' affari si attesterà su 1,1 miliardi, con una flessione del 10%. Secondo le elaborazioni e le proiezioni della Cia, i prodotti frutticoli che registreranno i maggiori cali nei consumi sono l'uva da tavola (-20%), le arance (-10%), le clementine (-5%) e le pere (-6%). Un andamento riflessivo dovrebbe aversi anche per la frutta secca (noci, nocciole, mandorle, pistacchi), tipica delle feste di fine anno, che diminuirà di circa l' 8%.

Anche per i prodotti orticoli la musica non è certo buona. La Cia prevede una flessione del 10% negli acquisti di cavolfiori, dell' 8% per le zucchine, del 15% per la lattuga, del 10% per il radicchio. Stesso discorso per i prodotti tradizionali. Secondo la Cia, si avranno diminuzioni del 7% per gli insaccati e i prosciutti e del 10% per i formaggi. Ma anche per gli oli firmati la situazione non è migliore. Si annuncia un calo nei consumi del 5%. Analogamente, le tradizionali lenticchie troveranno meno spazio nei cenoni di fine anno (-8%). Sul fronte dei vini e degli spumanti, la diminuzione dei consumi sarà meno accentuata. Durante tutto l'arco delle feste verranno stappate 75 milioni di bottiglie di spumante (-5%) e si berranno nei pranzi e nelle cene oltre 155 milioni di bottiglie di vino. Complessivamente 230 milioni di bottiglie contro 255 milioni del 2003.
Due, per la Cia, sono i motivi di questa contrazione nei consumi di prodotti agroalimentari: il primo è relativo alle minori disponibilità economiche degli italiani, mentre il secondo è addebitabile al forte incremento dei prezzi al dettaglio, in particolare di quelli ortofrutticoli, che si sta ormai registrando da molti mesi a volte cinquecento, seicento, settecento volte maggiori di quelli che vengono pagati all' origine al produttore agricolo.

«Da qui - sostiene la Cia - l'esigenza di una maggiore trasparenza dei prezzi in tutta la filiera agroalimentare, dal campo alla tavola, trasparenza che la proposta della Confederazione per il doppio prezzo (origine e dettaglio) da apporre sui cartellini di vendita al consumo può certamente dare». E in tale ottica si inserisce la petizione popolare, la cui raccolta di firme si sta già svolgendo in tutta Italia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400