Giovedì 17 Gennaio 2019 | 06:38

NEWS DALLA SEZIONE

TREVISO
Stefanel: azienda vuole 244 esuberi

Stefanel: azienda vuole 244 esuberi

 
ROMA
Spread chiude in forte calo a 253

Spread chiude in forte calo a 253

 
ROMA
Boeri,non rendere dipendenti istituzioni

Boeri,non rendere dipendenti istituzioni

 
ROMA
Spread in forte calo in zona 250

Spread in forte calo in zona 250

 
NEW YORK
Borsa: Wall Street apre positiva

Borsa: Wall Street apre positiva

 
NEW YORK
Petrolio: in calo a Ny a 51,59 dollari

Petrolio: in calo a Ny a 51,59 dollari

 
ROMA
Più segnali su finanziamento terrorismo

Più segnali su finanziamento terrorismo

 
TORINO
Auto: 2018 Europa stabile,dicembre -8,7%

Auto: 2018 Europa stabile,dicembre -8,7%

 
MILANO
Borsa: Milano apre in rialzo (+0,46%)

Borsa: Milano apre in rialzo (+0,46%)

 
ROMA
Cambi: euro stabile a 1,14 dollari

Cambi: euro stabile a 1,14 dollari

 
ROMA
Spread Btp-Bund apre in calo a 262 punti

Spread Btp-Bund apre in calo a 262 punti

 

Ferie al mare, ma quanto mi costa?

Secondo l'Intesa dei consumatori dal 2001 ad oggi il costo di ombrelloni, sdraio ed ingresso a stabilimenti balneari sono triplicati. Un salasso per le famiglie
ROMA - Il sole stenta ancora a farsi vedere sulla maggior parte delle spiagge italiane, ma il caro ombrellone si fa già sentire, nonostante i ritardi della primavera. Più che per il sole, il rischio di scottarsi arriva infatti dai prezzi di sdraio e lettini, che in tre anni sono praticamente raddoppiati. La denuncia arriva dall'Intesa dei consumatori, secondo cui dal 2001 ad oggi il costo di una sdraio negli stabilimenti è passato da 8-10.000 vecchie lire a 8-10 euro.
In base ai monitoraggi delle associazioni, la vera impennata dei prezzi si è verificata nel 2002, con il passaggio dalla lira all'euro. Ma i prezzi si sono riscaldati anche nelle estati successive. Solo nell'ultimo anno, infatti, dall'estate 2003 ad oggi, il rincaro è stato in media compreso tra il 6% e il 12%.
E i rialzi non hanno risparmiato praticamente nulla: dalla sdraio (6,5 euro lo scorso anno, 7,50 oggi), all'accesso agli stabilimenti (tra 2,5 e 3 euro nel 2003, 3,50 euro oggi). Un abbonamento giornaliero è passato invece dalle 16-18.000 lire del 2001, ai 13-15 euro del 2003, fino ai 14-16 euro di quest'anno.
Prima di andare a trascorrere una giornata in spiaggia, sottolineano quindi i consumatori, bisogna farsi bene i conti in tasca, perché la ricerca della tintarella rischia di trasformarsi in una gita al mare piuttosto salata. «Anche in questo settore, come già in altri, - afferma Rosario Trefiletti a nome delle quattro associazioni dell'Intesa (Adoc, Adusbef, Codacons e Federconsumatori) - si è arrivati negli ultimi anni ad una sorta di equiparazione tra 1 euro e mille lire».
E le cifre salgono ancora se si guarda all'abbonamento stagionale. In media nel 2001, tre mesi al mare costavano tra le 400.000 e le 500.000 lire. Nel 2003 il prezzo è salito a 380-400 euro e quest'anno è cresciuto ancora a 420-440 euro. Un vero salasso per le famiglie.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400