Martedì 22 Gennaio 2019 | 12:02

NEWS DALLA SEZIONE

ROMA
Gds: realizzerà display metro Dubai

Gds: realizzerà display metro Dubai

 
ROMA
Germania: indice fiducia Zew sale a -15

Germania: indice fiducia Zew sale a -15

 
MILANO
Spread Btp apre in rialzo a 251,6 punti

Spread Btp apre in rialzo a 251,6 punti

 
MILANO
Petrolio: in ulteriore calo a 53,42 dlr

Petrolio: in ulteriore calo a 53,42 dlr

 
PECHINO
Borsa Shanghai poco mossa, apre a -0,03%

Borsa Shanghai poco mossa, apre a -0,03%

 
TOKYO
Borsa Tokyo,apertura poco variata +0,19%

Borsa Tokyo,apertura poco variata +0,19%

 
ROMA
Tria, sbagliato dire manovra correttiva

Tria, sbagliato dire manovra correttiva

 
MILANO
Borsa Milano fiacca con Europa, male Tim

Borsa Milano fiacca con Europa, male Tim

 
MILANO
Esselunga,vendite 2018 a 7,9 mld (+2,1%)

Esselunga,vendite 2018 a 7,9 mld (+2,1%)

 
MILANO
Borsa Europa chiude debole, tiene Londra

Borsa Europa chiude debole, tiene Londra

 
ROMA
Spread Btp chiude in rialzo a 250 punti

Spread Btp chiude in rialzo a 250 punti

 

Finanziaria - Confindustria «Perplessa» sul tetto

Secondo gli industriali il limite stabilito dal governo «equivale al mantenimento dei livelli in termini reali, quando invece la gravità della situazione e le esigenze di sostegno dello sviluppo avrebbero richiesto un taglio della spesa in termini reali». Pesa lo sfondamento delle spese farmaceutiche
ROMA - Il tetto di crescita della spesa al 2% per i ministeri, deciso in Finanziaria, «suscita perplessità» in Confindustria. Secondo gli industriali, ascoltati in Commissione congiunte Bilancio di Camera e Senato, il limite stabilito dal governo «equivale al mantenimento dei livelli in termini reali, quando invece la gravità della situazione e le esigenze di sostegno dello sviluppo avrebbero richiesto un taglio della spesa in termini reali, ad esempio prevedendo una crescita zero in termini nominali».
Analogamente, «suscitano perplessità le eccezioni che si sono volute introdurre alla regola del 2%». «Aver escluso dal tetto la spesa pensionistica e le altre prestazioni sociali, particolarmente la sanità - ha fatto presente il direttore generale, Maurizio Beretta - non tiene conto del fatto che è ben possibile introdurre anche in questi comparti razionalizzazioni e risparmi».

«La correzione dei conti contenuta nella finanziaria del 2005 non sembra essere incentrata allo sviluppo» alla quale Confindustria pone «forte accentuazione» e «un giudizio complessivo e compiuto sulla manovra 2005» potrà venire solo nel momento in cui si conosceranno «gli attesi provvedimenti sulla competitività»: «sarebbe controproducente l'approvazione dell'uno senza l'altro».
E' quanto ha affermato il direttore generale di Confindustria Maurizio Beretta durante l'audizione sulla Finanziaria davanti alle commissioni Bilancio di Camera e Senato. Beretta ha posto l'accento sulla necessità di «riforme incisive». Senza riforme «che assicurino efficacia all'intervento pubblico nella direzione dello sviluppo e che siano in grado di promuovere il rilancio della crescita potenziale - è il richiamo - ogni operazione di risanamento finirebbe per essere effimera e di corto respiro».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400