Lunedì 21 Gennaio 2019 | 19:50

NEWS DALLA SEZIONE

MILANO
Borsa Milano fiacca con Europa, male Tim

Borsa Milano fiacca con Europa, male Tim

 
MILANO
Esselunga,vendite 2018 a 7,9 mld (+2,1%)

Esselunga,vendite 2018 a 7,9 mld (+2,1%)

 
MILANO
Borsa Europa chiude debole, tiene Londra

Borsa Europa chiude debole, tiene Londra

 
ROMA
Spread Btp chiude in rialzo a 250 punti

Spread Btp chiude in rialzo a 250 punti

 
MILANO
Tim cede ancora in Borsa, -2,6% finale

Tim cede ancora in Borsa, -2,6% finale

 
MILANO
Borsa Milano chiude in calo, -0,35%

Borsa Milano chiude in calo, -0,35%

 
DAVOS
Fmi, taglia a 0,6% crescita Italia 2019

Fmi, taglia a 0,6% crescita Italia 2019

 
BOLZANO
Morto Armin Loacker, il re dei wafer

Morto Armin Loacker, il re dei wafer

 
MILANO
Tim: Elliott vuole cessione quota rete

Tim: Elliott vuole cessione quota rete

 
ROMA
Trasporti:oggi sciopero Tpl di 4 ore

Trasporti:oggi sciopero Tpl di 4 ore

 
MILANO
Borsa: Milano apre in calo (-0,52%)

Borsa: Milano apre in calo (-0,52%)

 

Istat - Volano i prezzi a Bari

Tra le città campione il capoluogo pugliese è quello che registra il rincaro mensile più alto (+0,4%). Balzo inflazionistico generale a giugno (+2,5%) • Rincaro bollette: energia sempre più costosa
ROMA - Balzo dell'inflazione a giugno. Secondo i primi dati provenienti dalle città campione i prezzi al consumo in Italia dovrebbero registrare un aumento dello 0,2-0,3% su base mensile pari a un aumento annuo tendenziale del 2,5% contro il 2,3% di maggio. Si tratta dell'aumento più consistente dal dicembre 2003 quando era appunto al 2,5%.
E tra le città più care è Bari con +0,4% mentre a Roma e Trieste l'incremento è stato appena dello 0,1%. Su base annua, è Torino a conquistare il primo posto con +3%, seguita da Napoli (+2,8%). Sotto il 2% si collocano soltanto Bologna (1,6%), Ancona (1,7%), Venezia (1,8%) e Firenze (1,9%).

L'inflazione torna così ai livelli di dicembre dell'anno scorso, dopo aver inanellato un ribasso (a gennaio, dal 2,5% al 2,2%), un leggero aumento (a febbraio, dal 2,2% al 2,3%) e tre risultati stazionari. Il tasso annuo, tuttavia, non è un 2,5% pieno, ma un 2,4% dai decimali molto alti. Pertanto non è improbabile che una volta effettuati gli arrotondamenti, l'Istat, che diffonderà la sua stima provvisoria il 30 giugno e il risultato definitivo il 14 luglio, certifichi che a giugno l'incremento si è limitato al 2,4%.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400