Venerdì 18 Gennaio 2019 | 16:22

NEWS DALLA SEZIONE

WASHINGTON
Wall Street apre in rialzo, Dj +0,71%

Wall Street apre in rialzo, Dj +0,71%

 
NEW YORK
Petrolio: in rialzo a Ny a 52,63 dollari

Petrolio: in rialzo a Ny a 52,63 dollari

 
ROMA
Bankitalia taglia Pil 2019 da 1% a 0,6%

Bankitalia taglia Pil 2019 da 1% a 0,6%

 
BOLZANO
Energia,turbina hi tech tutta d'un pezzo

Energia,turbina hi tech tutta d'un pezzo

 
MILANO
Nautica, Ferretti acquisisce Wally

Nautica, Ferretti acquisisce Wally

 
MILANO
Borsa: Europa in rialzo guarda a Cina

Borsa: Europa in rialzo guarda a Cina

 
ROMA
Visco, debito ostacola misure crescita

Visco, debito ostacola misure crescita

 
ROMA
Tria, stabilità moneta troppo rigorosa

Tria, stabilità moneta troppo rigorosa

 
MILANO
Borsa: Milano riduce rialzo, giù Tim

Borsa: Milano riduce rialzo, giù Tim

 
MILANO
Borsa: Europa procede in stabile rialzo

Borsa: Europa procede in stabile rialzo

 
ROMA

Spread Btp Bund a 246, minimo settembre

 

Automobile, ma quanto mi costi!

Ogni anno gli italiani spendono quasi 2.700 euro per mantenere e far camminare la propria auto. Carburanti e assicurazioni rappresentano le maggiori voci di uscita
Automobile, ma quanto mi costi!
ROMA - Ogni anno gli italiani spendono quasi 2.700 euro per far camminare la propria auto. Senza considerare il costo di acquisto e gli interventi di manutenzione straordinaria che fanno salire, in media, la spesa per ogni vettura a circa 4 mila euro l'anno. E se ogni mese l'uscita da mettere in conto ammonta ad oltre 210 euro (330 considerando anche l'acquisto), a fare la parte del leone nelle uscite degli automobilisti resta sempre il costo del carburante: quasi 900 euro l'anno bruciano infatti in benzina e gasolio, circa il doppio cioè di quanto pagato, in media, per assicurare la vettura (463 euro).
La fotografia del caro-automobile italiano emerge dai dati del «Conto nazionale delle infrastrutture e dei trasporti» che stima - i dati sono riferiti al 2002 - una spesa per le auto private di quasi 90 miliardi di euro l'anno (89,448 per l'esattezza) a fronte di un parco circolante di 33,7 milioni vetture.
E se carburanti e assicurazioni rappresentano le maggiori voci di uscita, sostanziose appaiono anche le cifre relative alla manutenzione ordinaria (432 euro l'anno, senza considerare lubrificanti e pneumatici) e gli interessi per il capitale investito che ammontano a 414 euro l'anno.
Gli italiani pagano invece di più per l'autorimessa (162 euro la media annua) rispetto alle cifre necessarie per le tasse automobilistiche (110) e le cifre destinate al cambio di olio e lubrificanti vari (la spesa supera di poco i 30 euro) e quelle destinate al cambio e la manutenzione delle gomme (89 euro) nonché ai pedaggi autostradali per i quali, in media, la cifra annua da mettere in conto è di 86 euro.
Se poi si considera anche la spesa per l'acquisto delle nuove vetture e la spesa per la manutenzione straordinaria, la spesa totale annua degli automobilisti italiani schizza a 133,342 miliardi di euro: quasi 4 mila euro cioè ad auto circolante. Di questa 89,448 miliardi di euro è appunto destinata alla gestione corrente dell'auto, mentre 43,794 euro riguardano l'acquisto di nuove auto: 35,795 per quelle nuove di pacca uscite dalla fabbrica, altri 7,999 miliardi invece per il mercato dell'usato. E, ancora: 7,253 miliardi di euro sono invece destinati alla manutenzione straordinaria.
Le stime elaborate dall'Ufficio di Statistica del Ministero delle Infrastrutture, mostrano così che a livello percentuale il 32,85% della spesa annua di conduzione di una vettura sfuma in carburanti, seguita dall'Rc auto (17,17%), dalla manutenzione e riparazione ordinaria (16,30%), dagli interessi sul capitale investito (15,60%) seguiti a distanza dal 'ricoverò (6,11%), dalle tasse automobilistiche (4,18%), dai pneumatici (3,38%), dai pedaggi (3,23%) e dai lubrificanti (1,18%).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400