Mercoledì 23 Gennaio 2019 | 03:43

NEWS DALLA SEZIONE

PECHINO
Borsa Shanghai poco mossa, apre a -0,08%

Borsa Shanghai poco mossa, apre a -0,08%

 
WASHINGTON
Usa denuncia Oracle, discrimina donne

Usa denuncia Oracle, discrimina donne

 
TOKYO
Borsa: Tokyo, apertura in calo (-0,82%)

Borsa: Tokyo, apertura in calo (-0,82%)

 
NEW YORK
Petrolio: chiude in calo a 52,79 dollari

Petrolio: chiude in calo a 52,79 dollari

 
ROMA
Spread chiude stabile a 250 punti

Spread chiude stabile a 250 punti

 
MILANO
Borsa: Milano chiude a -1,03%

Borsa: Milano chiude a -1,03%

 
ROMA
Petrolio: ancora giù, Wti sotto 52 dlr

Petrolio: ancora giù, Wti sotto 52 dlr

 
MILANO
Cimbri esclude fusione Mps-Bper-Unipol

Cimbri esclude fusione Mps-Bper-Unipol

 
MILANO
Messina, in Italia Npl sotto controllo

Messina, in Italia Npl sotto controllo

 
MILANO
Lidl: punta su Italia 350 milioni

Lidl: punta su Italia 350 milioni

 
ROMA
Sciopero benzinai il 6 febbraio

Sciopero benzinai il 6 febbraio

 

E il prezzo del petrolio continua a salire

Negli scambi elettronici al New York Mercantile Exchange il greggio è arrivato a 53,50 dollari al barile. Mentre al London International Petroleum Exchange il Brent ha raggiunto quota 50,22 dollari al barile • Robert Mundell, Nobel per l'economia: «l'impennata del petrolio non durerà»
ROMA - Sale ancora il prezzo del petrolio, dopo i record messi a segno in mattinata. Negli scambi elettronici al New York Mercantile Exchange il greggio è arrivato a 53,50 dollari al barile. Mentre al London International Petroleum Exchange il Brent ha raggiunto quota 50,22 dollari al barile.
Sempre le stesse le cause dei rialzi. I timori per la scarsità di approvvigionamenti dal Golfo del Messico dopo i danni provocati dall'uragano Ivan e lo sciopero in Nigeria, a cui si aggiungono le preoccupazioni per la situazione in Norvegia, dove un'agitazione partita a luglio scorso ha provocato un taglio alla produzione di 100mila barili al giorno.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400