Sabato 19 Gennaio 2019 | 13:58

NEWS DALLA SEZIONE

VENEZIA
Pil: Cgia, poca crescita,rischio manovra

Pil: Cgia, poca crescita,rischio manovra

 
MILANO
Luxottica: addio alla Borsa di Milano

Luxottica: addio alla Borsa di Milano

 
ROMA
Spread Btp-Bund chiude in calo a 247

Spread Btp-Bund chiude in calo a 247

 
WASHINGTON
Wall Street apre in rialzo, Dj +0,71%

Wall Street apre in rialzo, Dj +0,71%

 
NEW YORK
Petrolio: in rialzo a Ny a 52,63 dollari

Petrolio: in rialzo a Ny a 52,63 dollari

 
ROMA
Bankitalia taglia Pil 2019 da 1% a 0,6%

Bankitalia taglia Pil 2019 da 1% a 0,6%

 
BOLZANO
Energia,turbina hi tech tutta d'un pezzo

Energia,turbina hi tech tutta d'un pezzo

 
MILANO
Nautica, Ferretti acquisisce Wally

Nautica, Ferretti acquisisce Wally

 
MILANO
Borsa: Europa in rialzo guarda a Cina

Borsa: Europa in rialzo guarda a Cina

 
ROMA
Visco, debito ostacola misure crescita

Visco, debito ostacola misure crescita

 
ROMA
Tria, stabilità moneta troppo rigorosa

Tria, stabilità moneta troppo rigorosa

 

Nuova impennata per l'«oro nero»

Le quotazioni del petrolio hanno ripreso a correre su entrambe le sponde dell'Atlantico; colpo di grazia arrivato con i sabotaggi in Iraq. A New York nuovo massimo storico di 44,49 dollari
ROMA - E' stata solo una schiarita passeggera il debole calo del prezzo del petrolio registrato ieri sera. La doccia fredda arrivata dalla Yukos, che non potrà usare i propri conti correnti per finanziare l'attività corrente, ha infatti di nuovo infiammato i mercati. Le quotazioni hanno così ripreso a correre senza tregua su entrambe le sponde dell'Atlantico, facendo segnare nuovi record e lasciando ipotizzare a qualcuno, per la fine dell'anno quando la domanda crescerà ancora con l'avvio dei riscaldamenti nelle case, l'arrivo a quota 50 dollari. Uno scenario che equivarrebbe a un terremoto per la debole ripresa economica avviata in Europa e che induce la Commissione Ue a lavorare per un approccio comune sulla questione della sicurezza dei rifornimenti energetici.
Le quotazioni, sulle quali oggi hanno inciso anche i nuovi sabotaggi in Iraq, sono salite oggi a New York fino al nuovo massimo storico di 44,49 dollari, per poi ripiegare leggermente in chiusura a 44,40, mentre a Londra il Brent ha addirittura superato per la prima volta quota 41 dollari, arrivando a 41,30. La giornata, tuttavia, era cominciata sotto auspici migliori di quelli di ieri, con il petrolio americano sotto i 43 dollari e quello europeo in crescita, ma sotto i massimi di ieri.
Le notizie arrivate da Mosca, poi, hanno gelato i mercati. Il governo russo, infatti, ha revocato il permesso per l'utilizzo dei conti correnti bancari per l'attività corrente del colosso petrolifero: si trattava di un attestato illegale, hanno spiegato, e pertanto tutte le risorse finanziarie della società verranno sequestrate dagli ufficiali giudiziari e trasferite nelle casse dello Stato per il pagamento delle tasse arretrate. Un vero e proprio fulmine a ciel sereno per i mercati, che appena ieri avevano respirato dopo l'annuncio di quello che si è rivelato un 'falso' permesso, che lasciava pensare a una regolare esportazione di greggio dalla Russia. Il colpo di grazia, è arrivato quindi con i nuovi sabotaggi in Iraq, una eventualità che i mercati temono praticamente ogni giorno. Oggi è stato di nuovo attaccato l'oleodotto tra Kirkuk e il porto turco di Ceyhan, già preso di mira martedì scorso. I prezzi, così, hanno ripreso a correre e non sono mancate le previsioni ancora più nere per l'immediato futuro. Il petrolio, infatti, potrebbe arrivare anche a 50 dollari al barile a fine anno, spinto dalla domanda per il riscaldamento nei mesi invernali. Negli ultimi due-tre mesi dell'anno, infatti, la domanda sale in tutto il mondo perchè le raffinerie aumentano la produzione di gasolio e degli altri combustibili usati per riscaldare le abitazioni nell'emisfero nord. «E' improbabile che i rifornimenti possano tenere il passo con l'innalzamento della domanda nell'ultimo trimestre dell'anno e, se non ci saranno scorte a sufficienza, sarà l'aumento dei prezzi a contenere la richiesta», dice Kevin Norrish, analista di Barclays Capital. Ma prima dell'autunno c'è un altro appuntamento che preoccupa fortemente i mercati. E' il referendum revocatorio del mandato del presidente del Venezuela Hugo Chavez, in programma per il giorno di Ferragosto. La crisi politica che potrebbe venirsi a determinare, infatti, avrebbe conseguenze imprevedibili anche sull'attività della compagnia petrolifera nazionale, aggiungendo incertezze a un settore già fortemente sotto pressione.
Tutti scenari, questi, che mettono i brividi alle autorità europee, alle prese con una crescita economica che impallidisce di fronte a quelle di Cina e Stati Uniti. Per questo la Commissaria Ue all'Energia e ai Trasporti, Loyola De Palacio, ha sollecitato un «approccio comune europeo sulla questione della sicurezza dei rifornimenti energetici». Per questo, a giudizio di De Palacio, sarà necessario ritornare sulle proposte avanzate dalla Commissione nel 2002 sul rafforzamento del sistema europeo di stoccaggio di sicurezza e sulle misure di crisi, per dare all'Unione i mezzi per «reagire coerentemente e in modo credibile nel caso di una crisi dei rifornimenti».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400