Mercoledì 23 Gennaio 2019 | 12:30

NEWS DALLA SEZIONE

ROMA
Istat, retribuzioni sotto media eurozona

Istat, retribuzioni sotto media eurozona

 
TOKYO
Nissan:Ghosn verso dimissioni da Renault

Nissan:Ghosn verso dimissioni da Renault

 
BARI
Cgil:verso Landini segretario,Colla vice

Cgil:verso Landini segretario,Colla vice

 
ROMA
Cambi: euro stabile a 1,1370 sul dollaro

Cambi: euro stabile a 1,1370 sul dollaro

 
ROMA
Oro: stabile a 1.283,7 dollari l'oncia

Oro: stabile a 1.283,7 dollari l'oncia

 
ROMA
Petrolio: in lieve rialzo a 53,24 dlr

Petrolio: in lieve rialzo a 53,24 dlr

 
ROMA
Spread Btp apre in lieve rialzo a 252

Spread Btp apre in lieve rialzo a 252

 
TOKYO
Nissan: Ghosn verso dimissioni Renault

Nissan: Ghosn verso dimissioni Renault

 
PECHINO
Borsa Shanghai poco mossa, apre a -0,08%

Borsa Shanghai poco mossa, apre a -0,08%

 
WASHINGTON
Usa denuncia Oracle, discrimina donne

Usa denuncia Oracle, discrimina donne

 
TOKYO
Borsa: Tokyo, apertura in calo (-0,82%)

Borsa: Tokyo, apertura in calo (-0,82%)

 

«Choc alla Barilla, arrivano i tagli»

Chiuderà lo stabilimento di Matera e il mulino di Termoli, sarà spostato il centro ricerche di Foggia, con molte delle funzioni accentrate a Parma • A Matera se ne va un pezzo di storia • Cgil-cisl-uil, inaccettabile chiusura Barilla di Matera. Sciopero di 8 ore il 30 novembre
PARMA - La Barilla ha annunciato un piano di riorganizzazione delle attività produttive nel settore pasta che prevede investimenti per 162 milioni nel periodo 2004-2007 e la chiusura dello stabilimento di Matera (dal 2006), del mulino di Termoli e il trasferimento del centro ricerche da Foggia a Parma. Questo a fronte del potenziamento degli stabilimenti di Foggia e Caserta e la costruzione di un nuovo mulino a Parma. Il piano, presentato oggi ai sindacati, interessa 229 dipendenti che, secondo la società, possono essere in parte ricollocate presso altri siti produttivi, mentre per circa 100 persone si apre la via del prepensionamento. Con il potenziamento previsto dal piano di riorganizzazione, lo stabilimento di Foggia è destinato a diventare, insieme a quello di Parma, il più grande pastificio al mondo, con una capacità produttiva di 243 mila tonnellate. «La riorganizzazione - ha spiegato Nicola Ghelfi, Dg Pasta Meal Barilla - si è resa necessaria per il difficile contesto economico attuale e atteso per i prossimi anni in Italia e in Europa, che si riflette, in generale, in un calo della propensione al consumo delle famiglie, con una particolare evidenza nel mercato della pasta. Dobbiamo investire in stabilimenti più grandi e moderni integrati con l'approvvigionamento delle materie prime e con la filiera logistica a valle. Per competere in Europa è necessario avviare un rilevante piano di investimenti e di riorganizzazione che rafforzi le strutture produttive e di ricerca e sviluppo in Italia». Il piano, che vedrà il suo completamento nell'arco di tre anni, è il risultato di un'approfondita analisi delle caratteristiche strutturali e logistiche di ogni sito produttivo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400