Mercoledì 23 Gennaio 2019 | 05:50

NEWS DALLA SEZIONE

TOKYO
Nissan: Ghosn verso dimissioni Renault

Nissan: Ghosn verso dimissioni Renault

 
PECHINO
Borsa Shanghai poco mossa, apre a -0,08%

Borsa Shanghai poco mossa, apre a -0,08%

 
WASHINGTON
Usa denuncia Oracle, discrimina donne

Usa denuncia Oracle, discrimina donne

 
TOKYO
Borsa: Tokyo, apertura in calo (-0,82%)

Borsa: Tokyo, apertura in calo (-0,82%)

 
NEW YORK
Petrolio: chiude in calo a 52,79 dollari

Petrolio: chiude in calo a 52,79 dollari

 
ROMA
Spread chiude stabile a 250 punti

Spread chiude stabile a 250 punti

 
MILANO
Borsa: Milano chiude a -1,03%

Borsa: Milano chiude a -1,03%

 
ROMA
Petrolio: ancora giù, Wti sotto 52 dlr

Petrolio: ancora giù, Wti sotto 52 dlr

 
MILANO
Cimbri esclude fusione Mps-Bper-Unipol

Cimbri esclude fusione Mps-Bper-Unipol

 
MILANO
Messina, in Italia Npl sotto controllo

Messina, in Italia Npl sotto controllo

 
MILANO
Lidl: punta su Italia 350 milioni

Lidl: punta su Italia 350 milioni

 

Ciliege: produzione scarsa, prezzi alle stelle

Per ritrovare analoghe annate di «magra» bisogna tornare indietro di decenni. La causa principale di tale situazione è riconducibile alle copiose e anomale piogge di aprile e maggio scorsi
ROMA - E' allarme rosso per le ciliegie italiane. La produzione sembra per questo anno molto scarsa e si profilano, purtroppo, prezzi elevati al consumo che arrivano fino ai 12 euro al chilo per le «italiane» e dai 5 ai 10 euro per quelle d'importazione. La qualità è comunque ottima. Lo rileva la Cia-Confederazione italiana agricoltori che ha svolto una accurato monitoraggio delle zone particolarmente votate alla coltura del gustoso frutto rosso. Per ritrovare analoghe annate di «magra» bisogna tornare indietro di decenni. La causa principale di tale situazione è riconducibile alle copiose e anomale piogge di aprile e maggio scorsi e all'umidità provocata dalla nebbia. Tutto ciò ha distrutto la maggior parte della fioritura all'albero. Quindi, annata critica sia per il «Prunus avium», che è il ciliegio dolce, sia per il «Prunus cerasus», detto anche «agriotto» o «visciolo». Nel Lazio - osserva la Cia - gli agricoltori lamentano una preoccupante scarsità di frutti all'albero. Nel medesimo periodo della passata stagione, lo stato di maturazione e quantitativo della produzione e dei frutti era quasi superiore del 50 per cento rispetto a questo anno. Deficitario - aggiunge la Cia - è il volume produttivo di altre regioni come il Veneto, Puglia, Piemonte, ma anche la Sicilia, Campania, Umbria, Toscana ed Emilia-Romagna lamentano un segno negativo, in termini produttivi, rispetto alle passate stagioni. Dunque, un rincaro di carattere fisiologico dovuto alla scarsità del prodotto sul mercato. Anche se si inseriscono speculazioni e aumenti artificiosi, di cui ancora una volta gli agricoltori non sono responsabili. In termini di consumi - rileva la Cia - le ciliegie mantengono un buon trend nel nostro Paese. Del resto, il frutto ha caratteristiche allettanti: risulta essere molto dissetante. E' indicato nella cura di artriti, arteriosclerosi, disturbi renali. Contiene buone quantità di fibre, potassio, calcio, fosforo e vitamine A e vitamina C. La ciliegia è ricca di flavonoidi utili contro i radicali liberi. Inoltre, come pochi altri frutti, incontra i gusti dei più piccoli, ed è considerato infatti, un frutto allegro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400