Domenica 23 Settembre 2018 | 00:17

Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

Natale di austerity: meno qualità sulla tavola

Secondo rilevazioni della Confederazione italiana agricoltori gli italiani ridurranno i consumi di molti prodotti ortofrutticoli e di quelli tipici e tradizionali (in particolare Dop e Igp). Berranno anche di meno e brinderanno con molta più parsimonia
ROMA - Meno frutta, verdure, prodotti tipici, vino e spumanti. Il Natale 2004 e le altre feste di fine anno saranno, per l'alimentazione, all' insegna dell'austerity e di consumi ridotti. A rilevarlo è la Confederazione italiana agricoltori (Cia) la quale, attraverso un' analisi condotta sull' intero territorio nazionale, mette in risalto una tendenza che ormai si è andata consolidando negli ultimi mesi e che con il prossimo periodo festivo sembra accentuarsi. Insomma, secondo la Cia, gli italiani, rispetto allo scorso anno, nelle festività natalizie tireranno la cinghia e, visti i prezzi che si registrano al dettaglio, ridurranno i consumi di molti prodotti ortofrutticoli e di quelli tipici e tradizionali (in particolare Dop e Igp). Berranno anche di meno e brinderanno con molta più parsimonia.
Nel dettaglio, per frutta e verdura, nei giorni che vanno da Natale all' Epifania si spenderanno poco più di 1,3 miliardi euro, il 15% in meno nei confronti dell' analogo periodo del 2003. Per i prodotti tipici la spesa (-12%) si aggirerà attorno a 1,8 miliardi (di cui 700 milioni per Dop ed Igp), mentre per vini e spumanti il giro d' affari si attesterà su 1,1 miliardi, con una flessione del 10%. Secondo le elaborazioni e le proiezioni della Cia, i prodotti frutticoli che registreranno i maggiori cali nei consumi sono l'uva da tavola (-20%), le arance (-10%), le clementine (-5%) e le pere (-6%). Un andamento riflessivo dovrebbe aversi anche per la frutta secca (noci, nocciole, mandorle, pistacchi), tipica delle feste di fine anno, che diminuirà di circa l' 8%.

Anche per i prodotti orticoli la musica non è certo buona. La Cia prevede una flessione del 10% negli acquisti di cavolfiori, dell' 8% per le zucchine, del 15% per la lattuga, del 10% per il radicchio. Stesso discorso per i prodotti tradizionali. Secondo la Cia, si avranno diminuzioni del 7% per gli insaccati e i prosciutti e del 10% per i formaggi. Ma anche per gli oli firmati la situazione non è migliore. Si annuncia un calo nei consumi del 5%. Analogamente, le tradizionali lenticchie troveranno meno spazio nei cenoni di fine anno (-8%). Sul fronte dei vini e degli spumanti, la diminuzione dei consumi sarà meno accentuata. Durante tutto l'arco delle feste verranno stappate 75 milioni di bottiglie di spumante (-5%) e si berranno nei pranzi e nelle cene oltre 155 milioni di bottiglie di vino. Complessivamente 230 milioni di bottiglie contro 255 milioni del 2003.
Due, per la Cia, sono i motivi di questa contrazione nei consumi di prodotti agroalimentari: il primo è relativo alle minori disponibilità economiche degli italiani, mentre il secondo è addebitabile al forte incremento dei prezzi al dettaglio, in particolare di quelli ortofrutticoli, che si sta ormai registrando da molti mesi a volte cinquecento, seicento, settecento volte maggiori di quelli che vengono pagati all' origine al produttore agricolo.

«Da qui - sostiene la Cia - l'esigenza di una maggiore trasparenza dei prezzi in tutta la filiera agroalimentare, dal campo alla tavola, trasparenza che la proposta della Confederazione per il doppio prezzo (origine e dettaglio) da apporre sui cartellini di vendita al consumo può certamente dare». E in tale ottica si inserisce la petizione popolare, la cui raccolta di firme si sta già svolgendo in tutta Italia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Sky: da Comcast offerta più alta

Sky: da Comcast offerta più alta

 
Autostrade, modulo auto caso unico

Autostrade, modulo auto caso unico

 
Tria, fiducia a dirigenti e tecnici Mef

Tria, fiducia a dirigenti e tecnici Mef

 
Lavoro: sindacati, allarme fine cigs

Lavoro: sindacati, allarme fine cigs

 
Pensioni: ipotesi, 36-37 anni contributi

Pensioni: ipotesi, 36-37 anni contributi

 
Salone, boom visitatori al terzo giorno

Salone, boom visitatori al terzo giorno

 
Fisco: 7,5 mld da 4 rate rottamazione

Fisco: 7,5 mld da 4 rate rottamazione

 
Rottamazione, rate entro primo ottobre

Rottamazione, rate entro primo ottobre

 

GDM.TV

Corteo anrtisalvini a Bari, i momenti di tensione con la Polizia

Corteo antisalvini a Bari, i momenti di tensione con la Polizia

 
Acquaviva, rapinatore di marketincastrato dalla ruggine dell'auto

Acquaviva, rapinatore di market incastrato dalla ruggine dell'auto

 
Razzismo, mazze e cinghie in scontri corteo: ferita eurodeputata

Razzismo, mazze e cinghie in scontri a corteo: ferita eurodeputata

 
Tuffi dalla scogliera, la finale a Polignano: lo spot è virale

Tuffi dalla scogliera, la finale a Polignano: lo spot è virale VD

 
Bari, arsenale d'armi sepolto nel terreno :sequestrate 6 pistole e 100 munizioni

Bari, scoperto arsenale sepolto in un terreno sulla statale 100 VIDEO

 
Palagiustizia, l'affondo di Bonafede«Falsità le accuse contro di me»

Palagiustizia, l'affondo di Bonafede
«Falsità le accuse contro di me»

 
Gli studenti del Poliba creano la PC5 2018 EVO: ecco la monoposto da corsa

Bari, la nuova monoposto da corsa
creata dagli studenti del Politecnico

 
I campioni di tuffi si sfidano a Polignano: in arrivo la Red Bull Cliff Diving

I campioni di tuffi si sfidano a Polignano: ecco la Red Bull Cliff Diving

 

PHOTONEWS