Domenica 21 Ottobre 2018 | 10:05

NEWS DALLA SEZIONE

ROMA
Condono torna mini,ma arriva su cartelle

Condono torna mini,ma arriva su cartelle

 
ROMA
Rc auto:rischio aumenti non solo al Nord

Rc auto:rischio aumenti non solo al Nord

 
ROMA
Di Maio,smentisco taglio,deficit al 2,4%

Di Maio,smentisco taglio,deficit al 2,4%

 
VENEZIA
Fisco:oltre 100 tasse, ma ne bastano 10

Fisco:oltre 100 tasse, ma ne bastano 10

 
MILANO
Moody's: analista, escluso livello junk

Moody's: analista, escluso livello junk

 
CAPRI (NAPOLI)
Boccia, governo ora corregga la manovra

Boccia, governo ora corregga la manovra

 
MILANO
Erg dona quasi 3mila euro a dipendenti

Erg dona quasi 3mila euro a dipendenti

 
ROMA
Spread chiude in netto calo a 301,6

Spread chiude in netto calo a 301,6

 
MILANO
Borsa: Milano tiene, scivola Pirelli

Borsa: Milano tiene, scivola Pirelli

 
MILANO
Borsa: Europa incerta, Londra +0,3%

Borsa: Europa incerta, Londra +0,3%

 
MILANO
Borsa Milano chiude in calo, -0,04%

Borsa Milano chiude in calo, -0,04%

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

i più letti

BOLOGNA

A Bologna 1/a assemblea nazionale Riders

In programma iniziativa di mobilitazione il primo maggio

A Bologna 1/a assemblea nazionale Riders

BOLOGNA, 15 APR - La prima assemblea nazionale dei riders, i 'ciclofattorini' che lavorano per le piattaforme digitali di consegna del cibo a domicilio, ha richiamato a Bologna un centinaio di persone, soprattutto giovani, provenienti da tutta Italia. Tra loro anche due dei sei 'fattorini' che, dopo essere stati licenziati dalla multinazionale tedesca Foodora, hanno chiesto ai giudici del Tribunale del Lavoro di Torino il riconoscimento di lavoro subordinato. Ricorso respinto qualche giorno fa. La loro storia, come quella di altri riders provenienti anche da Francia e Belgio, è stata raccontata ai partecipanti che si sono confrontati sul riconoscimento dei loro diritti e sull'organizzazione di una iniziativa di mobilitazione il primo maggio a Milano, Torino e Bologna. Ed è proprio qui che la 'Riders Union Bologna', associazione che riunisce i lavoratori delle piattaforme digitali, ha firmato, insieme a Comune e sindacati, la prima 'Carta dei diritti fondamentali del lavoro digitale nel contesto urbano'.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400