Giovedì 17 Gennaio 2019 | 01:07

NEWS DALLA SEZIONE

TREVISO
Stefanel: azienda vuole 244 esuberi

Stefanel: azienda vuole 244 esuberi

 
ROMA
Spread chiude in forte calo a 253

Spread chiude in forte calo a 253

 
ROMA
Boeri,non rendere dipendenti istituzioni

Boeri,non rendere dipendenti istituzioni

 
ROMA
Spread in forte calo in zona 250

Spread in forte calo in zona 250

 
NEW YORK
Borsa: Wall Street apre positiva

Borsa: Wall Street apre positiva

 
NEW YORK
Petrolio: in calo a Ny a 51,59 dollari

Petrolio: in calo a Ny a 51,59 dollari

 
ROMA
Più segnali su finanziamento terrorismo

Più segnali su finanziamento terrorismo

 
TORINO
Auto: 2018 Europa stabile,dicembre -8,7%

Auto: 2018 Europa stabile,dicembre -8,7%

 
MILANO
Borsa: Milano apre in rialzo (+0,46%)

Borsa: Milano apre in rialzo (+0,46%)

 
ROMA
Cambi: euro stabile a 1,14 dollari

Cambi: euro stabile a 1,14 dollari

 
ROMA
Spread Btp-Bund apre in calo a 262 punti

Spread Btp-Bund apre in calo a 262 punti

 

Istat - Disoccupazione si attesta all'8,8%. Nel Mezzogiorno è al 16,4%

Stime transitorie dell'Istat relative al periodo 29 marzo-4 aprile 2004. • L'Assindustria di Bari fa una mappa del calzaturiero, un settore in crisi
ROMA - Il tasso di disoccupazione si è attestato all'8,8% per l'insieme del territorio nazionale nel secondo trimestre dell'anno. A livello territoriale, l'incidenza delle persone in cerca di occupazione sulle forze di lavoro è risultata pari al 4,6% e al 7% rispettivamente nel Nord e nel Centro. Nel Mezzogiorno il tasso di disoccupazione è stato pari al 16,4% (13% per cento per la componente maschile e 22,6% per quella femminile). Lo rende noto l'Istat precisando che si tratta di stime transitorie, relative al periodo 29 marzo-4 aprile 2004, basate sulla nuova rilevazione "continua" sulle forze di lavoro che ha preso avvio dal gennaio 2004 in luogo della tradizionale rilevazione campionaria trimestrale sulle forze di lavoro. I cambiamenti degli aspetti definitori e del processo produttivo, intervenuti nel passaggio dalla rilevazione trimestrale alla rilevazione continua, sottolinea l'Istat, rendono metodologicamente non confrontabili le stime presentate oggi con quelle diffuse in passato.
Il tasso di attività della popolazione in età compresa tra 15 e 64 anni è risultato pari al 61,7 per cento a sintesi di una partecipazione al mercato del lavoro più elevata per la componente maschile rispetto a quella femminile in tutte le ripartizioni. Nella classe di età tra 15 e 64 anni, il tasso di occupazione è risultato pari al 56,3 per cento. L'incidenza dell'occupazione maschile (15-64 anni) sulla popolazione della stessa età si è posizionata al 68,8 per cento; quella della componente femminile al 43,8 per cento. Il tasso di occupazione è risultato pari al 64,1 per cento nel Nord; al 58,9 per cento nel Centro e al 45,0 per cento nel Mezzogiorno.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400