Martedì 22 Gennaio 2019 | 06:51

NEWS DALLA SEZIONE

PECHINO
Borsa Shanghai poco mossa, apre a -0,03%

Borsa Shanghai poco mossa, apre a -0,03%

 
TOKYO
Borsa Tokyo,apertura poco variata +0,19%

Borsa Tokyo,apertura poco variata +0,19%

 
ROMA
Tria, sbagliato dire manovra correttiva

Tria, sbagliato dire manovra correttiva

 
MILANO
Borsa Milano fiacca con Europa, male Tim

Borsa Milano fiacca con Europa, male Tim

 
MILANO
Esselunga,vendite 2018 a 7,9 mld (+2,1%)

Esselunga,vendite 2018 a 7,9 mld (+2,1%)

 
MILANO
Borsa Europa chiude debole, tiene Londra

Borsa Europa chiude debole, tiene Londra

 
ROMA
Spread Btp chiude in rialzo a 250 punti

Spread Btp chiude in rialzo a 250 punti

 
MILANO
Tim cede ancora in Borsa, -2,6% finale

Tim cede ancora in Borsa, -2,6% finale

 
MILANO
Borsa Milano chiude in calo, -0,35%

Borsa Milano chiude in calo, -0,35%

 
DAVOS
Fmi, taglia a 0,6% crescita Italia 2019

Fmi, taglia a 0,6% crescita Italia 2019

 
BOLZANO
Morto Armin Loacker, il re dei wafer

Morto Armin Loacker, il re dei wafer

 

Euro, raggiunta quota 1,3168 dollari

Continua la scalata della moneta Ue in un contesto caratterizzato dal deprezzamento del biglietto verde anche sullo yen. Il mercato dei cambi non vede prospettive di recupero della valuta statunitense
Euro - Nuovo record a 1,3130 dollariROMA - Supereuro continua a correre e a questo punto è diretto ormai verso quota 1,32 dollari, in un contesto caratterizzato dal deprezzamento del biglietto verde anche sullo yen, in quanto oggi il rapporto di cambio fra le due valute è sceso sotto quota 103.
Insomma, almeno per ora gli operatori continuano a vendere dollari, un processo innescato dalle dichiarazioni fatte la scorsa settimana dal presidente della Fed, Alan Greenspan, che ha espresso dubbi circa la continuità degli investimenti effettuati da investitori esteri su asset denominati appunto in dollaro. Ieri si sono aggiunte le indicazioni venute dalla banca centrale russa, secondo cui l'istituto potrebbe accrescere la quota di riserve denominate in euro, ed a questo punto supereuro ha ripreso a volare.
Il tutto in un contesto caratterizzato dalla volontà - peraltro mai apertamente dichiarata - da parte delle autorità statunitensi di affidarsi proprio al minidollaro per riequilibrare il vistoso deficit delle partite correnti. Fino ad oggi, la mossa non ha funzionato, però se il dollaro dovesse continuare a perdere terreno qualche risultato in termini di riduzione del deficit si dovrebbe inevitabilmente conseguire. A scapito, peraltro, delle economie degli altri Paesi e delle altre aree maggiormente industrializzate, come l' Europa od il Giappone.
In questa situazione, la Bce finora ha detto a più riprese di non voler intervenire e del resto un semplice intervento sul mercato dei cambi probabilmente non sortirebbe effetti duraturi. Vero è che il mercato dei cambi continua a penalizzare il dollaro, perchè non vede prospettive, almeno per ora, di recupero della valuta statunitense. Oltre a questo, c'è attesa per alcuni dati congiunturali previsti per oggi dagli Stati Uniti, come l'andamento degli ordini di beni durevoli, le richieste di sussidio di disoccupazione, l'indice di fiducia dei consumatori, le compravendite di case. Gli operatori cercano di vedere se l'economia statunitense continua a filare con il vento in poppa oppure si segnalano battute d'arresto.
L'euro è oggi arrivato al nuovo massimo di giornata - ed ennesimo record storico - di 1,3168 dollari. Il cambio dollaro/yen ha segnato invece un minimo di seduta a 102,92.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400